Con il Patrocinio dell'Assessorato alla Cultura di Prato, in collaborazione con il Museo del Tessuto di Prato - A THOUSAND PLOTS - comunicato stampa

Con il Patrocinio dell'Assessorato alla Cultura di Prato, in collaborazione con il Museo del Tessuto di Prato - A THOUSAND PLOTS - comunicato stampa Se non riesci a visualizzare questo messaggio clicca qui Eleonora D'Andrea Contemporanea A THOUSAND PLOTS - Comunicato stampa L'apertura della nuova sede pratese è pretesto per inaugurare una stagione espositiva volta al perseguimento di una rinnovata riflessione sullo scenario artistico contemporaneo, che, con questa mostra, conferma uno stile inconfondibile di alta qualità e livello professionale.

12/apr/2010 13.44.14 Galleria Eleonora D'Andrea Contemporanea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Se non riesci a visualizzare questo messaggio clicca qui

Eleonora D'Andrea Contemporanea

A THOUSAND PLOTS - Comunicato stampa
L'apertura della nuova sede pratese è pretesto per inaugurare una stagione espositiva volta al perseguimento di una rinnovata riflessione sullo scenario artistico contemporaneo, che, con questa mostra, conferma uno stile inconfondibile di alta qualità e livello professionale.
Ma è, altresì, occasione per rendere espressamente omaggio alla città di Prato, notoriamente legata alla tradizione della produzione tessile, che ha reso questo distretto toscano tra i centri più celebri di tessitura artigianale e industriale.
L'intenzione di coinvolgere sia il Comune di Prato che il Museo del Tessuto rispettivamente come enti patrocinanti e partners, suggella il desiderio di destare le coscienze locali alla riscoperta di un patrimonio culturale di cui Prato è custode, ma di cui tutti ci sentiamo eredi.



Artisti invitati:  Erika Latini, Gaetano Fracassio, Silvia Manazza, Fernanda Morganti, Ketty Tagliatti, Ivano Vitali.

Curatela: Linda Giusti


Esposizione Completa

Eleonora D'Andrea Contemporanea

Via Vincenzo Gioberti, 14  59100 Prato
Telefono: + 39 0574 574670


Orari
:

Martedi - Giovedi  16.00 - 19.00

Venerdi - Sabato 10.00 -13.00 / 16.00 - 20.00


Ingresso Gratuito


Esposizione Parziale

Le opere di alcuni artisti in rappresentanza della mostra ed i suoi contenuti, saranno esposti presso il Museo del Tessuto di Prato in Via Santa Chiara, 24 59100 Prato (PO) Telefono: +39 0574 611503


Orari
:

Lunedì-Venerdì: 10.00 -18.00
La biglietteria chiude alle 17.20
Sabato: 10.00 -14.00
Domenica: 16.00 -19.00
Martedì chiuso

Eleonora D'Andrea Contemporanea
Con il patrocinio dell'Assessorato alla Cultura di Prato
ed in collaborazione con il Museo del Tessuto di Prato

INAUGURA SABATO 17 APRILE
 DALLE ORE 17.30 ALLE ORE 20.30

A THOUSAND PLOTS - INTRECCI AD ARTE


Ciascuno dei sei artisti, invitati in occasione dell'apertura della nuova sede della galleria Eleonora D'Andrea a Prato, si identifica attraverso un modus operandi piuttosto varie­gato, che si ispira liberamente alla tecnica della tessitura a mano, ma gioca con essa, per mezzo della sperimentazione e della ricerca di linguaggi alternativi.

A legarli, il recupero della dimensione temporale, di un tempo fisico e metafisico insieme, lento e riflessivo, che si ritrova in ciascuno dei lavori presenti, non solo da un pun­to di vista esecutivo, ma anche comunicativo, favorendo un'attenzione alla lettura meditativa e focalizzante del con­testo. Li lega ancor più la fragilità dei materiali usati: l'ago e il filo, la carta, la cera, la garza, la tela, il cartone, il legno, il tessuto; li lega il senso del gioco fiabesco, eppur disincanta­to dei soggetti proposti. Ma soprattutto il legame più auten­tico si manifesta in quel "filo" sottile che racconta l'universo femminile, naturale, intimistico che corre nella medesima direzione: quella di una narrazione diaristica, alcune vol­te esplicita, altre, invece, solo percepita: tra le pieghe di un materasso a righe sdrucito, nella cruna di un ago, in mezzo ai petali filati su trame di velluto, tra i merletti cerati di una calza da bambina, sulla punta di enormi ferri da maglia, tra i massicci intrecci di carta di giornale stropicciata, o tra i car­tellini penzolanti dalle borsette intessute, appartenenti ad un viaggio ancora in cerca della sua meta finale, infine, na­scosta tra le tele garzate che custodiscono astratti paesaggi dell'anima. A ciascuno il suo racconto. E ciascuno, a modo suo, narratore.

Così voci sussurrate di vite marginali prendono corpo deli­catamente dalle opere di Silvia Manazza: una serie di mo­derni ex-voto appesi alle pareti rievocano attese, speranze, sacrifici, scelte di anonime e fragili figure femminili, sottoli­neate dall'uso della cera fusa su morbide trame di tessuto e oggetti comuni, evocativi di un'infanzia perduta, rinnegata, sofferta o disperatamente bramata. Un'infanzia che è tutta concentrata nel tenerissimo materasso a righe "Fuori Serie" che simula la forma di una macchina giocattolo, abbando­nata all'usura del tempo.

Le rose trapuntate o ricamate ad ago su velluti di ampie dimensioni, ad opera di Ketty Tagliatti, ci accompagnano, invece, tra i sentieri di un giardino che è, in primo luogo, uno spaccato della vita privata dell'artista, territorio dell'in­timità, della memoria, del raccoglimento, ma, in potenza, un giardino universalmente condivisibile.

Anche le suggestive tele ricamate di Erika Latini potrebbero incastrarsi perfettamente t ra le maglie di un diario affidato ai ricordi dell'adolescenza, quelli in cui il gioco infantile perde a poco a poco, il candore dell'innocenza e si traduce in malizia ap­pena accennata, in racconti fiabeschi dal retrogusto amaro, seguendo il filo coloratissimo che scorre veloce e sicuro sui soggetti complementari alla composizione principale.

I vestiti e le "tapestries", ricavati dai gomitoli pazientemente costruiti da Ivano Vitali mediante l'attorcigliamento di stralci di giornale e di riviste colorate, poi accuratamente intrecciati con speciali ferri lignei, narrano, sulla scia del gioco, una storia genuina fatta di attenzione e amore per la natura, di riabilitazione dell'oggetto di scarto come la carta, nobilitata a nuovo splen­dore, addirittura da indossare o da tessere a mag! lia. Una narrazione squisitamente poetica ricorre invece nell'installazione a parete dello scultore Gaetano Fracassio che, per l'occasione, ha rivisitato il tema tanto caro del viaggio attraverso una scac­chiera di borsette intelate, occhieggianti la moda anni Settanta, culminante in un grande ago di legno, dalla cui cima pende il grosso filo cordato avvolto sulla rocca. "I viaggi di Penelope" è il titolo suggestivo che ancora una volta omaggia il ricordo di una donna, qui rivelata, ma che in realtà potrebbe essere l'alter ego di ciascuno di noi.

E quel filo, che mai ha smesso di legare un'opera all'altra, sembra infine trovare il suo riposo nell'insolita installazione di Fernanda Morganti, che, per la prima volta, lavora "site specific", creando segrete tele mignon impunturate da sottilissimi fili che sembrano esplodere come lingue pennellate nell'informe tavolozza materica, custodite in cofanetti lignei che invitano lo spettatore a profanarne avidamente il contenuto.

Qui la storia ormai compie il suo cammino, ogni trama è stata minutamente tessuta.

Non resta, quindi, che il godimento di una buona lettura.



Ufficio stampa ED Contemporanea

Fabio Giannarini   Cell. 3473779641




Via Vincenzo Gioberti, 14 - 59100 Prato PO / Via Settembrini, 26 - 20124 Milano
Cod. Fisc. DNDLNR80B60G999C P.IVA 01870840970
Tel.- fax. 0574-574670 cell. 340-8596967

www.elexpo.it




Passa parola
Modifica la modalità di ricezione della nostra newsletter
Visualizza il messaggio in formato PDF
Antherica - web solutions

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl