I borghi più belli del Salento: turismo alternativo

26/lug/2017 18:06:25 WalterW Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

In Salento esistono borghi meravigliosi e che si perdono in un tempo che non sembra il nostro. La Puglia non è solo mare.

Sempre più turisti scelgono di optare per b&b a Salve, case vacanze Torre Pali o residence a Pescoluse e, da lì, partire alla volta di una vacanza differente da quella più tipica dello stereotipo salentino. Il Capo di Leuca è una realtà differente da tutte le altre che offre, oltre alle straordinarie eccellenze della costa e alle seduzioni culinarie della sua tradizione, una serie di attrattive urbane, borghi incantevoli dove sembra che il tempo si sia fermato e in cui la tradizione del posto si respira in modo intenso e autentico oggi come prima del boom turistico dei primi anni 2000.

Specchia

Specchia è un comune da circa 5 anime che si perde nel profondo sud del Tacco d’Italia. Una perla inserita nella lista ANCI dei borghi più belli d’Italia che, nonostante un’estensione limitata, propone una concentrazione altissima di monumenti artistici e attrattive straordinarie. La borgata si struttura su viuzze strette e caratteristiche che accolgono chiese barocche, strutture bizantine, contaminazioni rinascimentali e gotiche armonizzate in un contesto unico e incantevole. La città di Specchia si fa simbolo della storia del Salento, delle dominazioni che assoggettarono la penisola nel corso dei secoli, del retaggio artigiano che anima la provincia di Lecce da sempre.

Presicce

Da Presicce a Specchia passa solo una manciata di chilometri. Altro borgo piccolissimo, altra realtà meritevole di essere inclusa nella lista ANCI. Presicce è conosciuta come la città degli ipogei per via dei numerosi frantoi sotterranei che circondano l’area rurale che colora il perimetro esterno della cittadina. E nel cuore della comunità sorgono monumenti, soprattutto in stile barocco, che esaltano il profilo urbano e rendono il comune un unico da scoprire con gli occhi dell’esploratore.

Nardò

Risalendo verso nord si giunge a Nardò, centro di riferimento della costa ionica salentina da oltre 30 mila abitanti. Il centro storico neretino è ricchissimo di arti eccellenti che attraversano per intero la storia del Salento e si concretizzano in basiliche, chiese, palazzi e poi ville antiche e masserie fortificate, a pochi chilometri da una delle marine più belle del Salento. E, forse, di tutta Italia.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl