URBAN-CODE Peronale di Carlo Cane

09/apr/2010 19.20.06 La Contemporanea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

Ringraziandovi anticipatamente per l'attenzione prestataci






URBAN - CODE

Personale di Carlo Cane



Inaugurazione: 6 maggio alle h.18,30

Location: LA CONTEMPORANEA – Studio | Art Gallery – Arte Architettura Interior Design

Via della Rocca ,36

10123 Torino

www.lacontemporaneatorino.com

TEL: +39.011.0746769

Periodo: dal 6 Maggio al 3 Luglio 2010

Orari: feriali 15.30 19.30 - Domenica e festivi su appuntamento

Ingresso: gratuito

Organizzazione: 

La Contemporanea – Torino l Casa d’Arte San Lorenzo – San Miniato/Milano

Info: +39.011.0746769 +39.335.6233779 +39.02.39432561

info@lacontemporaneatorino.com

 

 

galleria@arte-sanlorenzo.it

 


 




Lo Studio Art Gallery La Contemporanea è lieta di riproporre Carlo CANE, l'artista piemontese che poco più di un anno fa ha dato inizio al ciclo espositivo “Prospettive Contemporanee” .Con URBAN-CODE si inaugura infatti il secondo appuntamento espositivo per l'anno 2010, grazie al quale si riprende il linguaggio che maggiormente identifica l'attività de La Contemporanea, quello dell' Architettura.Un' occasione per unire ancora una volta due aspetti, quello artistico e quello maggiormente tecnico che contraddistinguono il modus operandi degli Architetti Cristiana Pecile e Marzia Altaira Grazzini.




URBAN - CODE

Personale di Carlo Cane


URBAN - CODE raccoglie la nuova produzione artistica di Carlo CANE, per la quale la tecnica rimane la stessa di sempre - olio e inchiostri su tela sottile di cotone detta anche “pelle d’angelo” incollata su tavola e successivamente trattata con acidi - con però evidenti differenze rispetto al passato rispettivamente al soggetto della sua ricerca, i paesaggi urbani.

L' approccio si fa infatti più etereo, illusorio ed affonda ancor di più le sue radici nel ventre della fantasia.

Le architetture presentate appaiono maggiormente decontestualizzate, appartenenti ad un immaginario avveniristico in cui la modernità si esprime attraverso codici ben riconoscibili, sebbene privi di qualsiasi riferimento spazio temporale. Unica eccezione a questa forma di anonimato metropolitano è l'opera dedicata al CAVAL' D’ BRÔNS di Torino, inequivocabile riferimento alle origini piemontesi dell'artista.

Sempre più evidente è il senso di isolamento e di separazione delle strutture, che sembrano emergere da un nulla onirico, austere ed enigmatiche, come fantasmi o chimere che portano addosso segnali comuni di un futuro a noi prossimo. A questo si riferisce il titolo della mostra, i “codici urbani”, quegli elementi che seppur nella diversità della creazione fantastica accomunano questi edifici, rendendoli frammenti di un unico puzzle contemporaneo fatto di vetro e di acciaio.

La vena sognante dell'artista si esprime in queste opere anche attraverso un maggior utilizzo del colore, in particolare con i toni dell'azzurro e dell'arancio tendente al ruggine, strumenti questi, che ci permettono di uscire dalla realtà grigia dei contesti metropolitani per immergersi in una dimensione di geniale allucinazione ed estemporanea fisicità.




Mostra a cura di: Roberto Milani (gallerista, curatore) Cristiana Pecile (architetto, gallerista) Marzia Altaira Grazzini (architetto, gallerista)




UFFICIO STAMPA:

Responsabile Comunicazione La Contemporanea:

NICOLETTA PECILE - tel. +39.011- 074.67.69 cell.+39. 339-7496818

n.pecile@lacontemporaneatorino.com

 

www.lacontemporaneatorino.com

 

account facebook “lacontemporanea Studio Art Gallery Torino”



 


 


 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl