Astratto Distratto - comunicato stampa

Astratto Distratto - comunicato stampa Astratto Distratto dal 14 al 25 giugno 2010 a cura di Cristina Madini opening ore 18:00 ingresso libero Nel campo artistico in generale, si definiscono non figurative oppure astratte, tutte quelle manifestazioni o forme artistiche che rinunciano a riprodurre la realtà, eliminando qualsiasi riferimento al mondo oggettivo.

11/giu/2010 23.40.12 RossoCinabro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Astratto Distratto

dal 14 al 25 giugno 2010

a cura di Cristina Madini

 

opening ore 18:00

ingresso libero

 

 

Nel campo artistico in generale, si definiscono non figurative oppure astratte, tutte quelle manifestazioni o forme artistiche che rinunciano a riprodurre la realtà, eliminando qualsiasi riferimento al mondo oggettivo. La tensione vitale degli artisti in mostra, la loro essenza esuberante spiegano l'abbandono al mezzo rapido. Ognuno col proprio cammino artistico, sono arrivati a sviluppare esperienze nelle quali i vari oggetti del mondo reale, vengono distratti, interrotti, sottratti momentaneamente alla loro fluidità, deformati, frantumati o resi irriconoscibili fino ad arrivare alla tappa obbligatoria del distacco totale di raffigurazione  della natura e di tutta la realtà.

La mostra parte quindi da lavori impostati con una fermezza da cui è assente ogni traccia di indisciplina, ove tutto è al proprio posto e la colorazione castigata viene scandita e sistemata in un traliccio controllato. Man mano i  motivi vengono frantumati e dissolti in riquadri di colore, in una serie di tasselli vivi e significanti per la loro energia associativa. E’ da questa posizione che ci si avvia  per non soffermarsi più sul dato oggettivo. Così da queste immagini, che sono ancora comprese si arriva a trascinare una discussione materica fine a se stessa, rispettando le proprie spontaneità fino a rimanerne dominati e dando luogo ad un agglomerato pittorico crudo, emozionale. Un’entità sconvolta ai fini di tirarne fuori il senso intimo che l’aspetto cela, per evocare ciò che si indovina dietro l’apparente. Documentare il farsi e disfarsi  di un oggetto, la presenza dei più nascosti  germogli vitali nel suo impasto: il sorgere, il divenire, il decomporsi di un magma intenso, pervenire all'espressione astratta attraverso una distrazione o disintegrazione graduale della figura. L'oggetto scompare fino a divenire irriconoscibile, mentre ritmi, spazi e strutture sono liberamente sovvertiti e ricreati in un irrompere di colori, in una lavica colata di pennellate irrefrenabili  e straripanti.

 

Opere di: Salvatore Alessi, Ursula Barilli, Maurizio Carpanelli, Amos Crivellari, Nicola Giampietro, Constanza Gianola, Alessandra Lampiasi, Martina Sosio

 

 

 

RossoCinabro

Via Raffaele Cadorna, 28 - 00187 Roma

Tel. 06 60658125

www.rossocinabro.com

rossocinabro@gmail.com

da lunedì a venerdì 12:00 - 19:30

 

 

 

 

 

 

 

 





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl