Cromie comunicanti. Angelo Molinari.

In esposizione una selezione delle opere pittoriche di Angelo Molinari: quelle dove il colore bianco si fa protagonista assoluto della tela.

07/dic/2009 18.04.56 anti: galleria d'arte contemporanea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

CROMIE COMUNICANTI.
11 dicembre 2009 – 9 gennaio 2010
A cura di Massimo de Luca
Inaugurazione 11 dicembre ore 18,30
 
 
È una mostra silenziosa quella presentata dalla galleria anti di Mestre. In esposizione una selezione delle opere pittoriche di Angelo Molinari: quelle dove il colore bianco si fa protagonista assoluto della tela.
 
La ricerca di Angelo Molinari rientra nell’ambito della pittura gestuale, ossia quel tipo di pittura nata negli anni cinquanta che concepisce l’opera come rappresentazione della gestualità dell’artista, in quella che è stata definita: una “poetica del gesto”. La tela diventa così il luogo in cui tradurre in immagini la propria coscienza e la propria istintività.
 
Molinari dispone a terra le tele e le dipinge stando in piedi, andandoci dentro, camminandoci sopra. Il colore è dato direttamente sulla superficie con grandi pennelli che provengono dalla Cina e dal Giappone e che diventano quasi un prolungamento della propria mano. Spesso lavora su più tele contemporaneamente con pennellate dense e ripetute che portano a molteplici stratificazioni di colore.
 
I titoli dati ai dipinti hanno sempre dei nomi poetici che richiamano al vissuto dell’artista come, ad esempio,Un piccolo variopinto acquisto, La luce unica e brillante, Si assopisce. SognaedInvadendo il vuoto. Quest’ultimo è anche l’unico dipinto dalle tonalità diverse, grigio/nere, presente in mostra.
 
Nelle opere esposte in galleria il colore bianco s’impone sulla tela con grosse pennellate che lasciano, però, intravedere piccole zone di colore diverso, spesso giallo o grigio. L’artista, così facendo, si allontana dalla monocromia e dà una maggiore vitalità al dipinto.
 
Le opere di Molinari si distinguono per l’eleganza e per la raffinatezza che trasmettono, in una mostra non solo da guardare ma anche da sentire.
 
Angelo Molinari nasce nel 1956 ad Ameno (NO) dove tuttora vive e lavora. La sua pittura è stata definita gestuale e si caratterizza per l’uso di grossi pennelli. Tra le mostre si ricorda la personale del 2005 alla Galleria arte e pensieri a Roma, la partecipazione alla Miart Milano Cavenaghi Arte nel 2008, nel 2007 alla collettiva “Studi Aperti” ad Ameno (NO), “Esperienze di confine 2” Forum di Omega (NO).
 
 
 
CROMIE COMUNICANTI.
11 dicembre 2009 – 9 gennaio 2010
ANTI: Galleria d’Arte Contemporanea
Via Mestrina 58, Mestre (Venezia)
Lunedì 15,30 – 19,30
da martedì a sabato 10,00 – 12,30 / 15,30 – 19,30
www.antigallery.it
info@antigallery.it
tel. 3666875619tel. 366687561

CROMIE COMUNICANTI.

11 dicembre 2009 – 9 gennaio 2010

A cura di Massimo de Luca

Inaugurazione 11 dicembre ore 18,30

 

 

È una mostra silenziosa quella presentata dalla galleria anti di Mestre. In esposizione una selezione delle opere pittoriche di Angelo Molinari: quelle dove il colore bianco si fa protagonista assoluto della tela.

 

La ricerca di Angelo Molinari rientra nell’ambito della pittura gestuale, ossia quel tipo di pittura nata negli anni cinquanta che concepisce l’opera come rappresentazione della gestualità dell’artista, in quella che è stata definita: una “poetica del gesto”. La tela diventa così il luogo in cui tradurre in immagini la propria coscienza e la propria istintività.

 

Molinari dispone a terra le tele e le dipinge stando in piedi, andandoci dentro, camminandoci sopra. Il colore è dato direttamente sulla superficie con grandi pennelli che provengono dalla Cina e dal Giappone e che diventano quasi un prolungamento della propria mano. Spesso lavora su più tele contemporaneamente con pennellate dense e ripetute che portano a molteplici stratificazioni di colore.

 

I titoli dati ai dipinti hanno sempre dei nomi poetici che richiamano al vissuto dell’artista come, ad esempio, Un piccolo variopinto acquisto, La luce unica e brillante, Si assopisce. Sogna ed Invadendo il vuoto. Quest’ultimo è anche l’unico dipinto dalle tonalità diverse, grigio/nere, presente in mostra.

 

Nelle opere esposte in galleria il colore bianco s’impone sulla tela con grosse pennellate che lasciano, però, intravedere piccole zone di colore diverso, spesso giallo o grigio. L’artista, così facendo, si allontana dalla monocromia e dà una maggiore vitalità al dipinto.

 

Le opere di Molinari si distinguono per l’eleganza e per la raffinatezza che trasmettono, in una mostra non solo da guardare ma anche da sentire.

 

Angelo Molinari nasce nel 1956 ad Ameno (NO) dove tuttora vive e lavora. La sua pittura è stata definita gestuale e si caratterizza per l’uso di grossi pennelli. Tra le mostre si ricorda la personale del 2005 alla Galleria arte e pensieri a Roma, la partecipazione alla Miart Milano Cavenaghi Arte nel 2008, nel 2007 alla collettiva “Studi Aperti” ad Ameno (NO), “Esperienze di confine 2” Forum di Omega (NO).

 

CROMIE COMUNICANTI.

11 dicembre 2009 – 9 gennaio 2010

ANTI: Galleria d’Arte Contemporanea

Via Mestrina 58, Mestre (Venezia)

Lunedì 15,30 – 19,30

da martedì a sabato 10,00 – 12,30 / 15,30 – 19,30

www.antigallery.it

info@antigallery.it

tel. 3666875619tel. 366687561

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl