com stampa 3 incontri accademia

26/apr/2005 18.38.38 presspg Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
riceviamo e volentieri diffondiamo:


ACCADEMIA DI BELLE ARTI 'PIETRO VANNUCCI’ - PERUGIA

C O M U N I C A T O S T A M P A
CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE E DIFFUSIONE

MERCOLEDÌ 27 APRILE 2005 alle ore 11,00 - Aula di Storia dell’Arte

La responsabilità della forma tra individualità e sociale
Incontro con BRUNO CORÀ

GIOVEDÌ 28 APRILE 2005 alle ore 11,00 - Aula di Storia dell’Arte

La responsabilità della forma tra individualità e sociale
Incontro con MARCO TONELLI Arte tra opera e sistema

LUNEDÌ 2 MAGGIO 2005 - Aula di Storia dell’Arte

Ore 15.00 e ore 17.00- Proiezione di

GENESI FROM THE MUSEUM OF SLEEP
Video di Cristiano Carloni e Stefano Franceschetti, 2000

EPITAPH
Video realizzato da Romeo Castellucci, 2000
MARTEDÌ 3 MAGGIO 2005 - Aula di Storia dell’Arte

ore 9.00- Proiezione di

GENESI FROM THE MUSEUM OF SLEEP
Video di Cristiano Carloni e Stefano Franceschetti, 2000

EPITAPH
Video realizzato da Romeo Castellucci, 2000

ore 11,00- Incontro con CLAUDIA CASTELLUCCI

della Socìetas Raffaello Sanzio

Gli incontri e le proiezioni, organizzati dalla cattedra di Pittura 1 Prof.
Cardinali e Storia dell’Arte Prof. Aldo Iori dell’ ACCADEMIA DI BELLE ARTI
'Pietro Vannucci’ in collaborazione con le altre cattedre fondamentali sono
inseriti all'interno di una serie di appuntamenti previsti dalla
programmazione per l’A.A. 2004/2005 di cui è stata organizzata il 19
novembre, la mostra 3x5x5 Storia e Futuro dell’Arte, il 3 dicembre Avatar
Project: incontro con Marotta & Russo e gli incontri con Emidio de
Albentiis, Antonio Carlo Ponti, Italo Tomassoni, Massimo Donà, Vittorio
Messina e la mostra LIBERTÀ RESISTENTE Dieci artisti alla Rocca Paolina al
CERP di Perugia.
Nel corso del prossimo mese sono in programma gli incontri con i critici
Massimo Duranti (5 maggio) e Enrico Crispolti (3 giugno), l’artista Renato
Ranaldi (26 maggio), e il convegno Lo sguardo di Asclepio - Arte e
dimensione critica del corpo (13-14 maggio).

Per Informazioni:
Fondazione Accademia di Belle Arti ‘Pietro Vannucci’
piazza San Francesco al Prato 5, 06123 Perugia www.abaperugia.org
tel. 075 5730631 fax 075 5730632 segreteria@abaperugia.org





Bruno Corà (Roma, 1942), critico e storico d’arte, è docente di Storia
dell’Arte Contemporanea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia
dell’Università degli Studi di Cassino.
Dal 1979 al gennaio 1999 è stato titolare della cattedra di Storia dell'Arte
presso l'Accademia di Belle Arti di Perugia, di cui è Accademico d'Onore.
Tra i fondatori, nel 1970, degli Incontri Internazionali d’Arte di Roma,
dal 1977 è membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione, di cui ha
curato per diversi anni la sezione arti visive.
Nel 1980 ha fondato la rivista internazionale d’arte contemporanea Anoir,
Eblanc Irouge, Uvert, Obleu:, che ha diretto per 22 numeri fino al 1987.
Nel triennio 1989-91 ha curato i programmi artistici della sezione
contemporanea del Museo Capodimonte di Napoli e dal 1995 al 2002 è stato
Direttore artistico del Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato
e dei programmi artistici di Palazzo Fabroni Arti Visive Contemporanee di
Pistoia (1993-2001).
E’ autore di monografie e numerosi saggi critici sull’arte contemporanea
(oltre trecento) pubblicati su cataloghi, riviste specializzate e
quotidiani.
Ha curato varie Biennali Internazionali d’Arte (Dakar, Gubbio, La Spezia,
ecc.) e numerose mostre individuali e collettive sia in Italia che
all’estero, nonché convegni scientifici sul colore “Who’s afraid of red,
yellow and blue?” (CNR, Roma), su aspetti teorico-artistici riguardanti
l’arte contemporanea: “Spazi per l’arte, oggi” (Perugia, Accademia di Belle
Arti), “Tempo e Forma nell’arte contemporanea” (Università di Cassino),
“Modi imprevisti” (Pistoia, Palazzo Fabroni), “Spore - Arti contemporanee
nel transito epocale” e “Inonia - quali città d’arte a venire?” (Università
di Cassino).
Attualmente è Direttore artistico del Museo d’Arte Contemporanea della
Spezia.

Marco Tonelli storico e critico d'arte, Specializzato in Storia dell'Arte
Contemporanea, ha conseguito nel 2004 il titolo di Dottore di Ricerca presso
l'Università degli Studi di Siena. Ha pubblicato articoli e recensioni di
mostre sulle riviste "Art Dossier", "Terzoocchio", "Neopsichiatria", "Global
Magazine", saggi sull'Espressionismo Astratto e la Pop Art inglese e
monografie di artista (Gastone Biggi, 1999, Mino Trafeli, 2000), di cui in
preparazione una su Fabrizio Plessi ed una su Sergio Vacchi. Ha inoltre
presentato mostre personali di artisti presso spazi pubblici e privati (tra
cui Asdrubali, Attardi, Calabria, Tilson), e curato nel 2002, insieme ad
Enrico Crispolti, la mostra Dal Futurismo all'Astrattismo, presso il Museo
del Corso di Roma. Cultore della materia presso l'Università della Tuscia,
Viterbo, nel 2005 é stato Commissario Inviti e Consulente organizzativo
della XIV Quadriennale di Roma. Vive e lavora a Roma.

Socìetas Raffaello Sanzio

Romeo Castellucci (1960), regista; Chiara Guidi (1960), drammaturga; Claudia
Castellucci (1958), scrittrice, costituiscono il nucleo artistico della
Socìetas Raffaello Sanzio, da loro fondata nel 1981, a Cesena, in
Emilia-Romagna.
L’orientamento generale che attraversa l’intera opera della Socìetas
Raffaello Sanzio, pur nelle singole differenze, è la concezione di un teatro
inteso come arte che raccoglie tutte le arti, per una comunicazione diretta
a tutti i sensi e in tutti i sensi della mente. L’imponenza dell’impianto
visivo e sonoro, che si avvale sia del vecchio artigianato teatrale, sia
delle nuove tecnologie, crea una drammaturgia che disconosce l’egemonia
della letteratura. Viene sviluppata una ricerca nei campi della percezione
visiva e auditiva che studia gli effetti delle nuove strumentazioni o, più
spesso, inventa nuove macchine. Tra le numerose opere di propria
creazione ricordiamo Amleto. La veeemente esteriorità della morte di un
mollusco (1992), uno degli spettacoli chiave della compagnia, Orestea (una
commedia organica e Buchettino (1995), Giulio Cesare (1997), Genesi, from
the museum of sleep (1999), la “sinfonia istantanea” Voyage au bout de la
Nuit (1999), Il Combattimento (2000), opera di teatro musicale di Claudio
Monteverdi e del compositore contemporaneo Scott Gibbons, che a partire da
questi anni diventerà un punto di riferimento fisso per l’opera musicale
della Compagnia.
A partire dal 2001 la Socìetas Raffaello Sanzio avvia un progetto chiamato
“Tragedia Endogonidia”. Si tratta di un sistema aperto di rappresentazione
che, come un organismo, si trasforma nel tempo e nel giro geografico che
compie, assegnando a ogni stadio della sua trasformazione il nome di
“Episodio”. L’anonimia dei personaggi, l’alfabeto, la legge, la durezza del
sogno, la città, sono temi indicati come altrettante condizioni della
tragedia contemporanea, assunte dalla condizione dell’essere spettatore, che
è forse il vero oggetto di pensiero di questa Tragedia Endogonidia.
Nel 2000 Romeo Castellucci riprende l’attività iconologica, interrotta con
l’inizio dell’attività teatrale, creando mostre di opere plastiche e di
figurazioni estetico-biologiche che prendono sostanza attraverso la potenza
invisibile dei batteri. Nel luglio del 2002 il Festival d’Avignon riserva
l’esposizione principale a Romeo Castellucci che, presso la Chapelle de
Saint-Charles, presenta To Cartage then I came, un insieme di opere animate
da un principio di moto ripetitivo, e che pongono il tema dell’inizio come
vero enigma del mondo.
Al di là degli spettacoli, la Socìetas Raffaello Sanzio ha pubblicato
diversi testi di teoria teatrale e prodotto autonomamente alcuni video.
Ospite dei teatri e dei festivals più importanti nelle capitali dell'Europa,
dell'America, dell'Asia e dell'Oceania, ha ottenuto diversi premi in Italia
e all'estero.

Premi
1996 Premio speciale UBU per la resistenza, in seguito all’esclusione della
Socìetas Raffaello Sanzio dal contributo pubblico per il teatro di ricerca,
da parte del Ministero del Turismo e dello Spettacolo della Repubblica
Italiana.
1997 Premio Masque d’Or come miglior spettacolo straniero dell’anno, a
“Orestea”, Festival Theatre des Ameriques, Montreal.
Premio Ubu a “Giulio Cesare”, come miglior spettacolo dell’anno.
1998 Premio speciale UBU per il Teatro Infantile, conferito a Chiara Guidi
per la sua “Scuola Sperimentale di Teatro Infantile”.
2000 Premio Europa Nuove Realtà Teatrali alla Socìetas Raffaello Sanzio,
Taormina
Premio Ubu come miglior spettacolo dell’anno a “Genesi from the museum of
sleep”.
Premio Migliore Produzione Internazionale a “Genesi from the museum of
sleep”, “Dublin Theatre Festival” (ottobre 2000)
Grand Prix de la Critique-Paris per la scenografia di “Genesi from the
museum of sleep”, conferito a Romeo Castellucci.
2002 Romeo Castellucci è stato insignito del titolo di “Chevalier dans
l’ordre des Arts et des Lettres” dal Ministero della Cultura della
Repubblica Francese nella persona del Ministro Catherine Tasca.
2004 Premio speciale UBU 2004 a Romeo Castellucci per gli sviluppi del
lavoro sulla Tragedia Endogonidia

Nell'anno 2003, Romeo Castellucci è stato nominato Direttore della sezione
Teatro della Biennale di Venezia per l’anno 2005
www. raffaellosanzio.org



Informativa ai sensi della Legge n°675 del 31/12/96.
In relazione al D.Lgs 196/2003 riguardante la ‘Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali’ La informiamo che questa mail circolare - inviata in CCN - non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale ed è stato inviato a scopo informativo a una mailing list i cui indirizzi sono stati reperiti navigando in rete, da e-mail o altre fonti che li hanno resi pubblici. Garantiamo che tali dati vengono solo da noi utilizzati con la massima riservatezza esclusivamente per l’invio gratuito di informazioni riguardanti Mostre ed Eventi Culturali. Questo messaggio non può essere considerato SPAM poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica.
Se ciò La disturba o questo invio è stato ricevuto doppio, ne chiediamo scusa. È sua facoltà richiedere la rettifica e la cancellazione degli stessi dati. Si prega di comunicarlo a presspg@libero.it con una lettera con RIMUOVI oppure DOPPIO e il proprio indirizzo e-mail nella casella "Soggetto" (Subject).
Se utilizzate più account, specificate l'indirizzo esatto da rimuovere.
To remove your name from future email communications, reply to this email with the subject: REMOVE.
In mancanza di una Sua esplicita comunicazione in merito riteniamo che Lei gradisca ricevere le nostre informazioni e ci sentiamo autorizzati a continuare gli invii. Grazie.






____________________________________________________________
6X velocizzare la tua navigazione a 56k? 6X Web Accelerator di Libero!
Scaricalo su INTERNET GRATIS 6X http://www.libero.it
____________________________________________________________ 6X velocizzare la tua navigazione a 56k? 6X Web Accelerator di Libero! Scaricalo su INTERNET GRATIS 6X http://www.libero.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl