Intervista alla rinomata pittrice Alessandra Turolli in occasione delle mostre di Spoleto Arte

22/lug/2014 17.49.59 UffStampaMilano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Continua il successo delle mostre di Spoleto Arte, curate da Vittorio Sgarbi e organizzate dal manager Salvo Nugnes, presso lo storico Palazzo Leti Sansi, nel cuore della città umbra. Tra i nomi noti dell'arte contemporanea, spicca Alessandra Turolli, che dal 27 Giugno al 24 Luglio 2014, espone le sue meravigliose creazioni.

 

 

Di seguito l'intervista all'artista.

 

D: Abbiamo avuto notizia del grande successo, che stanno riscuotendo le sue opere, esposte nel prestigioso contesto delle mostre di "Spoleto Arte" curate da Vittorio Sgarbi e organizzate dal manager Salvo Nugnes. È soddisfatta di questo positiva partecipazione?

R: Molto, perché chi si soffermava a guardare i miei quadri ha capito perfettamente quello che intendevo comunicare. Questo per me è molto importante e significativo.

 

D: Quali opere sono presenti in mostra e che tematica seguono?

R: Ho voluto creare una “mini” personale in chiave antologica, che potesse ripercorrere le fasi più salienti e significative della mia ricerca e offrire ai visitatori spoletini un assaggio interessante e stimolante del mio multiforme percorso stilistico sempre in continua e costante trasformazione evolutiva.

 

D: È la prima volta, che espone a Spoleto? È compiaciuta della curatela di Vittorio Sgarbi?

R: Sì, è la prima volta e il Prof. Sgarbi, come sempre, è un grande.

 

D: Ci racconti i suoi esodi nel mondo dell'arte e la sua formazione in materia.

R: Ho vinto, giovanissima, il primo premio ad una mostra di pittura piuttosto importante e sono stata segnalata all'Accademia di Brera e all'Accademia Carrara di Bergamo. Essendo bergamasca ho scelto di frequentare quest'ultima, il cui presidente era il Prof. Trento Longaretti. Malgrado capissi bene che era un'ottima occasione per la mia formazione, non sopportavo di dover fare nature morte, nudi e paesaggi dal vero. Essendo uno spirito libero la mia pittura è totalmente di fantasia ed inventiva. Ho lasciato l'Accademia dopo due anni per poter fare ciò che il mio animo esigeva.

 

D: Quali sono le principali fonti ispiratrici di riferimento? C'è un movimento o una corrente, a cui si sente più vicina nel percorso di ricerca stilistica e sperimentale?

R: No, seguo da sempre l'istinto che viene dal mio interno più profondo.

 

D: Quali sono le tecniche strumentali, che preferisce utilizzare?

R: Sono tecniche miste che invento e spesso cambio o modifico.

 

D: Un commento di riflessione su Spoleto, città d'arte e di cultura di secolare tradizione.

R: É stata un'esperienza bellissima, in quanto l'Umbria è una delle mie regioni preferite, i luoghi, la gente e la mostra stessa mi hanno dato una carica emotiva meravigliosa.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl