‘Imagined Landscapes’ (Paesaggi Figurativi) di Vivien Schmidt

Info: Tel. galleria +39 055 211985 _ - Cell. personale: +39 335 1207156 E.mail: galleriamentana@galleriamentana.it www.galleriamentana.it "Imagined Landscapes" (Paesaggi Figurativi) Inaugurazione: 23 gennaio 2010 ore 18.00 La mostra resterà aperta fino al 09 febbraio 2010 Abstract; Le opere di Vivien Schmidt sono racconti di una viaggiatrice che ha usato le immagini come pagine di un taccuino dove sono state annotate le impressioni e le storie dei paesi visitati.

22/gen/2010 16.41.42 Federica Murgia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La Galleria d’arte “Mentana” di Firenze 

Arte Moderna e Contemporanea

“Saletta Mentana” 

Piazza Mentana, 2 - 3 - 4r.

Info:  Tel. galleria +39 055 211985 
    -       Cell. personale: +39 335 1207156

E.mail: galleriamentana@galleriamentana.it

 www.galleriamentana.it

‘Imagined Landscapes’ (Paesaggi Figurativi)

Inaugurazione: 23 gennaio 2010 ore 18.00

La mostra resterà aperta fino al 09 febbraio 2010

Abstract;  Le opere di Vivien Schmidt sono racconti di una viaggiatrice che  ha usato le immagini come pagine di un taccuino dove sono state annotate le impressioni e le storie dei paesi visitati.

Orario invernale: 11 - 13, 16.30 - 19.30 Chiuso Lunedì mattina e Domenica

Ingresso libero

Catalogo in galleria

Corata da: Giovanna Laura Adreani

Vivien Schmidt, Fine Art Photography, nata a New York City

In contemporanea: mostra personale di Salvatore Magazzini

 ‘Imagined Landscapes’ (Paesaggi Figurativi)

Le opere di Vivien Schmidt sono racconti di una viaggiatrice che  ha usato le immagini come pagine di un taccuino dove sono state annotate le impressioni e le storie dei paesi visitati. Sono frazione d’attimo che segue un attento studio di un luogo o di una cosa.

In questo tempo brevissimo c’è il soggetto dell’immagine che si unisce all’animo dell’artista. Le sue foto, pixel di pennellate puntiformi,  sono l’unione d’idee e di sensazioni  che descrivono il tutto in uno scatto. La  sua sensibilità  è nelle scelte delle inquadrature dove ritaglia elementi di gran significato artistico  e descrittivo.

Ecco i paesaggi sospesi nel silenzio che è, quasi, l’attesa di qualcosa che avrà dello straordinario. In cima alle valli, surreali panorami sembrano librarsi fra le nuvole. Le leggere nebbie che salgono, lasciano una sensazione ovattata e accrescono l’assenza di rumori in un luogo che bisogna solo guardare.

Cieli di nuvole bianche o grigie e traslucide riverberano, in un continuo rimando, negli specchi  d’acqua, creando intrecci d’argentee luci.  Proiezioni degli ultimi raggi del sole moltiplicano il cerchio di luce, in un gioco cromatico di trasparenze che avvolgono le opere. La poesia del paesaggio, anche toscano, si ritrova nei castelli da sogno,  che emergono dai dolci declivi, coltivati con ordine geometrico, colorati dai rossi delle viti d’autunno e dai verdi ulivi.

Nei canali di Venezia i giochi di luce, che si formano con i riflessi nell’acqua, danno origine a luminescenze di grigi che s’intersecano con i rossi ed i verdi: immagini astratte  dell’animo della città.

Prospettive di costruzioni vivacizzate dai loro colori descrivono, nell’apparente assenza, la presenza degli abitanti: sono case che raccontano l’animo di chi le abita.

Un giro di panni stesi in delle corde sospese in modo antico, delle finestre che danno un ritmo musicale all’immagine,  delle sedie che attendono qualcuno, un ombrellone aperto a far ombra nell’ombra, interrompono la corsa  visiva verso il mare, dove sopra l’orizzonte si affacciano delle leggere nubi bianche, quasi a far riflettere sulla vita che scorre nel villaggio.

In alcuni lavori sono messe in evidenza le ombre scure che si allungano o si fermano a descrivere il tempo che incombe, le paure e le sensazioni che rabbuiano l’animo.

Ombre che segnano gli orizzonti di linee appena percepibili  di profili di notturne città, illuminate da milioni di luci, esaltano gli scintillii d’apparenze e di sogni, spesso, vuoti.

Foto d’intricate costruzioni metalliche parlano  dei segni del tempo, soprattutto, della poesia e della spiritualità che ha saputo ritrovarvi l’artista.

In tutte le sue immagini si percepiscono, l’ordine delle cose  mosse solo dai cicli della vita e  la ricerca del genius loci che anima i luoghi.

Vivien Schmidt è una grande fotografa che sa dare significato non solo al visibile.

                                                                                            Federica Rosa Murgia

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl