invito

Ogni colore, ogni punto, ogni cerchio, ogni forma tracciata su questi fogli non ha tuttavia una natura d'impeto, ma un ragionamento che trova le sue radici nella filosofia e che, spesso, svela la sua filosofia nel tempo, nel pensiero e nella natura delle cose.Raffaella Anzolin, nata a Latisana, ci fa scoprirle una delle sue opere plastiche e polimateriche (che realizza utilizzando papier mache, gessi, sabbia, vetroresina, pigmenti e smalti), in cui il confine tra arte e vita, materia e pensiero, corpo e assenza del corpo si muove sottile e impalpabile.L'artista Silvia Battistiaffronta il tema del tempo e ne fornisce una visione personale.

20/mag/2010 17.11.21 Francoise Calcagno Art Studio Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Franoise Calcagno Art Studio
lieta di invitarvi all'inaugurazione della mostra

LINEE

indagine sul disegno contemporaneo

A cura di Giulia Ongaro


Franoise Calcagno Art Studio

Campo del Ghetto Nuovo 2918, Venezia

Inaugurazione: sabato 22 maggio, ore 18.00

Dal 22 maggio al 5 giugno 2010

Orari: da Luned a Venerd h 14.00-18.00

e su appuntamento


Linee
un progetto di indagine intorno al linguaggio del disegno ai giorni nostri.

Il disegno la prima, forse primordiale, tecnica artistica e, nonostante l'avvento della multimedialit e delle tecnologie, continua a vivere e a rinnovarsi. Il disegno da sempre il fondamentale momento creativo di artisti, architetti, designer e scenografi ed per questo motivo che questa esposizione si apre ad ogni possibile intervento artistico legato al disegno, non inteso dunque solamente in senso tradizionale. Lineenel senso di segni, punti di partenza di una creazione artistica che va intesa in modo libero e ampio.Gli artisti sono stati invitati a presentare la loro ricerca legata a questa tecnica artistica, al fine di realizzare una mostra capace di cogliere e far conoscere al pubblico le nuove tendenze del disegno contemporaneo.Otto artiste per otto lavori, che segnano un percorso di stile e tecniche differenti testimoniando le diverse ricerche espressive.
Cristina Messora
, artista di origine emiliana, che vive e lavora da anni in provincia di Ancona, ci presenta un lavoro con geometrie che si risolvono nelle forme rette e circolari, dalle semirette tirate a mano libera e dalle loro rispettive incidenze. Ogni colore, ogni punto, ogni cerchio, ogni forma tracciata su questi fogli non ha tuttavia una natura d’impeto, ma un ragionamento che trova le sue radici nella filosofia e che, spesso, svela la sua filosofia nel tempo, nel pensiero e nella natura delle cose.Raffaella Anzolin, nata a Latisana, ci fa scoprirle una delle sue opere plastiche e polimateriche (che realizza utilizzando papier mache, gessi, sabbia, vetroresina, pigmenti e smalti), in cui il confine tra arte e vita, materia e pensiero, corpo e assenza del corpo si muove sottile e impalpabile.L'artista Silvia Battistiaffronta il tema del tempo e ne fornisce una visione personale. In “Segmenti di tempo”, su un fondo in cui domina il rosso nelle sue gradazioni e dove segni ritmici e lineari muovono alcuni spazi, segmenti metallici tutti uguali tenuti assieme da un filo metallico scendono o salgono dando la percezione di movimento e di contrasto. Come se una tela si spostasse nell'altra, come il passaggio del tempo nella vita di ognuno. Un'opera che, per entrarci, richiede un silenzio interiore, perch ogni segno possa vibrare dentro di noi e ci permetta di comprendere il suomessaggio.Silvia Infranco, giovane pittrice bellunese, presenta un'opera che fa parte di un ciclo di lavori dedicati al tema delle lunazioni. Evoca i ritmi lunari per richiamare la lontananza dal reale o forse per parlare di una realt alternativa, ovattata che pervade silente la memoria; in questo scenario surreale, la presenza umana la carta. La memoria di una carta consunta, solcata da segni che la identificano, ma che allo stesso tempo la isolano, stagliandola in uno scenario che di umano ha ben poco.Forza e gestualit prorompono violentemente sulla superficie pittorica della tela di Marylu Melo, artista brasiliana, caricando l'opera di significati inconsci e creati dall'istinto. I colori, costituiti in prevalenza da tinte decise, rendono le immagini ancora pi cariche di emotivit e tese a provocare l'interessato sguardo dello spettatore.Mariana Cornea, nataa Cluj, un'artista che vive e lavora a Vienna. Nello spazio dell'astrazione lirica, la sua pittura introduce una sorta di soffio raffinato dall'originale intonazione e ci mostra alcuni momenti espressivi di una fantastica architettura dell'anima.Presenta i suoi oli su legno FranoiseCalcagno: nei lavori di quest’artista coesistono forma e forza come trama e ordito, e la forma non costrizione, ma continuo autoritratto dello sguardo che acqua in cui specchiarsi, delle mani che accarezzano i legni come appendice del corpo, della voce di dentro che racconta ritorni e laghi di nostalgia.Laetitia Calcagno, pittrice di origini francesi, ci pone di fronte ad uno dei suoi ritratti, il volto di un infante, che ci appare come una presenza “in custodia” e ci lascia sulla soglia, in attesa di un contatto intersoggettivo. Per passare la soglia, sembrano indispensabili una logica ininterrotta del cuore, una leggerezza impalpabile e generatrice, come i pigmenti che l’artista depone – dilavati – sulla tela.Allo spettatore non resta che lasciarsi andare alle molteplici interpretazioni fornite da queste artiste, attraverso l'utilizzo di tecniche e linguaggi differenti, godendo della bellezza delle opere in mostra e andando a coglierne il senso pi profondo.

Con preghiera di diffusione.



FranoiseCalcagno Art Studio

Campo del Ghetto Novo 2918, Venezia

info@calcagnoartstudio.com

tel: 041 52 46 039

Gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono da contatti personali o da elenchi e servizi di pubblico dominio o pubblicati. In ottemperanza al testo unico sulla privacy, per la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali, in ogni momento possibile modificare o cancellare i dati presenti nel nostro archivio. Nel caso le nostre comunicazioni non fossero di vostro interesse, sar possibile evitare qualsiasi ulteriore disturbo, inviando una mail all'indirizzo info@calcagnoartstudio.com specificando l'indirizzo o gli indirizzi e-mail da rimuovere e, come oggetto del messaggio, "Cancellazione Nominativo".

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl