Collettiva/La strana teoria della luce e della materia

20/gen/2010 09.14.41 RossoCinabro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
La strana teoria della luce e della materia
25 gennaio - 12 febbraio 2010

"Quelli che s'innamoran di pratica sanza scienza son come'l nocchier ch'entra in naviglio sanza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada" (Leonardo da Vinci)


Parlando di colore inevitabilmente parliamo di luce dal momento che senza di essa non vi può essere colore. La luce non è solo onda (come sosteneva Newton) ma anche particella. La luce arriva confezionata in forma di ‘quanti’, ognuno dei quali contiene un quantitativo di energia proporzionale alla frequenza. Questi quanti di luce sono detti ‘fotoni’. Albert Einstein propose nel 1905 questo concetto eretico, che più tardi gli valse il Nobel.
Difficilmente possiamo vedere in natura radiazioni colorate, se non in pochi fenomeni, come in quello dell'arcobaleno, i cui colori vengono generati  dalla rifrazione. Questo esempio di diffusione di luce è il principale modo fisico in cui si può produrre il colore. Quotidianamente vediamo però superfici colorate, il cui colore dipende dalla composizione chimica della sostanza e dal suo assorbimento di luce. 
Perciò il colore può essere considerato come la manifestazione visibile delle leggi che sono alla base della struttura della materia. Quando determinate frequenze di luce entrano in contatto con lo spettro energetico degli atomi o delle molecole degli oggetti, questi rispondono alla sollecitazione passando dallo stato fondamentale di minima energia a un livello eccitato dove l'energia si trasforma in agitazione termica, per ricadere poi allo stato fondamentale. Nella ricaduta viene emesso quella radiazione di luce che noi percepiamo come colore.
I colori sono dunque il risultato di un assorbimento selettivo della radiazione elettromagnetica e di una perdita di energia atomica: un oggetto rosso ad esempio assorbe tutte le frequenze dello spettro, tranne quelle relative al rosso. Quando questa corrispondenza viene a mancare non c'è colore e l'oggetto appare trasparente.
La percezione del colore dipende da un fattore soggettivo. Per la sua semplicità e universalità il colore è ritenuto uno degli strumenti più efficaci della comunicazione visiva. La  visione dell'immagine  viene elaborata dall'esperienza soggettiva che la compara istantaneamente con le esperienze culturali e le sollecitazioni affettive ed emotive.
Si capisce come ciascun colore rimanda all’inconscio, agisce sulla sua emotività,  esprime  preferenza o rifiuto, offre un linguaggio che  riflette l'individuo e la sua immagine del mondo.
Quello della luce e dell’uso del colore è un nodo tra i tanti che gli artisti si sono trovati a sciogliere, in trapassi ardui tra memorie storiche della pittura e approdi extrapittorici dell'arte contemporanea. La luce, i colori,  come valori  simbolici e al contempo soluzioni espressive sempre aperte, costituiscono dunque una sorta di filo rosso che attraversa tutta la storia artistica.

Espongono: Silvio Balestra, Sissi Bonaso, Dindina Burgos,  Susanna Casale, Daniela Colli, Emanuela Comito, Fabrizio Di Nardo,  Simone Giaiacopi, Giohà, Daniel Lifschitz, Cristina Madini, Piero Orlando, Stefania Rizzelli, Carlotta Schiavio, Pasquale Varvicchio, Maurizio Yorck

A cura di Cristina Madini
Organizzazione e promozione RossoCinabro

RossoCinabro
Via Raffaele Cadorna, 28
00187 Roma
tel. 06-60658125
rossocinabro.com

vernice ore 17

ingresso libero
lun-ven 12-19


--
Ufficio:
Via Luigi Borsari 12
00122 Roma

Sedi espositive:
Piazza Giuseppe Mazzini, 6
00018 Palombara Sabina (RM)

Nuova sede:
Via Raffaele Cadorna, 28
00187 Roma

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Stampare questo documento solo se davvero necessario: per ogni Kg di
carta che si evita di stampare si riducono 1,7 Kg di emissioni di CO2
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Il contenuto del presente messaggio e degli eventuali suoi allegati è riservato solo al destinatario e può contenere materiale confidenziale. Qualunque modifica, inoltro, distribuzione o altro utilizzo delle informazioni contenute non è consentita. Saremmo grati a chi avesse ricevuto questo messaggio per errore se, via e-mail, ce lo segnalasse e se lo cancellasse.

The informations transmitted are intended only for the person or entity to which it's addressed and may contain confidential material. Any review, re-transmission, dissemination or the use of, or taking of any action in reliance upon this information by persons or entities other than the intended recipient is not permitted. If you receive this in error please contact the sender and delete the material from the computer.

Avvertenza, decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 codice in materia di protezione dati personali. La informiamo che abbiamo reperito la sua e-mail da elenchi, servizi, disponibili in internet, o da e-mail che l’hanno resa pubblica. I suoi dati acquisiti, conservati, trattati nel rispetto del decreto legislativo n. 196 del 30 giugno 2003. La preghiamo qualora non volesse più ricevere il nostro materiale, di rispondere all’e-mail artisti.rossocinabro@gmail.com con oggetto cancellatemi.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl