c.s. Mirco Marchelli - piano pianissimo

Mirco Marchelli - piano pianissimo MIRCO MARCHELLI piano pianissimo OPERE RECENTI La Galleria Marcorossi artecontemporanea di Verona è lieta di presentare la mostra "piano pianissimo" che raccoglie una ventina di opere realizzate dall'artista Mirco Marchelli appositamente per l'occasione.

12/dic/2009 11.24.24 Marcorossi Spiralearte Verona Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

MIRCO MARCHELLI

piano pianissimo

                OPERE RECENTI

 

 

La Galleria Marcorossi artecontemporanea di Verona è lieta di presentare la mostra “piano pianissimo” che raccoglie una ventina di opere realizzate dall’artista Mirco Marchelli appositamente per l’occasione.

 

Quando si guarda un’opera di Marchelli è un po’ come entrare a casa sua. Gli oggetti celati dietro la cera polverosa si scoprono poco a poco nella penombra. “piano pianissimo” è solo l’ennesima variazione di uno stesso spartito musicale, ma rivisto, riascoltato, rimeditato. I lavori nascono sempre dalla stessa spinta emotiva, dalla stessa pulsione interiore che ha bisogno di scoppiare in superficie ma che l’artista riesce a contenere tra le griglie di un vecchio telaio, di un materasso, di un pezzo di passato dimenticato in una vecchia cantina. Ed ogni cosa, magicamente, ad un breve passo dall’eterno riposo riprende vita. Ma è una vita sonnacchiosa, fatta di superfici dai toni compassati, da colori quasi sbiaditi. Le opere in mostra hanno in più la consapevolezza dei colori tenui, di quel bianco diffuso che vuol dire “ci sono, ma in punta di piedi”, come lo stesso Marchelli entra nella vita, senza troppo chiasso, senza gridare, come il protagonista rossiniano entra sulla scena Piano, pianissimo, senza parlar”. Sono lavori che odorano di vecchia reliquia, di attimi eterni, parlano di abbandoni e ritrovamenti. “In principio fu il caos” che Marchelli chiama “mancata idea”. Le sue opere sorgono così: da qualcosa che non c’è, dalla mancata progettualità, dall’assenza di programma. E’ una spinta emotiva, un bisogno, un desiderio.  L’importante è che venga a  galla, non importa come, perché l’artista non usa solo stoffa, cera, frammenti di legno, ceramica e colore, ma anche il pianoforte e la penna e il taccuino.  “La malattia è la stessa – spiega l’artista – comporre musica, scrivere un testo, realizzare un’opera e arredare casa.  Non c’è differenza, l’ispirazione è sempre e solo dentro di me”. Allora cosa sono le opere di Mirco Marchelli? “Se dico che sono una necessità, dico una cosa banale – prosegue -  in fondo, sono solo uno che racconta bugie, uno che di pratico non sa fare nulla, che si è inventato un mestiere, ma chissà se avessi saputo fare l’idraulico…”. Ma l’animo dell’artigiano, sotto sotto, c’è. Dietro il passato che diventa presente eterno, c’è ancora l’oggetto lavorato e trasformato dalle mani ma che non ha né fine né principio.  “Ad un certo punto il lavoro termina ma potrebbe durare all’infinito, semplicemente dico basta un po’ per sfinimento un po’ - forse -  per soddisfazione”.

 

Galleria Marcorossi artecontemporanea

Via Garibaldi 18/a, Verona tel. 045/

verona@spiralearte.com

www.marcorossispiralearte.com  

   

Artista          MIRCO MARCHELLI

 

   Date         13 Febbraio – 20 Marzo 2010

   Orari         da martedì a sabato 10.00 - 12.30 15.00 – 19.00       

                  Inaugurazione sabato 13 Febbraio ore 18.30 – 22.00   

 

 

Mirco Marchelli è nato a Novi Ligure nel 1963; oggi vive e lavora a Ovada. I suoi lavori vengono esposti in mostre personali e collettive dal 1994: prima a Gavi, Alessandria e Genova, poi nel 1997 a Verona con le mostre La casa di Mirco e Pause popolari presso la galleria Studio La Città. La sua prima mostra all’estero è nel 1998 presso la Galleria Sfeir-Semler di Amburgo, seguita nel 2000 dalla collettiva Carte blanche à Hélène de Franchis presso la Galleria Lucien Durand Le Gaillard di Parigi. L’anno successivo presenta a Regensburg la personale C’era una volta il re alla Galerie Peter Bäumler e nel 2005 il suo lavoro è esposto a Barcellona dalla Galleria Miquel Alzueta. La galleria Studio La Città di Verona presenta nel 2003 la mostra Acqua calda acqua fredda. Nel 2004 Marchelli partecipa alla Biennale di Arte Sacra al Museo Staurós a Isola del Gran Sasso e la Galleria Il Traghetto presenta a Venezia la mostra Quindici diciotto. L’anno successivo la Galleria Cardelli e Fontana allestisce Cime, segni e specchi d’acqua a Sarzana. Nel 2006 Marchelli è presente con Via Crucis al Monastero di Villafranca Piemonte a Torino e alla Galleria San Fedele di Milano nella mostra collettiva Sentire con gli occhi. Nel 2007 la sede milanese di Spirale Arte allestisce Trombe clarini e genis, a cura di Marco Meneguzzo, mentre per la galleria Eventinove di Torino Luca Beatrice presenta un’altra personale, intitolata Ma c’è un Ma, che nel 2008 viene proposta anche nella galleria Marcorossi Spiralearte di Pietrasanta. Nello stesso anno, in Spagna, la galleria Miquel Alzueta di Girona ospita una sua personale e la Galleria Cardelli e Fontana presenta Amata o Tic Tac curata da Marisa Vescovo. Nel 2009 il nuovo ciclo di opere intitolato Aristocratica  viene esposto ad AquiTerme alla Galleria GlobalArt e a Barcellona alla Galeria Miquel Alzueta, nello stesso anno partecipa alla rassegna L’oronero curata da Alberto Fiz alla Galleria Marcorossi artecontemporanea di Milano.

 

 
MARCOROSSISPIRALEARTE
    artecontemporanea
Via G. Garibaldi 18/a 37121 Verona
tel: 045 597753 fax: 045 597212
verona@spiralearte.com
www.spiraleartecontemporanea.it
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl