Gli affreschi della Cappella Sassetti, specchio della Firenze del 1400.

16/mag/2005 12.45.32 Nicoletta Curradi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
L'antica chiesa di San Pier Scheraggio, il Ponte Santa Trinita com'era un tempo, i volti di tanti personaggi di casa Medici: tutto questo è possibile ammirare ancor oggi, come in una vecchia fotografia, negli affreschi realizzati da Domenico Ghirlandaio nella Cappella Sassetti nella basilica di Santa Trinita. La cappella è la principale attrazione della chiesa  e un recentissimo restaturo, appena ultimato, l'ha resa ancor più fruibile dal grande pubblico. La cappella in origine era dedicata a San Francesco e fu acquistata da Francesco Sassetti (1421-1490), banchiere di fiducia dei Medici: la decorazione delle pareti fu eseguita da Domenico Ghirlandaio e dalla sua bottega tra il 1483 e il 1486. La data apposta sotto i ritratti dei committenti, Francesco Sassetti e Nera Corsi, sua sposa, indica il giorno di Natale del 1485, quando i lavori furono terminati. La storia e l'arte fiorentina della seconda metà del 1400 si fondono mirabilmente nella cappella: elementi religiosi si mescolano a temi iconografici riguardanti personaggi del mondo politico e culturale fiorentino, ma pure a momenti biografici del Sassetti, vissuto tra Firenze, Lione e Ginevra. L'"obiettivo" del Ghirlandaio scorre su un'ampia galleria di uomini illustri, creando quello che il Warburg definì "l'incunabolo della ritrattistica italiana": Lorenzo il Magnifico, Giuliano duca di Nemours, Piero e Giovanni de' Medici (futuro papa Leone X), i poeti Agnolo Poliziano e Luigi Pulci, il cappellano di corte Matteo Franco e lo stesso Domenico Ghirlandaio sono fra i  volti riconoscibili, ma non è stato possibile identificare tutte le figure affrescate, elegantemente vestite secondo i canoni del gusto dell'epoca. Il pennello del Ghirlandaio non si è limitato ai personaggi, anzi si è soffermato sui dettagli di visioni urbane, come piazza Signoria, con la Loggia dei Lanzi priva di sculture e luogo di ritrovo dei fiorentini, e le botteghe dei lanaioli, oppure piazza Santa Trinita con il palazzo Spini, la facciata romanica trecentesca della chiesa e il pnte prima della piena del 1557 e della ricostruzione dell'Ammannati. La storia e la leggenda francescana sono pure ambientate a Firenze e non a Roma, come ad affermare il potere politico di Firenze e dei  Medici in contrapposizione con Roma ed il papa. L'abilità pittorica di Domenico Ghirlandaio e dei suoi aiutanti ha saputo riflettere e sintetizzare la società ricca e colta della Firenze del XV secolo. Nell'affresco  delle "Stmmate" si ha una fedele riproduzione del convento della Verna. Il restauro degli affreschi della cappella (2004-2005), finanziato dal Ministero dei Beni Culturali su iniziativa della Soprintendenza per i Beni Architettonici, è reso ancor più godibile dal nuovo e più moderno impianto  di illuminazione, che consente di ammirare l'opera nei minimi dettagli. Già alla fine del XIX secolo il pittore Cosimo Conti e Dario Chini avevano eseguito restauri degli affreschi, mentre l'intervento di Leonetto Tintori si era avuto dopo la rovinosa alluvione del 1966. Le polveri ed il nerofumo che ricoprivano  la superficie pittorica, i distacchi di intonaco in più punti, la lesione di una parete muraria ed alcune infiltrazioni di umidità hanno reso indispensabili i nuovi lavori: le indagini conoscitive eseguite prima dell'intervento hanno consentito di apprendere le tecniche esecutive del Ghirlandaio, il suo modo di lavorare, i pigmenti utilizzati. Si è potuto quindi scoprire che il grande pittore eseguiva i ritratti più importanti due a due o anche uno alla volta, lavorando con cura ed attenzione sulla parete a fresco. Le figure oranti di Francesco Sassetti e Nera Corsi ai lati della pala della "Natività", sempre del Ghirlandaio, e le loro tombe in basalto rimangono a ricordo perenne di una Firenze scomparsa, ma ricca di storia, fede e cultura.
 
Nicoletta Curradi


Nicoletta Curradi
Nuovo Yahoo! Messenger E' molto più divertente: Audibles, Avatar, Webcam, Giochi, Rubrica… Scaricalo ora!
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl