Il Premio Arte Laguna compete con la Biennale

Il Premio Arte Laguna compete con la Biennale Il Premio Arte Laguna compete con la Biennale Ma l'impegno e le risorse sono tutti privati!

23/feb/2010 15.11.13 Premio Arte Laguna Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Il Premio Arte Laguna compete con la Biennale

Ma l'impegno e le risorse sono tutti privati!

Mancano ormai pochissimi giorni alla tanto attesa inaugurazione della mostra dedicata al 4° Premio Internazionale Arte Laguna, che quest'anno si è affermato come nuovo riferimento per l'arte contemporanea in tutto il mondo, affiancandosi alla storica Biennale dell'Arte per qualità, ma puntando soprattutto sull'arte emergente, con l'obiettivo di scoprire i “big” di domani.

L'attenzione del pubblico internazionale è puntata sul 6 marzo, data in cui ci sarà l'inaugurazione ufficiale della mostra, in cui verranno svelate le 195 opere finaliste di questa edizione, ma soprattutto quando saranno proclamati i vincitori assoluti di Pittura, Scultura e Arte Fotografica.

Sono stati realizzati straordinari allestimenti che faranno da cornice a questa mostra che già si preannuncia degna alternativa alla Biennale dell'Arte e che desta così tanta curiosità proprio per il suo ruolo di “trampolino di lancio” verso il mercato dell'arte internazionale.

Quasi un centinaio tra artisti e loro collaboratori sono giunti da tutto il mondo per curare personalmente l'allestimento delle proprie opere negli spazi dell'Arsenale con il coordinamento dei Presidenti di Giuria del Premio nella loro veste di curatori: artisti cileni, giapponesi, iraniani, coreani e americani hanno lavorato fianco a fianco, spesso aiutandosi e consigliandosi, dando vita ad una vera a propria “fucina d'arte”.

Ognuno con le proprie risorse, organizzando viaggi e trasporti in autonomia e spesso ingegnandosi a trovare delle soluzioni “creative” ed economiche per far giungere le proprie opere a destinazione, dato che le spese - per mancanza di fondi e contributi – restano a carico dei singoli, molti artisti sono arrivati a Venezia armati solo della loro forte volontà di partecipare al Premio Arte Laguna e dei loro ferri del mestiere con cui, aiutati da parenti, amici e collaboratori, hanno installato la propria opera all'Arsenale di Venezia, incuranti delle temperature gelide, dell'acqua alta e delle difficoltà di lavorare in uno spazio come le Tese dell'Arsenale.

Nasim Abolghasem, giovane artista iraniana, è venuta con il proprio maestro – un piccolo uomo che ispirava grande rispetto – ed assieme per un giorno intero hanno curato nei minimi dettagli l'allestimento della sua particolare scultura, per poi ripartire immediatamente il giorno successivo e tornare a Teheran. Marcellino Stuhmer è arrivato direttamente da Milwaukee e dopo un lungo e faticoso viaggio ha scoperto che per futili motivi la sua opera era stata bloccata alla dogana e che avrebbe dovuto aspettare il giorno successivo per iniziare ad allestirla. Niwa Arisa ha portato la sua opera in viaggio con sé dal Giappone, dopo aver scoperto che portarla personalmente le sarebbe costato meno che farla spedire tramite un qualunque corriere.

“Non vogliamo rovinare la sorpresa di chi verrà a visitare la mostra” dice Igor Zanti, Presidente della sezione Scultura – particolarmente soddisfatto “Ma ci sono molte opere che stupiranno il pubblico e che faranno discutere. Sono stati affrontati temi di grande attualità: dalla politica italiana ed internazionale, ai temi religiosi affrontati in modo ironico ma anche dissacrante, fino all'analisi del subconscio e dell'immaginario collettivo, che prendono una forma diversa a seconda della cultura d'origine, pur rilevando delle affinità nell'essenza delle idee”.

Argomenti e stili che spaziano tra le tendenze e l'attualità globali, e che danno vita ad una panoramica unica nel contesto dell'arte contemporanea in rappresentazione di oltre 90 paesi del mondo, un colpo d'occhio ed una percezione di grande impatto, di cui vogliamo anticiparvi qualche immagine, che come sempre vale più di mille parole.

Scarica le foto "Working in progress all'Arsenale" >>>

Ufficio Stampa
Premio Internazionale Arte Laguna
041 59 37 242 int. 5
ufficiostampa@premioartelaguna.it
www.premioartelaguna.it

 


Per rimuoverti da questa newsletter clicca qui: REMOVE ME


--

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl