MOSTRA LA GUGGENHEIM E IL SUO AFFETTO PER GLI ARTISTI ITALIANI DEL SUO TEMPO - Omaggio a 30 anni dalla scomparsa della celebre collezionista americana-GALLERIA TONDINELLI-ROMA

14/dic/2009 19.44.05 Galleria Tondinelli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

Con il Patrocinio di

Ambasciata degli Stati Uniti d’America in Italia

Consiglio Regionale del Lazio

Provincia di Roma

Comune di Roma – Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione

Roma Città Natale 2009

 

LA GUGGENHEIM E IL SUO AFFETTO

PER GLI ARTISTI ITALIANI DEL SUO TEMPO
 
Omaggio a 30 dalla scomparsa della celebre collezionista americana

a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli
 
inaugurazione lunedì 21 dicembre 2009 ore 18.30 e fino alle 21.00
 

COMUNICATO STAMPA

Con il Patrocinio di

Ambasciata degli Stati Uniti d’America in Italia

Consiglio Regionale del Lazio

Provincia di Roma

Comune di Roma – Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione

Natale Roma 2009

 

Mostra

La Guggenheim e il suo affetto per gli artisti italiani del suo tempo

Omaggio a 30 dalla scomparsa della celebre collezionista americana

 

Carla Accardi · Afro · Edmondo Bacci · Fabrizio Clerici · Giorgio De Chrico · Piero Dorazio

Lucio Fontana · Bice Lazzari · Mirko · Costantino Nivola · Gastone Novelli · Armando Pizzinato

Arnaldo Pomodoro · Giuseppe Santomaso · Toti Scialoja · Mario Sironi · Emilio Vedova

 

a cura di

Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli

 

Inaugurazione: lunedì 21 dicembre 2009 ore 18.30 e fino alle 21.00

Sede: Galleria Tondinelli

Indirizzo: Via Quattro Fontane, 128/a - 00184 Roma

Tel: 06 4744300 www.galleriatondinelli.it  E-mail: info@galleriatondinelli.it

Durata: 21 dicembre 2009- 26 gennaio 2010

Organizzazione e ufficio stampa: Galleria Tondinelli Tel 06 4744300-Cell. 339 2314606

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 11.30 e dalle 16.30 alle 19.30

 

La Galleria Tondinelli presenta dal 21 dicembre 2009 al 26 gennaio 2010 la mostra La Guggenheim e il suo affetto per gli artisti italiani del suo tempo. Omaggio a 30 anni dalla scomparsa della celebre collezionista americana a cura di Costanzo Costantini e Floriana Tondinelli.

«La mostra vuole essere un omaggio alla collezionista Peggy Guggenheim conosciuta in tutto il mondo, che ha sostenuto le avanguardie artistiche internazionali, attraverso le opere degli artisti italiani che più ha stimato. Cerca di proteggere l’arte del tuo tempo.
Poche, semplici parole riempiono la prima pagina di un diario ritrovato in un piccolo scrigno dopo il naufragio del celebre Titanic. Due iniziali sono incise con maestria: P.G. Suo papà, Benjamin, durante la notte del naufragio, di ritorno negli Stati Uniti, perde eroicamente la vita lasciando alla piccola Peggy un monito che le segnerà il destino. Messaggio che supera il tempo e che trova corrispondenze tra vari appassionati ed esperti d’arte [….] Mi sono sempre sorpresa della continua ricerca di Peggy Guggenheim di nuovi talenti e nuovi artisti emergenti e ho ammirato il suo spirito di collezionista e mecenate, questo pensiero mi ha catturato a tal punto da dedicarLe questa mostra» (Floriana Tondinelli). « [….] Peggy era una mecenate, come lo era l’uomo che ha dato origine a questa parola, quel Gaio Cilnio Mecenate, che proteggeva Orazio e altri poeti latini. Peggy era anche, o lo era diventata  talent-scout: scopriva gli artisti, li finanziava, ne comprava le opere, organizzava mostre per loro, li rendeva noti o famosi  [….] Peggy Guggenheim è stregata da Venezia, dove era stata la prima volta durante la luna di miele con Laurence Vial, il suo primo marito. Era da un pezzo che sognava di vivere nella città lagunare e verso la fine degli anni Cinquanta realizza il suo sogno, potandovi la sua collezione e installandosi poi a Palazzo Venier dei Leoni, sul Canal Grande. I primi artisti italiani che vi conosce sono Vedova e Santomaso, ai quali

seguono Consagra, Mirko, Viani, Marino Marini, Crippa, Dova, Tancredi e Edmondo Bacci. Verso questi ultimi due è particolarmente generosa. [….] Per  diversi anni Tancredi lavorò in cantina, e fu un gran sollievo quando se ne andò. Per un certo periodo i suoi quadri furono venduti nella stanza che prima serviva da lavanderia...; Il mio secondo protetto fu Edmondo Bacci, un pittore molto lirico, sulla quarantina, le cui opere erano ispirate a Kandinsky. Viveva in modo molto organizzato e con lui tutto procedeva tranquillamente con successo, al contrario di Tancredi  [….] Bacci e Tancredi erano i due pittori italiani le cui opere mi piacevano di più diceva Peggy Guggenheim tanto che ne avevo la casa piena, ma ammiro anche il lavoro di Vedova del quale ho due quadri”.

Gli artisti italiani con i quali ebbe rapporti sono molto più numerosi di quelli che Peggy cita nella sua autobiografia. Quasi sicuramente ebbe rapporti, brevi o lunghi, con quelli le cui opere figurano nella sua collezione e che sono Giorgio De Chrico con il quale inaugura la galleria “Art of this Century” con sedici tele metafisiche, Bacci, Dorazio, Afro, Clerici, Sironi, Fontana, Scialoja, Mirko, Arnaldo Pomodoro, Fontana, Nivola, Santomaso, Vedova, Carla Accardi, Gastone Novelli, Costantino Nivola, Bice Lazzari, Armando Pizzinato. [….] Arnaldo Pomodoro ricorda che nei primi anni Cinquanta Peggy acquistò alla Biennale di Venezia una sua scultura.

Peggy Guggenheim Nata nel I898 da una ricchissima famiglia di industriali ebrei americani di origine elevetica, nel I9I9 viene in possesso della sua eredità, abbandona gli studi (leggeva i testi di

Berenson e amava gli artisti del Rinascimento, soprattutto i veneziani) e parte per l’Europa, sulla scia degli scrittori e artisti americani che negli Venti approdavano nel vecchio continente e  specialmente a Parigi in cerca di successo, ma che erano diventati quella che Gertrude Stein chiamava la “generazione perduta”. Ma Peggy non si perde, ad onta delle difficoltà che incontrerà sulla sua strada. All’inizio del ’39 apre una galleria a Londra e grazie a Marcel Duchamp si converte all’arte moderna inaugurandola con una mostra di Kandinsky, il creatore dell’arte astratta.                 

Incomincia a comprare opere di arte moderna. Verso la fine di quell’anno  progetta di aprire nella capitale inglese un museo, ma quando tutto è pronto o quasi pronto, il vecchio continente è sul punto di esplodere. Da Londra si sposta a Parigi, dove continua ad acquistare opere d’arte moderna, fra cui lo  Bird in space di Brancusi, prende in affitto una galleria in Place Vendome, ma i tedeschi si vanno avvicinando alla città per metterla a ferro e fuoco. Porta la collezione al Museo di Grenoble ma non può esporvela per il timore di rappresaglie da parte del regime di Vichy.

Assalita da un attacco di spleen, nel ‘4I torna a New York, dove, con l’aiuto di Duchamp, Ernst e  Breton,  può realizzare finalmente i suoi progetti. Apre una galleria dal nome pomposo,”Art of this Century”, ma che si riempie ben presto dei più interessanti artisti del momento. La inaugura con ben sedici tele metafisiche di de Chirico, cui fanno seguito mostre di Pollock, Baziotes, Motherwell, dei surrealisti americani e degli espressionisti astratti, Gorky, De Kooning, Rothko e molti altri.

John Galbraith, richiesto di dire dove avrebbe voluto trascorrere il post-mortem, aveva risposto:..”Non mi dispiacerebbe di trascorrerlo a Venezia”. Peggy Guggenheim, spentasi il 23 dicembre del I979, l’aveva preceduto, andando a fare compagnia a Diaghilev e A Stravinsky» (Costanzo Costantini).


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl