artisti a Cannara

22/mag/2005 14.32.02 presspg Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Riceviamo e volentieri diffondiamo
------------------------------------------------------------------------------------------
C O M U N I C A T O S T A M P A
------------------------------------------------------------------------------------------
CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE E DIFFUSIONE
------------------------------------------------------------------------------------------
FLORIMAGO
Artisti all’Infiorata del Corpus Domini di Cannara (PG)
------------------------------------------------------------------------------------------
Sede: Cannara (Perugia)

Periodo: 28-29 maggio 2005 (notte e giorno)

Artisti: Renato RANALDI, Eugenio GILIBERTI, Danilo FIORUCCI e Stefano BONACCI
--------------------------------------------------------------------------------------------
Curatori: Aldo Iori e Antonio Pazzaglia

Organizzazione: Pro Loco e Comune di Cannara
Promotore: Pro Loco e Comune di Cannara
Patrocinio: Regione dell’Umbria

L’evento artistico FLORIMAGO - ARTISTI ALL’INFIORATA DEL CORPUS DOMINI DI CANNARA- PG è mirato a rilanciare pubblicamente la “Infiorata di Cannara” attraverso un’iniziativa che vuole arricchire il livello di cultura socializzata della manifestazione.
In occasione della “Infiorata di Cannara” del 2005, ai vari infioratori del paese si affiancheranno quattro artisti di generazioni diverse scelti dai curatori di FLORIMAGO e altrettanti artisti locali che saranno invitati a realizzare un tappeto floreali ognuno sul tema del Corpus Domini, rispettando le regole compositive imposte dalla tradizione.
Ad ogni artista verrà quindi una parte di strada e i loro lavori risulteranno distribuiti nelle vie di Cannara assieme a quelli che tradizionalmente realizzano i cittadini.
Non si tratterà di un semplice coinvolgimento estetico, ma di un vero e proprio confronto costruttivo basato sulle poetiche che gli artisti prescelti, nella loro quotidiana prassi creativa, hanno maturato e sviluppato, e sul rapporto tra arte d’avanguardia e mondo del sacro che in passato ha avuto, nelle varie contemporaneità epocali, così grande importanza da diventare il filo conduttore di gran parte della ricerca artistica e della storia dell’arte.
Gli artisti coinvolti saranno rappresentativi di diverse generazioni anche per poter indagare linguaggi e poetiche differenti: da quelli consolidati del maestro oramai affermato e riconosciuto, a quelli di artisti più giovani che sperimentano ambiti di ricerca inediti confrontandosi con le nuove tendenze in atto.
Invitare degli artisti a questa manifestazione comporta un lavoro organizzativo a lungo e medio termine mirante a coinvolgerli emotivamente all’interno del progetto, a fare apprendere agli stessi le tecniche dell’infiorata, a organizzare delle squadre operative con esperti in materia da affiancare ad ogni artista, a ospitarli per più giorni, a mettere loro a disposizione, in questo periodo, degli ambienti-studio attrezzati dove poter preparare i bozzetti, raccogliere i fiori, selezionare i colori, e a risolvere tutti i problemi che, di volta in volta, possano presentarsi.
Le quadre operative saranno costituite anche da alcuni studenti dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia selezionati dai docenti della stessa accademia.
Questo inserimento risulterà molto importante sia per la manifestazione, grazie alla maggiore capacità degli studenti di dialogare con l’artista, sia per loro stessi che potranno confrontarsi con problemi estetici e pratici nuovi e sicuramente interessanti

Gli artisti invitati per l’iniziativa 2005 sono:
Renato Ranaldi (Firenze), Eugenio Giliberti (Napoli), Danilo Fiorucci (Perugia), Stefano Bonacci (Perugia)

Dalle ore 20.00 di sabato 28 maggio e per tutta la notte, gli artisti con le loro squadre e tutti gli altri partecipanti all’Infiorata saranno impegnati alla realizzazione pubblica dei propri tappeti floreali nelle vie del paese. Tra i vari partecipanti si segnala anche la presenza di quattro altri artisti di Cannara che da molti anni si cimentano nella realizzazione dell’Infiorata: Gianpiero Magrini, Silvia Frugnoli, Vanda Ortolani, Massimiliano Bardi e Paola Pompei.
Il giorno dopo le opere potranno essere ammirate nella loro compiutezza prima e dopo la processione del Corpus Domini delle ore 12.00 per tutta la giornata. I laboratori saranno aperti al pubblico anche nei due giorni precedenti.
La novità dell’evento è di essere non solo una manifestazione locale e folkloristica, indirizzo già presente nell’impegno dei cittadini, ma nuova manifestazione di arte contemporanea mirante a favorire la ricerca culturale visiva in quegli aspetti che immancabilmente, ad ogni mostra d’arte d’avanguardia, si propongono come novità estetiche per un discorso sempre a venire.

Un catalogo a colori accompagnerà l’iniziativa, sarà pubblicato il giorno del Corpus Domini e porterà le riproduzioni dei bozzetti, una breve biografia degli artisti e note critiche sui singoli lavori.

Informazioni:
Pro Loco di Cannara 074272177
Comune di Cannara, Uff. Cultura 0742731815 - 3929042004 pasqualoni.comune@libero.it
Informazioni stampa: presspg@libero.it

BIOGRAFIE DEGLI ARTISTI

Renato RANALDI nasce a Firenze nel 1941. Il suo esordio avviene nel vivace ambito culturale fiorentino nel quale costruisce intensi rapporti con altri artisti tra i quali la pittrice Vera Corti, Eugenio Piccini, Giuseppe Chiari, Ketty La Rocca, Adolfo Natalizi, Gianni Pettina, Roberto Barni, Remo Salvatori, Giovanni Ragusa, Giuseppe Gattuso Lo Monte e con Andrea Granchi e Sandro Chia, con i quali condivide l’esperienza del teatro musicale integrale (1967-69).
I lavori pittorici dei primi anni presentano spesse masse di colori e di particolari attenzioni a differenti stilemi linguistici; in seguito il suo linguaggio tralascia sempre più l’ambito della pittura per un rapporto privilegiato per il disegno dal quale scaturisce anche tutto il suo operare plastico.
I materiali della scultura, bronzo, legno, ottone, vengono trattati con tecniche raffinate a comporre e articolare un luogo che dalla bidimensionalità del disegno diviene spazio; in esso figure archetipiche e segni convivono e compongono un universo iconico, fondato spesso su calembour linguistico-visivi sull’uso dello humor e dell’ironia, sospeso in una surrealtà di derivazione metafisica. In questo spazio apparentemente poco serio sono posti in essere quesiti sugli elementi fondanti il fare artistico contemporaneo e l’eredità culturale lasciataci dal passato.dalla fine dei Sessanta affianca la produzione di sculture e disegni con quella di cortometraggi e films (Senilx, 1968) con i quali è presente nelle principali rassegne di cinema d’artista in Italia ed all’estero come quella organizzata dal Centre Georges Pompidou a Parigi nel 1979. in questi anni stringe amicizia con Fernando Melani, Luciano Fabro e con Bruno Corà. Nel 1979 esegue la prima fusione in bronzo con la tecnica della staffa e poi della cera persa. Realizzerà l?Archetipo, forma delle forme, e agli inizi degli anni Ottanta, con esecuzioni di grandi dimensioni, espone in diverse mostre in gallerie e musei. Nel 1988 viene invitato alla XLIII Biennale di Venezia esponendo opere plastiche in una sala monografica.
Negli anni Novanta e nei primi del nuovo decennio, si afferma nel novero degli artisti italiani dell’arte contemporanea con la produzione incessante del disegno e dell’opera plastica _ presenza di laminati di zinco, rame, ottone e di telai in legno dipinto - e con mostre in gallerie private e musei italiani ed esteri, tra le quali si cita l’ampia antologia curata da B. Corà a Palazzo Fabroni (Pistoia, 1994), Continuità - arte in Toscana (Firenze, 2002), Sonde (Pistoia, 2004). Attualmente la Galleria “Il Ponte” di Firenze ha presentato la sua produzione di 840 disegni di piccolo formato editi e catalogati nel libro “Parusie” (Firenze, 2005).. Vive e lavora a Firenze.

Eugenio GILIBERTI nasce a Napoli nel 1954. Nei primi anni Ottanta, in una stagione che vede l'esaurirsi di esperienze materiche e l'inizio di altre con forti valenze pittoriche, il lavoro di Eugenio Giliberti si definisce in un ambito nel quale primaria è la ricerca metodologica e concettuale sulle problematiche che l'opera nel suo essere pone e sulle sue definizioni formali. Presente in importanti rassegne della giovane arte italiana come 'Evacuare Napoli' (Napoli 1985), Avvistamenti (Capri, 1988), Regina Bleu (Marsiglia, 1989), 'Artedomani 3' (Spoleto, 1992) nell'interessante personale a Lisbona del 1992 l'artista trova nel lavoro inedite modalità di coniugazione dei nessi che correlano la forma al colore. Nel 1994 inizia una ricerca specifica sul colore, attraverso la campionatura delle possibili modalità compositive delle diverse tonalità, superando l'aspetti percettivo o analitico per assumere valenze dal forte coinvolgimento spaziale che presenta in personali a Napoli, Montreal, Dusseldorf e Zurigo. Nel 1996 è autore di una rande istallazione a Forma Urbis, la XXIII edizione della Biennale di Gubbio. Alla fine degli anni Novanta l’esperienza cromatica e plastica degli “oggetti platonici” si modifica in realizzazioni tridimensionali che assumono come forma visiva l’iconografia del corpo umano e di insetti, in particolare la fastidiosa zanzara, che espone per la prima volta alla mostra Futurama al Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci nel 2000. nel 2003 in una personale al Castel Sant’Elmo a Napoli ha realizzato quattro istallazioni pittoriche e plastiche. Vive e lavora a Napoli.

DANILO FIORUCCI nasce nel 1961 a Perugia e si diploma in pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Perugia con il maestro Nuvolo. Fin dalla fine degli anni ottanta il suo lavoro si caratterizza per l’attenzione ai linguaggi pittorici che vengono definiti nel dualismo dato da una parte dalla raffinatezza cromatica di superfici dal forte impatto astratto e dall’altro da un’indagine tridimensionale dell’essenza dell’oggetto e dei materiali energetici propri delle esperienze internazionali degli ultimi decenni. Negli ultimi anni la riflessione sul ‘fare’ costitutivo del lavoro si evidenzia in una produzione di opere stilisticamente più unitarie nelle quali la tridimensionalità plastica si fonda con la purezza del monocromatismo pittorico. Nel 1989 fonda (con M. Barboni, R. Lang, L Ragni) l'Associazione per le Arti Visive "Trebisonda", che svolge in Umbria una intensa attività di promozione culturale curando convegni, progetti e scambi internazionali di arte contemporanea (in particolare con Germania e USA). Fin dal suo esordio artistico espone in numerose mostre collettive e personali in Italia ed all’estero, proponendo anche installazioni e video-proiezioni. È presente con una mostra personale durante la XXXIV edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto (1991). Vive e lavora a Perugia.

STEFANO BONACCI nasce a Perugia nel 1971 e si diploma in pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Perugia nel 1995. Nello stesso anno partecipa ad Anteprima (Corciano, 1995) rivelando una personale ricerca sui caratteri costitutivi dell'opera. Nel 1997 frequenta il Corso Superiore di arte Visiva a Como sotto la guida di Allan Kaprow, nel 1998 si reca presso l'Halifax School of Integrated Arts (GB) dove collabora con Chris Sacker, e negli stessi anni frequenta gli studi di numerosi artisti collaborando con Remo Salvadori e Renato Ranaldi. Nelle opere più recenti appare un costante interesse per il rapporto spaziale e geometrico delle forme determinate con materiali eterogenei la cui sollecitazione mnemonica e tecnologica conduce alla forma finale, come nelle opere presentate a Riflessi sulla natura (Perugia, 2000), Futurama (Prato, 2000), alla Biennale dei Giovani Artisti del Mediterraneo (Sarajevo, 2001), a Numero Zero (Perugia 2001), Next Art (Bari 2003), Colui che osserva (Dusseldorf, 2004) e alla recente mostra presso il castello di San Terenzo (Lerici, 2004). Attualmente è docente di Installazioni Multimediali presso l'Accademia di Belle Arti 'P.Vannucci' di Perugia dove vive e lavora.


BIOGRAFIE DEI CURATORI

Aldo Iori nasce a Crema (Cr) nel 1954. Conduce studi di architettura e storia dell'arte antica e contemporanea. Interessato ai rapporti spaziali dell'opera e tra questa e il luogo, cura numerosi allestimenti di mostre e rassegne, tra cui la mostra di Nuvolo (Perugia e Città di Castello, 1993) e la XXIII edizione della Biennale di Gubbio del 1996. Si interessa all'opera di numerosi artisti, come curatore di mostre personali e collettive o con testi scientifici sul loro lavoro. Dal 1981 al 1990 è redattore della rivista 'Anoir, Eblanc, Irouge, Uvert, Obleu:' diretta da Bruno Corà. Dal 1986 al 1992 è attivo membro di "Opera, associazione per le arti visive" a Perugia. Collabora con il Centro per l'arte contemporanea 'Luigi Pecci' di Prato e nel 1998-99 è membro della commissione per le arti visive del Comune di Perugia per cui cura nella Loggia dei Lanari l'esposizione dei lavori di Beuys e le mostre di Nuvolo, Agapito Miniucchi e Dadamaino. Dal 1983 è docente di Storia dell'arte presso l'Accademia 'Pietro Vannucci' di Perugia per la quale è stato curatore di varie iniziative artistiche e progetti europei. Ha pubblicato presso l’editore Gramma la monografia “Sauro Cardinali, la nominazione diviene spazio”.Vive e lavora a Perugia e Roma.

Antonio Pazzaglia nasce a Pesaro nel 1955. Si diploma all’Accademia di Belle Arti di Perugia nel 1983 sotto la direzione dell’artista Nuvolo e da quell’anno si dedica all’arte distribuendo il suo impegno prima come artista, partecipando a numerose mostre tra cui “Avvistamenti” (Capri, 1988), “Fabbrica” (Brescia, 1989), “Arte domani 2” (Spoleto, 1991), “XXII Biennale di scultura” (Gubbio, 1992), “Forme presenti da luogo” (Rezzago, 1994), “Volume 1” (Perugia, 1995), “Il formaggio e i vermi” (Cortona, 1995), poi, dal 1987 al 1993, in qualità di socio direttivo dell’Associazione Culturale per le Arti Visive “Opera” di Perugia, diretta da Bruno Corà, si è impegnato nella organizzazione di mostre di numerosi artisti sviluppando con essi un particolare e prezioso rapporto di sinergia creativa. Dal 2004, si impegna come curatore e ideatore di mostre sempre alla ricerca di ambiti e contesti nuovi che favoriscano lo sviluppo di linguaggi innovativi: ha promosso il progetto triennale “ABTamo” (Perugia, 2004) e collaborato alla mostra “A ritroso” di L. Leandri (Marciano, 2004). Vive e lavora a Collemancio di Cannara, Perugia.

------------------------------------------------------------------------------------
CON PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE E DIFFUSIONE
--------------------------------------------------------------------------------------
Informativa ai sensi della Legge n°675 del 31/12/96.
In relazione al D.Lgs 196/2003 riguardante la ‘Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali’ La informiamo che questa mail circolare - inviata in CCN - non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale ed è stato inviato a scopo informativo a una mailing list i cui indirizzi sono stati reperiti navigando in rete, da e-mail o altre fonti che li hanno resi pubblici. Garantiamo che tali dati vengono solo da noi utilizzati con la massima riservatezza esclusivamente per l’invio gratuito di informazioni riguardanti Mostre ed Eventi Culturali. Questo messaggio non può essere considerato SPAM poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica.
Se ciò La disturba o questo invio è stato ricevuto doppio, ne chiediamo scusa. È sua facoltà richiedere la rettifica e la cancellazione degli stessi dati. Si prega di comunicarlo a presspg@libero.it con una lettera con RIMUOVI oppure DOPPIO e il proprio indirizzo e-mail nella casella "Soggetto" (Subject).
Se utilizzate più account, specificate l'indirizzo esatto da rimuovere.
To remove your name from future email communications, reply to this email with the subject: REMOVE.
In mancanza di una Sua esplicita comunicazione in merito riteniamo che Lei gradisca ricevere le nostre informazioni e ci sentiamo autorizzati a continuare gli invii. Grazie.




____________________________________________________________
Navighi a 4 MEGA e i primi 3 mesi sono GRATIS.
Scegli Libero Adsl Flat senza limiti su http://www.libero.it




____________________________________________________________
6X velocizzare la tua navigazione a 56k? 6X Web Accelerator di Libero!
Scaricalo su INTERNET GRATIS 6X http://www.libero.it
____________________________________________________________ 6X velocizzare la tua navigazione a 56k? 6X Web Accelerator di Libero! Scaricalo su INTERNET GRATIS 6X http://www.libero.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl