Presentazione a Torino del Laboratorio dell’Ossessione

20/giu/2010 19.32.38 Antrocom Onlus Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Antrocom Onlus patrocina, insieme all’Accademia Nazionale del Cinema di Bologna, Il Laboratorio dell’Ossessione – dalla scienza al sogno di Massimiliano Camellini.

Una mostra e un libro che sono una riscoperta del mito della creazione dell’uomo, da Prometeo a Frankenstein, attraverso le immagini delle prove di laboratorio lasciate in eredità dai creatori che operano nel mondo del cinema e del teatro.

Il volume sarà presentato a Torino il 7 luglio 2010, alle ore 18.00, presso la Sala Incontri della Mole Antonelliana (Via Montebello, 20, Torino).

Parteciperanno l’Autore Massimiliano Camellini, la curatrice Mara Granzotto, l’antropologo Massimo Centini e il critico cinematografico Jonny Costantino.

Nel 1818 viene pubblicato Frankenstein, ovvero il moderno Prometeo, scritto da Mary Wollstonecraft Shelley, che consacra il mito primordiale dell’ansia dell’uomo di creare il proprio simile, mito poi sviluppato dal mondo del cinema e del teatro.

Le prove di un creatore di effetti speciali del cinema sono la creazione di personaggi, come riproduzione dell’uomo da materia prima inanimata.

Le tracce degli studi dell’artigiano sono le prove di creazione dell’uomo che opera per il cinema, ma sono anche specchio di “ansie”, di sentimenti, di emozioni del loro creatore.

Pervasi dall’ansia di ricreare lo “spettacolo della vita”, i creatori lavorano perchè i personaggi siano reali, “escano” dalle pellicole, come dai negativi del fotografo, e che restino per sempre nella memoria degli spettatori, anche se, finito lo spettacolo, sono destinati a riposare dentro i cassetti, attaccati alle pareti, o avvolti nelle ragnatele.
Il volume contiene testi di Mara Granzotto, Georges Vercheval, Massimo Centini, Jonny Costantino.

 

Massimiliano Camellini, nato nel 1964, dal 1999 ha iniziato un ciclo di lavori fotografici che rievocano metaforicamente sogni ed istinti ricorrenti nella storia dell’umanità, tra i suoi lavori e relative pubblicazioni a riguardo ricordiamo “Oltre le gabbie” (2001), “I Volanti” (2004), “Duel” (2006).

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl