Estensioni materiche (Firenze)

Sono state le prestigiose sale del centralissimo Palazzo Panciatichi - precisamente, l'Anticamera della Sala degli Affreschi - ad accogliere l'esposizione, rimasta allestita dal 22 al 28 Giugno 2009 insieme alla rinomata Collezione d'Arte Contemporanea del Consiglio Regionale.

25/mar/2010 17.33.30 74nemrac Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 ESTENSIONI MATERICHE

 
Che cosa: arte contemporaneapittura astratta informale.
Dove: Firenze (I).
Come: mostra personale.
Quando: dal 22 al 28 Giugno 2009.
Info: telefono (+39) 0372 743940; e-mail
posta@tansinierminio.com; WEB www.tansinierminio.com.

 

    Estensioni materiche è stato il titolo della mostra di pittura astratta ed informale che l’artista Tansini Erminio ha proposto al pubblico di Firenze presso la sede della Regione Toscana. Sono state le prestigiose sale del centralissimo Palazzo Panciatichi – precisamente, l’Anticamera della Sala degli Affreschi – ad accogliere l’esposizione, rimasta allestita dal 22 al 28 Giugno 2009 insieme alla rinomata Collezione d’Arte Contemporanea del Consiglio Regionale.
    Venticinque i dipinti esibiti, tutti realizzàti ad olio su tavola, frutto di una vasta produzione che da oltre un quarto di secolo impegna l’artista originario di Pizzighettone, in provincia di Cremona. Una produzione che è già stata esaminata da varie monografie d’arte e che ha suscitato l’attenzione di numerosi critici d’arte, fra cui Paolo Levi, Giorgio Segato e Vittorio Sgarbi.
    È stato un ‘ritorno’ all’«ombra di Palazzo Vecchio», quello di Tansini. Infatti, la prima esposizione fiorentina dell’artista lombardo risale ad oltre tredici anni fa, al 1996, e da allora le opere tansiniane sono state più volte accolte nelle antiche terre medicee: a Cecina nel 2003, al Palazzo dei Congressi; a Campi Bisenzio nel 2004, presso Villa Rucellai; a Pisa nel 2007, al Museo Nazionale di San Matteo. Da due settimane, poi, si era conclusa un’altra personale di Tansini, ancóra a Cecina. Tutti eventi che fanno parte di una costante attività espositiva diramata in varie regioni italiane: Emilia, Lazio, Liguria, Lombardia, Sicilia.
    Ma il legame di Tansini con la Toscana è ormai consolidato, e proprio con la mostra Estensioni materiche l’artista ha voluto condividere con il pubblico fiorentino il «senso possente di un’arte solida e intensa»: così è stata definita nell’introduzione da Bruna Giovannini, Segretario Questore dell’Ufficio della Presidenza del Consiglio Regionale, affiancata nella presentazione dal figlio dell’artista stesso, Davide Tansini, storico, che ha portato una propria testimonianza circa l’operato del padre.
    Arte, quella del pittore lombardo, basata su materia e colore legàti in un connubio indissolubile, tanto da non poter sopravvivere l’una senza l’altro; arte soltanto all’apparenza immediata e senza regole, ma basata soprattutto su un’elaborata ricerca di colori, toni e sfumature, e su una decisa rapidità di esecuzione; arte che è libera dalla forma esteriore e che, rinunciando alla titolazione delle opere stesse, lascia all’osservatore libertà di interpretazione
.

Informazioni: telefono (+39) 0372 743940; e-mail posta@tansinierminio.com; WEB www.tansinierminio.com.

RCS
29 Giugno 2009

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl