Le photogravures di Franco Marinai alla "Corte".

29/mar/2005 15.41.47 Nicoletta Curradi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Un'interessante esposizione di photogravures di Franco Marinai, artista fiorentino, che ha fatto cinema sperimentale e risiede a New York, è aperta fino al 7 aprile 2005 alla "Corte Arte Contemporanea" di Via de' Coverelli 27r a Firenze. La photogravure, procedimento ideato da Fox Talbot e perfezionato da Carl Klic nel 1850, impiega la tecnica dell'acquaforte per incidere un'immagine fotografica su una lastra di rame che viene stampata a mano come un intaglio. Ciò che la distingue da altri procedimenti di riproduzione fotografica è la capacità di riprodurre un'immagine come un vero e proprio continuum di tonalità, dal bianco al nero intenso, grazie allo spessore dell'inchiostro sulla carta, corrispondente alla profondità dell'incisione sulla lastra e non in base all'illusione data da una distribuzione di punti della stessa tonalità, come nelle tecniche più comuni come la fotoincisione. "Con la fotografia si dà realtà ad una finzione, dice Marinai, con la photogravure, che richiede pazienza, concentrazione ed esperienza, si ottiene un oggetto tangibile e tridimensionale che ha una realtà propria che sostituisce la realtà dell'immagine fotografica su cui si basa."

Info: tel.055/284435.

Nicoletta Curradi



Nicoletta Curradi
Nuovo Yahoo! Messenger E' molto più divertente: Audibles, Avatar, Webcam, Giochi, Rubrica… Scaricalo ora!
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl