Palazzo del Ridotto Cesena - personale di D. Grenci

Palazzo del Ridotto Cesena - personale di D. Grenci Se non riesci a visualizzare questo messaggio clicca qui Eleonora D'Andrea Contemporanea Dal 17 aprile la Galleria Comunale d'Arte del Palazzo del Ridotto ospiterà la mostra "Elevatio Animae", che espone le opere del giovane ma già affermato artista Domenico Grenci.

13/apr/2010 04.24.16 Galleria Eleonora D'Andrea Contemporanea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Se non riesci a visualizzare questo messaggio clicca qui

Eleonora D'Andrea Contemporanea

Dal 17 aprile la Galleria Comunale d'Arte del Palazzo del Ridotto ospiterà la mostra "Elevatio Animae", che espone le opere del giovane ma già affermato artista Domenico Grenci. L'esposizione, promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Cesena e organizzata da Maria Grazia Melandri della galleria L'Immagine, resterà allestita fino al 30 maggio. L'inaugurazione è fissata per le ore 18 di sabato 17 aprile, alla presenza dell'artista.

 

Comune di Cesena


 
"Elevatio Animae"

 mostra di Domenico Grenci

Inaugurazione sabato 17 aprile, ore 18

Galleria Comunale d'Arte del Palazzo del Ridotto



                                                                                                                 

La mostra:

L'esposizione Elevatio Animae, rimanda al titolo di una celebre opera di Giovanni Pisano del 1312-1314, collocata al Museo di S. Agostino a Genova; nelle sue opere Domenico Grenci, riflette sull'elevazione dell'anima in corpi stereotipati di modelle, corpi mai tangibili che diventano altro da se, elevati ad un rango di percezione sentimentale nobilitata dalla pittura.

Alcuni lavori presentati, di grandi dimensioni, sono opere realizzate proprio per la sede della Galleria Comunale ed affrontano, attraverso l'universo femminile, delle riflessioni sul senso della bellezza nella contemporaneità passando per sentieri che guardano da vicino varie esperienze legate alla storia dell'arte. Corpi mercificati, oltraggiati, snaturati, privati della loro identità, in nome di una bellezza sempre più asettica, che non seduce quasi più. Presenze mute, eteree, algide, le modelle sono semplici oggetti, mentre il vero soggetto è ciò che indossano.

In una realtà sempre più omologata e frammentaria, dominata dalla cultura mediatica che predilige il futile al profondo, la bellezza effimera ai canoni estetici classici, la figura diviene stimolo ad un confronto poetico, emotivo ed intellettuale e l'arte può rappresentare un'elevatio animae in grado di risarcire l'identità offesa, con una garanzia di immortalità.

Le muse ispiratrici di Grenci toccano con leggerezza e sensibilità la tela, dove l'incompletezza della sua pittura, povera di sontuose tecniche, fa affiorare la bellezza intesa nel suo senso più profondo; di sensualità, fragilità e inquietudine sono permeate, queste figure enigmatiche ed intime, che seducono e ti intrappolano in atmosfere rarefatte, pretesto per una raffigurazione sentita del bello, in un'epoca in cui il congelamento dei sensi appiattisce l'esperienza individuale, nella quale più nessuno appartiene a se stesso e ogni ricorso all'interiorità è scoraggiato.

L'artista

Domenico Greci nasce a Locri in Cal! abria nel 1981.

Dopo essersi diplomato al Liceo Classico della sua città, nel 2000 si trasferisce a Bologna e frequenta l'Accademia di Belle Arti.

Una pittura la sua, che nasce in ambiente informale per avvicinarsi successivamente alla Figurazione. Il bitume è uno dei mezzi principali col quale esprime le sue pennellate veloci e gestuali. Con l'ausilio dell'acqua fonde i segni che si spandono creando zone umide, mosse, flou; nasce così l'indistinzione nella quale si perdono i contorni, un disegno che ruba campo alle regole della pittura.

La tela bianca è teatro di incontri-scontri, memorie che si credevano perse, scomparse solo in apparenza.

Il suo fare arte si avvicina notevolmente all'esperienza americana; l'opera viene creata lavorando circolarmente intorno ad essa, per avere diversi punti di vista.

Grenci, subisce indubbiamente una fascinazione "romantica" che risiede nella propria sensibilità pittorica, comune in tutti gli artisti che nei secoli hanno interpretato la figura femminile.

Le prime esposizioni risalgono al 2005, così come alcuni importanti premi ai quali ha partecipato, da allora, diverse le Gallerie italiane, e spazi istituzionali internazionali hanno esposto i suoi lavori, con eccezionali consensi da parte di critica e pubblico.


Catalogo della mostra  con testi di B. Buscaroli, E. Agnoli, G. Bartolucci, A. Zannoni
Riserva la tua copia omaggio clicca qui e inserisci i tuoi dati con oggetto cat. grenci ,
potrai ritirare il catalogo direttamente all'inaugurazione


Mostra:    Elevatio Animae

Periodo:   17  aprile - 30 maggio


Sede Espositiva:
Galleria Comunale d'Arte del Palazzo del Ridotto ( Cesena)

Orari: 9.30 - 12.30 e 16.30 - 19.30 - Chiuso lunedì

Organizzazione: Maria Grazia Melandri

La mostra è promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Cesena in collaborazione con la Galleria L'IMMAGINE - Cesena.




Via Vincenzo Gioberti, 14 - 59100 Prato PO / Via Settembrini, 26 - 20124 Milano
Cod. Fisc. DNDLNR80B60G999C P.IVA 01870840970
Tel.- fax. 0574-574670 cell. 340-8596967

www.elexpo.it




Passa parola
Modifica la modalità di ricezione della nostra newsletter
Visualizza il messaggio in formato PDF
Antherica - web solutions

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl