GALLERIA PIZIARTE

23/dic/2004 09.47.56 PiziArte Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
BOLOGNA FLASH ART SHOW

www.piziarte.net

La galleria Piziarte diretta da Manuela e Patrizia Cucinella partecipa, dal
27 al 30 Gennaio 2005 presso l'Hotel Sofitel di Bologna (Viale Pietramellara
59) al "Bologna Flash Art Show".

La galleria Piziarte, da tempo impegnata nella ricerca e promozione di nuovi
talenti dell'arte contemporanea, sarà presente con alcuni dei suoi giovani
artisti: Antonella Cinelli, Matteo Clementi, Ruggiero Lacerenza, Lucia
Leuci, Eric Serafini, Gabriele Talarico, che con le loro opere esprimono la
loro passione per la pittura e per l'immagine dimostrando una gran voglia di
rinnovarsi, di fare nuovi esperimenti e soprattutto di confrontarsi.

Matteo Clementi: "La nudità neutralizzata si sospende nel vuoto della
superficie. La pelle degli sconosciuti ascolta i nostri sguardi. Le colature
piangono i mali di un mondo mai troppo lontano. Il colore si prepara al
sacrificio necessario. Dentro i quadri di Clementi non esistono più attimi
normali (nella loro normalità) ma solamente gesti assoluti (nella loro
normalità), unici nel fermarsi lungo il tempo anomalo del dipingere."

Antonella Cinelli:"I suoi lavori raccontano di spogliarelli pudichi senza
parole e senza musica, di un sex appeal semplice e spontaneo, di corpi nudi
che si offrono timidamente alla vista, un po' vergognosi un po' dolcemente
seducenti. Quando nel quadro è ritratto anche il volto della modella, spesso
lo sguardo della ragazza raffigurata si volge a cercare quello dello
spettatore, lo guarda fisso per trovare una tenera complicità, come se
dall'altra parte della tela non potesse che esserci una persona soltanto,
fidata e complice."

Ruggiero Lacerenza:"Per quanto riguarda i dipinti,una nota merita il medium
adoperato,ossia lo smalto industriale(sia pure sul tradizionale supporto di
tela).Questa vernice asseconda la velocità gestuale
dell'esecuzione,riservando alla figura umana un trattamento analogo a quello
degli oggetti della produzione industriale."

Lucia Leuci:"Da un lato, abbiamo sequenze "seriose" di autoscatti in
dissolvenza, esibizioni del proprio corpo sui tempi lunghi di un movimento
frenetico e nevrotico, che sottrae la fisicità carnale e cancella i volti.
Uno scandaglio quasi ossessivo, in cui la fotografia diviene un modo per
riappropriarsi dello sguardo su se stessa, e comunicare un disagio e
un'irrequietezza certamente personali, ma anche tipici di un malessere e di
una condizione generazionale e di genere."

Eric Serafini: "Non importa che si tratti d'un ritratto stile inizio
Novecento o di un orizzonte newyorkese stracontemporaneo, da terzo
millennio, magari già ferito dal Ground zero e da edificazioni recentissime:
l'artista succhia comunque via dal paesaggio e dalle figure i colori vivi e
originali - come ci si trovasse di fronte a una cartolina violentata per
lungo tempo dal sole e dalle intemperie - e lascia quella patina ocra e
ambra tipica delle fotografie ritrovate in soffitta, in album dimenticati,
dove anche la situazione più banale è resa affascinante e coinvolgente dalla
lontananza e dal mistero."

Gabriele Talarico:" Usa la tecnica del -negativo fotografico- esaltando sia
l'originalità del dipinto che le sue qualità pittoriche.



Galleria Piziarte
Viale Francesco Crucioli 75/a
64100 Teramo
Tel/Fax 0861 252795

www.piziarte.net  
info@piziarte.net


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl