Memorie Altrui - Esposizione presso Gheroartè

Esaminando attentamente il legno si rivelano nella struttura le diverse

01/feb/2005 18.34.08 Ufficio Stampa Gandini&Rendina Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
MEMORIE ALTRUI
Dal 3 al 27 febbraio allo Spazio Gheroartè


Dal 3 al 27 febbraio Milvia Quadrio espone allo Spazio Gheroartè
“Memorie Altrui”. L’inaugurazione è il 3 febbraio alle ore 18.30. La
mostra è aperta dal mercoledì alla domenica dalle 16.30 alle 20.00.

Luca Rendina, curatore della mostra Memorie Altrui, intervista Milvia
Quadrio.

Parlando con te ricorre spesso il termine “memoria”. Mi pare una
dimensione importante del tuo lavoro.
La memoria è l’origine di tutto: il passato, il presente, il futuro.
Senza memoria nulla è possibile!
Esaminando attentamente il legno si rivelano nella struttura le diverse
sfumature di colore e, appena tagliato, è possibile sentirne il profumo
intenso. Il legno è dotato di un suo carattere acquisito durante la
secolare permanenza nel bosco. Le difficoltà di crescita provocate dalle
intemperie, i rami spezzati, i nodi, la resina che scende lungo il
tronco come lacrime di profonda sofferenza… Tutto questo mi induce a
confrontare il meraviglioso materiale che è il legno con l’essere umano.

“Memorie altrui”, titolo che sembra una riflessione, me ne puoi parlare?
Con questo titolo mi riferisco all’immane tragedia della deportazione
(tanto per citarne una) prendendo come testimonianza “del vissuto umano”
dei pezzi di legno, tagliati, lucidati, muniti di una maniglia di juta a
forma di valigia e depositati per terra a mo’ di corteo.
Valigie che non contengono altro che una parte di vita di un abete
secolare tolto al suo habitat.
“Memorie altrui” per ricordare chi morì nel vortice di questa crudele
circostanza e per dire: “Ieri, oggi, mai più domani”.

Come ti poni in relazione ai materiali?
È altamente entusiasmante provare a lavorare un qualsiasi materiale,
stabilire un contatto, dominarlo e plasmare la forma che la mente ti
suggerisce… purtroppo non sempre si tratta di una forma realizzabile!

Qual è il rapporto con gli artisti dell’oggi, ma anche di un passato
vicino e lontano? Hai dei modelli di riferimento?
Artisti di grande valore, ma anche artisti meno importanti, hanno
sicuramente influenzato il mio modo di interpretare e di esprimere certe
forme.
Nei meandri della mia mente si sono senza dubbio depositate delle forme
e dei colori colti nelle innumerevoli esposizioni d’arte che ho visitato
durante la mia vita e che, al momento in cui progetto una scultura o
dipingo, emergono senza che me ne accorga.

Questo lavoro che presenti a Corsico nello spazio Gheroartè è inedito e
nato ispirandoti al luogo?
Quando ho visitato con te la stazione di Corsico ho avuto una strana
sensazione… mi sembrava di ricordare qualcosa.
Abbiamo guardato attraverso la recinzione e dal cancello il vagone
ferroviario, lo stabile e la stazione. Tu mi hai parlato dei ragazzi che
si occupano di questo centro, del loro entusiasmo nell’organizzare
concerti, mostre d’arte e altre attività culturali.
La sera, tornando da Milano e riflettendo su cosa avrei potuto esporre
in quel vagone ho avuto la chiara risposta alla sensazione provata alla
stazione di Corsico la mattina.
Ero stata lì 60 anni prima quando con la scuola visitammo Milano. Era da
poco terminata la guerra e le grandi ferite erano ancora aperte.
Ricordai mio padre quando leggeva il giornale e commentava le notizie:
bombardamenti, morti, distruzione, fame. Ed io leggevo sul suo volto
un’immensa tristezza.
Era nata l’idea di presentare una mostra dal titolo “Memorie altrui”.

“Memorie Altrui” è un invito a conoscere l’opera di Milvia Quadrio e ad
avvicinarsi a un’artista dalla grande sensibilità e dalla forte umanità.
Non mancate!

Brevi note biografiche
Milvia è nata nel 1936 a Campo Blenio (CH). Ha frequentato l’Istituto
San Giuseppe di Lugano e l’Istituto Moderno di Bellinzona e poi
l’Accademia di Belle Arti di Montecarlo, sotto la guida di Claude
Rotischer.
Ha viaggiato in Europa e nel vicino Oriente, fermandosi per lunghi
periodi in Belgio e in Libano. Vive e opera a Olivone (CH). Espone dal
1967 e i suoi lavori sono stati esposti in molti paesi.









--- --- --- --- --- ---
Daniela Menzago
Ufficio Stampa Gandini&Rendina
Alzaia Naviglio Grande, 150
20144 Milano
tel: 02 475684 - fax 02 475923
cell. 348 2687064
e-mail: ufficiostampa@gandini-rendina.it




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl