Francesco Melone "A casa tutto bene" MuGa+Merzbau - Roma via Giulia 108 - 30 ottobre-10 dicembre 2010

Allegati

15/ott/2010 18.05.00 Merzbau Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

comunicato stampa e invito

 

 

se non visualizzi correttamente seleziona "inoltra" o clicca qui


download english version

    

 

          

 

 

 

 

 


Cura e testo critico di Loris Schermi e Paola Donato

30 ottobre - 10 dicembre 2010 
MuGa + Merzbau via Giulia 108 - ROMA 
Opening sabato 30 ottobre 2010 dalle 19.00

Venerdì 30 ottobre alle ore 19.00 presso lo Spazio MuGa + Merzbau, in via Giulia 108, inaugura la mostra di Francesco Melone “A casa tutto bene” a cura di Paola Donato e Loris Schermi.

Una selezione ragionata del lavoro di Francesco Melone comprendente la produzione più recente e diversi lavori inediti. La mostra seguendo il filo ironico che caratterizza tutta la ricerca dell’artista, è concepita come un viaggio nella memoria personale dove inevitabilmente si ritrovano elementi collettivi. 

L’artista ricerca le immagini simbolo della comunicazione popolare soprattutto degli anni Sessanta e Settanta. Scampoli di un passato non troppo lontano che è forse la chiave per capire il contemporaneo.  Sia nella forma essenziale del fumetto che nel ritratto particolareggiato, Melone è un formidabile disegnatore, coerente e riconoscibile. 


Così procedendo lungo un percorso logico, attraverso differenti tecniche, egli restituisce un’immagine romantica e al tempo stesso assolutamente ironica, fino a volte ai limiti dell’ilarità, della società italiana. 

Se nelle opere degli anni Novanta strutturava un iter conoscitivo tutto svolto partendo dal proprio vissuto, soffermandosi sul concetto di “privato” inteso nella sua doppia valenza di “riservato” e di “espropriato”, dalla serie “Guardando si impara”, l’artista compie un salto verso l’esterno.   Così l’intera riflessione, seguita fino a questo momento, si cristallizza nelle immagini patinate e rarefatte dei fanciulli a volte inquietanti, a volte languidi, tratti dai "Quindici". 

 
Il limite tra scultura e pittura, tra oggetto e quadro ricorre con insistenza nella produzione dell’artista. Dai primissimi “Grafismi solidi” nei quali elementi di gomma andavano a costituire e a sostituire parte del disegno, alle famigliole di stoffa e gommapiuma che ironizzavano sull’idea di pesantezza dell’impegno economico e sociale rappresentato dal mantenimento di una famiglia, fino agli ancora più espliciti “Trofei”: cavalli, pecore o maiali affacciati in bella mostra sulle pareti domestiche. Negli “Affioramenti”, serie più recente, Melone torna tecnicamente alla tridimensionalizzazione. Le figure, come emerse dalla memoria, appaiono impresse su elementi sporgenti rivestiti da pagine di vecchi fotoromanzi e incatenati tra loro dalla necessità di ricostruire la figura intera. Impossibile non essere attratti da questi bambini venuti dal passato, impossibile non notare come Melone sia sempre attento agli aspetti del sentimento inteso come legame affettivo e in parte come rimpianto dell’infanzia. Nelle ultime opere l’idea della liquidità, come stato di perdita del ricordo, sciogliersi della memoria e caduta nello stato di corruzione della vita adulta, si concretizza nell’apparizione di spazi bianchi e in parte liquefatti che dissolvono l’oggetto di riferimento trasformandolo in ambiguo simbolo sessuale.

Nodi centrali di tutta la produzione sono l’infanzia, il passaggio alla vita adulta, la famiglia, o meglio l’idea che la società ha di essa. Ora come nel passato la comunicazione, in particolar modo quella pubblicitaria, ne ha privilegiato un’immagine rassicurante. Da quella degli anni Sessanta al “modello Mulino Bianco” dei nostri giorni, poco è cambiato: il papà con la giacca e la cravatta, pronto ad andare a lavorare non senza dare un’occhiata alle ultime notizie del giornale, la mamma felice che prepara da mangiare e i bambini che corrono contenti a fare colazione. 

Ma cosa nascondono le apparenze? Cosa succede nell’intimità del focolare domestico? Non è certamente un caso che sia proprio la famiglia il luogo nel quale si consumano la maggior parte di crimini violenti. Una collettività chiusa nella quale i membri vivono una condizione di privilegio. Come una piccola mafia, la famiglia protegge e agevola i suoi membri a discapito di chi non ne fa parte e al tempo stesso punisce e nasconde. La sua non è certamente una condanna, è piuttosto una riflessione sulla complessità del sistema, ricco di sfumature e differenze, ma anche estremamente fragile.

Francesco Melone nasce a Ladispoli nel 1962. Lavora dal 1990 sul tema del rapporto tra individuo e società, usando la sua famiglia come strumento rappresentativo per evidenziarne contrasti e contraddizioni. Invitato ad importanti collettive nazionali tra cui: Da vicino…da lontano: cinque anni di Window Art Mondelliani, a cura di Sara Wasserman, Temple University Rome, 2009; Dimora collettiva, Galleria il Sole arte contemporanea, Roma, 2008; Mini Design Award 2008, a cura di Gianluca Marziani, Spazio ex Gil, Roma; Ternait 01 Live art performance, Premio Terna 01, a cura di Gianluca Marziani, Mini Lounge, Auditorium Parco delle Musica di Roma, 2008; Vernice Caffè, Galleria il Sole arte contemporanea, Roma, 2008, La fattoria degli animali, Galleria Mascherino, Roma, 2004; Baby collezionismo, a cura di Alessandra Maria Sette e Delphine Pratesi, Art Gallery Banchi Nuovi, Roma, 2001. Materiamorfosi, a cura di Barbara Martusciello, MACRO, Roma, 2000; Artisti alla Garbatella, a cura di Ludovico Pratesi, Garbatella, Roma, 1998; Nessunescluso, Campo delle Fragole, Bologna; Festa per l’arte, a cura di Ludovico Pratesi e Alessandra Borghese, MACRO, Roma, 1998; Nel presente laterale, a cura di Barbara Martusciello, Ass. Cult. Futuro, Roma, 1998; Kiklos, a cura di Anna Cochetti, Chiesa di S. Carlo, Spoleto; Palazzo Fazio, Capua; Milan Art Center, Milano, 1997; + Mela - Male, Galleria Romberg, Riparte ’96, Roma; Al naturale, a cura di Lorella Scacco, Villa Mozzanti, Roma. Faxart, a cura di Ludovico Pratesi, Palazzo delle Esposizioni, Roma, 1995; Premio Immaginaria ’92, Gruppo Rinascente, Palazzo Durini, Milano, 1992; Arte X 1000, Sala 1, Roma 1991.
La sua ultima personale Guardando si impara, a cura di Barbara Martusciello, ispirata al mondo dell’infanzia vista attraverso le immagini enciclopediche degli anni 70, si è svolta nel 2006 presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. Vive e lavora tra Roma e Marina di Cerveteri.



Contatti: MuGa + Merzbau, via Giulia n. 108 Tel. +39 06.45540484 cell +39 347.7074779
Embrio.net www.embrio.net e Il Portale dell’Arte Contemporanea a Roma www.merzbau.it 
per ulteriori informazioni e per foto ad alta risoluzione: muga@merzbau.it 

Scarica il comunicato stampa

 

MuGa+Merzbau via Giulia 108/109 ROMA  - tel. +39 06 45540484 mobile 347.7074779 email: muga@merzbau.it

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ai sensi dell'art. 13 del codice sulla privacy (D.Lgs 196 del 30 giugno 2003), le e-mail informative e le newsletter possono essere inviate solo con il consenso del destinatario. La informiamo che il suo indirizzo si trova nella mailing list di www.merzbau.it. I suoi dati verranno trattati con estrema riservatezza e non verranno divulgati.
In ogni momento sarà possibile chiedere di essere rimossi dall'elenco dei destinatari inviando una e-mail con scritto "CANCELLAMI" in oggetto, all'indirizzo info@merzbau.it o pressoffice@merzbau.it. Una non risposta, invece, varrà come consenso alla spedizione dei nostri messaggi.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl