Ataraxia Live in Villa Sorra speciale "l'anima e il soffio"

12/ago/2010 01.15.09 Maurizio Ganzaroli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Ataraxia
in "Musica dei Giardini" (Speciale “L’anima e il soffio”)
24 Luglio 2010
Villa Sorra,Gaggio(Modena)


Nel giardino romantico di Villa Sorra , una dimora storica nei pressi di
Modena, proprio sopra le grotte che sovrastano il lago delle ninfee, si è
tenuto un evento diverso dal solito, intimista e sobrio: un concerto unplugged
per voce,chitarra e flauto di Francesca Nicoli e Vittorio Vandelli degli
Ataraxia.
Dopo una visita guidata alle meraviglie del giardino,in cui spiccano le tre
isole dove su ognuna c’è una statua di pietra a ricordo degli amati animali
del costruttore della villa; nel boschetto pieno di ponticelli, passaggi,
stradine strette e pertugi disegnati tra alberi ricoperti di edera che si
abbracciano toccandosi, finalmente si è potuta ascoltare la voce di Francesca,
senza fronzoli, e ammirare la sua vera essenza che in mezzo a quella natura
anche primitiva sembrava perdersi come una regina degli elfi, in cui lei ha
potuto dare il meglio di se stessa senza avere le limitazioni di un impianto di
amplificazione che spesso non le dà merito, ha potuto fluttuare tra le persone,
come non avesse gravità, in ampi gesti e passi leggeri, che come foglie nel
vento volano sopra i pensieri della gente.
Si sono toccate vere corde di emozioni vibranti nel repertorio presentato
comprendente i brani più melodici e romantici di chitarra classica degli
Ataraxia, un brano del lavoro solista di Vittorio e una nuova composizione di
Ataraxia eseguita per la prima volta ,per un viaggio a ritroso verso i
primordi, poiché nella natura tutto torna al punto di partenza componendo un
circolo senza fine che racchiude tutte le emozioni.
Le musiche sembravano sgorgare direttamente da quel bosco sicuramente abitato
da quel piccolo popolo di cui parlano tutte le leggende, certamente hanno
assistito anch’essi in silente invisibilità, a chi non era pronto a vedere
oltre, a chi non era abbastanza puro di cuore parevano solo dei colpi di vento
che spostavano le chiome degli alberi, e facevano cadere qua e là qualche
foglia o qualche ramo.
Spesso ci si perdeva talmente in questo romantico idillio, che non sembrava
neppure eseguito da esseri umani, ma da essere sottili, superiori e abitanti di
quel bosco incantato di Villa Sorra.


La scaletta:
THE BAY IS WHITE IN SILENT NIGHT
ELEVAZIONE
KREMASTA NERA
ASTIMELUSA
OPHELIE
ETRETAT
MAY SHE BECOME
LE ORE ROSA DI MAZENDERAN
LYYR
EVNYSSIEN
ODUARPA
APERLAE
Bis:
THE BAY IS WHITE IN SILENT NIGHT


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl