Brigitta Rossetti alla Biennale di Firenze, dal 5 al 13 Dicembre 2009

Brigitta Rossetti alla Biennale di Firenze, dal 5 al 13 Dicembre 2009 Brigitta Rossetti alla Biennale di Firenze, dal 5 al 13 Dicembre 2009 dal 5 al 13 Dicembre 2009 Artisti presenti: Brigitta Rossetti Sede Firenze - Biennale Internazionale di arte contemporanea 2009 Fortezza da Basso dalle 10.00 alle 20.00 Biglietto Intero: _ 10,00 Biglietto ridotto: _ 8,00 - gruppi di almeno 6 persone, scuola secondaria, oltre i 65 anni, studenti universitari con documento d'iscrizione valido, disabili.

07/dic/2009 08.59.13 GAMeC CentroArteModerna Pisa Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.



Brigitta Rossetti alla Biennale di Firenze, dal 5 al 13 Dicembre 2009



dal 5 al 13 Dicembre 2009



Artisti presenti : Brigitta Rossetti



Sede Firenze - Biennale Internazionale di arte contemporanea 2009 Fortezza da Basso

dalle 10.00 alle 20.00

Biglietto Intero: € 10,00

Biglietto ridotto: € 8,00 - gruppi di almeno 6 persone, scuola secondaria, oltre i 65 anni, studenti universitari con documento d'iscrizione valido, disabili.

Per le scolaresche di almeno 15 ragazzi sono previste particolari agevolazioni.

Biglietto gratuito - accompagnatore di persone affette da disabilità, scuola primaria, giornalisti che hanno effettuato l'accredito o che esibiscano documento valido.

Biennale Card 2009: € 20,00 - valido per tutti i giorni della mostra.

Info: www.florencebiennale.org

___________________________________________________________________________________



Brigitta Rossetti alla Biennale di Firenze, dal 5 al 13 Dicembre 2009



"Entering the Obsession" , il titolo dell'istallazione che sarà presentata dall'artista



"L'arte deve disturbare. La scienza deve rassicurare." Lo scriveva George Braque e questa frase sintetizza al meglio la creazione dell'opera che Brigitta Rossetti ha scelto di presentare alla Biennale di Firenze: il titolo dell'istallazione è Entering the obsession.

L'obiettivo duplice: l'inizio di un viaggio che potrà condurre alla scoperta come alla sconfitta, attraverso un percorso dall'esperienza visibile comune al mondo intellettivo ed intellegibile individuale; la necessità dell'artista di sensibilizzare su uno dei mali più sottili dei nostri anni, l'ossessione appunto.

L'istallazione racchiude più opere e più tecniche in un'unica imponente rappresentazione, come a voler dare libertà alla poliedricità dei suoi metodi di lavoro e di passione: pittura, videoinstallazione, scultura, poesia in un insieme di segni, gli stessi che richiamano un paragone, forse arduo ma azzeccato, con un'affermazione di Eraclito, "non sarebbe affatto meglio se le cose andassero come gli uomini desiderano. A meno che non ti aspetti l'imprevedibile, non troverai mai la verità, perché è arduo scoprirla e arduo realizzarla. La natura ama nascondersi. L'oracolo di Delphi non parla né nasconde: dà semplicemente dei segni".

Entering the obsession è il frutto di un lavoro dove Brigitta Rossetti si è misurata con il suo passato, con le esperienze che quotidianamente si presentano ai nostri occhi a cui non prestiamo la giusta attenzione, con persone che l'ossessione l'hanno vissuta direttamente o la affrontano per motivi professionali e umanitari, con le tante piccole o grandi monomanie che condizionano la vita quotidiana delle persone, come il fumo, l'ordine compulsivo ecc…

Un affresco corale, che parte da un dipinto, in acrilico su tela, che presenta, si legge nel testo critico di Alessandra Locatelli, "la condizione umana nella sua completa fragilità: la sagoma è nuda, indifesa, privata anche della maschera protettiva dei capelli, e sola. La scelta cromatica graffia il bianco ed il nero scoprendo un imprevisto verde, un'aurea di linfa vitale, un anelito generativo di nuova vita, tuttavia non eterno, caduco, sottoposto al tempo di una clessidra."

Alla tela seguono due filmati video, girati e montati dall'artista, che diventano "lenti di ingrandimento sul suo stato interiore, tracce della memoria intima alternate fino a fondersi con la memoria collettiva umana. Il vicolo cieco dell'esistenza ripetuta in gesti che non trovano soddisfazione si stringe sulla condizione dell'oggi, permeata dallo scollamento tra l'io e l'es, entrambi contaminati e governati dal super-io."

L'impatto è duro e coinvolgente, incanta l'osservatore trascinandolo in una sensazione indefinita ma che, l'artista sa, lo porterà inconsciamente a riflettere sulla condizione dell'ossessione: del corpo, del diverso, della malattia, del comportamento, dell'ossessione stessa.

Il risultato sociale potrebbe essere raggiunto ma il viaggio prosegue, con parametri di lettura diversi, più sensibili e attenti.

Con la terza opera, di nuovo pittorica, l'artista compie "un'immersione nel pensiero, tappa necessaria nel percorso di conoscenza; quasi a seguire la teoria della linea di Platone, affonda il pennello calandosi all'interno della lastra psichica, costruita secondo le dissezioni delle tracce mnestiche dell'uomo, trovandovi paure, contraddizioni, disagi e desideri. Un graffito in cui convergono indizi, tracce, segni, riconducibile alla mappa anatomica dell'attività cerebrale", per approdare alla quarta sezione dell'istallazione, dove affiora la scultura.

Un intreccio di gomma che identifica, scrive Locatelli, "un cervello, nero, amorfo, illogico, sospeso in un'aggregazione futuristica in plexiglass, cola verso la linea più corta di tre microstrutture che sigillano polvere bianca."

"Ho voluto unire in un'unica scultura il cervello, quindi il pensiero, e l'anima, bianca ma chiodata, separandoli, in modo che non si possano toccare: mi ricorda l'appeso delle carte della divinazione. È l'incomunicabilità che sottende molte relazioni, ridotte all'idea che ogni attore si fa di essa", spiega Brigitta Rossetti.

Ma l'opera non si ferma qui e, attraverso l'istallazione, ci si propone di disturbare. Lasciando chi osserva libero. Di fare ciò che l'ossessione nega: decidere.

Ecco allora due Moleskine appesi, l'inizio di un processo di coinvolgimento degli spettatori della Biennale, che potranno lasciare segni, parole, graffiti secondo l'emozione del momento. Nel primo Moleskine i disegni di Brigitta Rossetti che, nel lungo sviluppo delle pagine unite, traccia uccelli che si trasformano in lunghe figure umane che ne sorreggono altre che si trasformano in piante e cascate d'acqua, richiamando la natura come luogo per affrontare l'ossessione. Nel secondo il testo di un fotografo che racconta di "una nuvola di fumo creata da ottanta sigarette, in un grande stanzone squallido, colmo di ottanta anime che perse in un movimento circolare attorno ad una grande colonna posta al centro vagavano lì senza meta...

Così mi appariva ventitre anni fa un mondo a me sconosciuto...IL MANICOMIO.

Basaglia cinque anni prima aveva abbattuto le porte di quelle stanze senza tempo e senza senso,

ma non era riuscito ad abbattere l'invisibile muro che la società aveva costruito per dimenticarsi di quelle ottanta anime...Da allora molto tempo è passato e quelle stanze piene di sofferenza sono state abbattute, e quelle ottanta anime stanno cercando di tornare ad essere persone con una propria dignità ...dignità....

che cancelli dalle loro menti quel movimento circolare ed isterico attorno ad una colonna. Dignità che riesca ad abbattere il muro........il pregiudizio."

Nei giorni della Biennale altri Moleskine saranno a disposizione del pubblico che potrà interagire lasciando un segno, un pensiero, un disegno, una traccia di ciò che ha provato di fronte all'istallazione.



Sue opere sono in permaneza presso GAMeC CentroArteModerna di Pisa,





____________________________________________________________________________



Ufficio stampa:

Massimiliano Sbrana

mobile +39 3393961536

e-mail mostre@centroartemoderna.com



Si autorizza la pubblicare testi e immagini relativi alla mostra IN OGGETTO. Si dichiara che per le immagini e per i testi contenuti nel predetto comunicato non esistono VINCOLI SIAE NE' VINCOLI DI ALCUN TIPO.





______________________________________________________________________________



In ottemperanza art.13 del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali", si dichiara che i dati raccolti, verranno trattati per il solo scopo di invio mail promozionali (altre info sono reperibili sul sito www.CentroArteModerna.com). Secondo quanto previsto dal DL, è possibile modificare o cancellare i dati in qualsiasi momento in modo del tutto gratuito e autonomo.

Se non hai richiesto questa email, ce ne scusiamo.



Per contattare il titolare della newsletter



mobile +39 3393961536

e-mail: mostre@centroartemoderna.com

___________________________________________________________________________________



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl