VIS VOLUNTATIS

VIS VOLUNTATIS Ad aprile in libreria il volume "Vis Voluntatis" di Charles Fregèr, una galleria di ritratti di alcuni tra i più prestigiosi corpi militari europei e delle loro uniformi, tra storia, tradizione e modernità.

01/apr/2010 15.43.57 Peliti Associati Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Ad aprile in libreria il volume “Vis Voluntatis” di Charles Fregèr, una galleria di ritratti di alcuni tra i più prestigiosi  corpi militari europei e delle loro uniformi, tra storia, tradizione e modernità.
 
Pionieri della Legione Straniera, Dragoni svedesi, Guardie Svizzere vaticane, Corazzieri italiani, Granatieri britannici: quello che il fotografo Charles Frèger compie è un vero e proprio viaggio nella storia e nelle tradizioni militari dell’Europa,.
 
I 150 ritratti della serie “Empire”,scattati tra il 2004 e il 2007, sono una parte di una lavoro più grande del fotografo, dedicato ai più prestigiosi reggimenti europei, Photographic Portraits and Uniform:. Frèger, da sempre è interessato ad immortalare particolari gruppi sociali, come gli sportivi o i lottatori di sumo, in una ricerca sospesa tra l’analisi antropologica e il sentimento poetico; questa volta conduce l’osservatore a scoprire una categoria conosciuta ai più solo ad un livello superficiale.
 
Le immagini dai colori vividi, le pose marziali delle figure, offrono al lettore la possibilità di conoscere divise e reggimenti che dal passato sono giunte ai nostri giorni, distinguendosi negli scenari bellici più diversi. Quello che emerge è’ un mondo di armi, mostrine,  fregi,  copricapi, che  possono affascinare l’osservatore o apparire come curiosi, se non addirittura anacronistici. In realtà, queste fotografie dimostrano come nulla nell’uniforme di un soldato sia frutto del caso, ma risponda a delle motivazioni storico-militari ben precise.
 
Questa  parata visiva non vuole essere  però un mero omaggio ideale agli archetipi dei corpi da combattimento: l’intensità dei volti, le differenti etnie delle persone immortalate, restituiscono umanità alla figura del soldato e fanno emergere i sentimenti che incarna, spesso ignoti a chi li osserva nelle sfilate o nelle cerimonie.
E’ il senso di appartenenza ad un particolare reggimento, il senso di una scelta, l’impegno che comporta e la cognizione di servire in questo modo la propria patria, anche a costo della propria vita, come è successo in passato ad altri uomini, in quelle stesse divise.
 
Sentimenti d’identificazione che l’autore non può condividere: e proprio la consapevolezza di questa esclusione lo porta a concludere il viaggio con la creazione di una “sua” guardia militare, con una propria uniforme in cui ogni elemento risponde ad una logica ben precisa.
 
 
L’introduzione è curata da Prosper Keating, redattore tra l’altro di Vogue e Vogue Hommes International e a sua volta ex paracuditista, che così commenta: “…Grazie all’abilità consumata di Frèger nell’uso di tecniche ritrattistiche così elementari da avere un sentore di diciannovesimo secolo, queste fotografie appaiono molto semplici, senza esserlo affatto. Offrono diversi livelli di lettura, che le rendono particolarmente intriganti. Essendo io un ex soldato, queste toccano le corde del mio cuore: quando ripenso ai miei vecchi compagni d’armi, li ricordo sempre come i ragazzi allegri che erano, non come dei paracadutisti con il viso di pietra, capace, da solo, di mettere a disagio la gente. Con queste foto di giovani soldati Frègere mi ha riportato al passato; sembra che, anche solo per l’istante in cui hanno guardato dentro l’obiettivo, essi avessero dimenticato di essere soldati con una reputazione da mantenere agli occhi della gente”
 
Vis voluntatis è un’opera che può appassionare in primo luogo gli amanti della fotografia e le persone interessate ai reggimenti militari, specialmente alle loro tradizioni, ma non solo. Chiunque, sfogliando la galleria di ritratti contenuta nel volume, potrà acquisire una percezione diversa circa i significati sottesi alla scelta di indossare una divisa.
 
 
 
 
Le caratteristiche tecniche sono:
Formato:           cm 22 x 28
Pagine:               176
Fotografie di:    Charles Frèger
Testi:                  Prosper Keating                
Editore:             Peliti Associati
Distribuzione:     Messaggerie Libri
Prezzo di copertina: 39,90 Euro
 
 
Charles Frèger. Nato a Rouen nel 1975, si è laureato presso la Scuola d’Arte della stessa città. Durante questi anni, si è dedicato principalmente alla rappresentazione poetica e antropologica di gruppi sociali come gli atleti, gli alunni della scuola, le forze armate, ecc.
Charles Frèger è anche il fondatore della comunità artistica Piece of Cake e della omonima casa editrice POC.
Preceddenti al suo ultimo volume Vis Voluntatis che racchiude una serie di ritratti scelti dal lavoro Photographic Portraits And Uniforms sono le raccolte: Majorettes, Legionnaires, Donneurs, Steps, Le Froid, le gel, l’image: Merisotaokolo, bleus de travail, Rikishi
 
Ufficio stampa:
Lorenzo Sartorio- Claudia Trillo
Peliti Associati
Tel 02. 66982357
Pelitimi@peliti.it
Via Pergolesi, 23
20124 Milano

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl