Intervista a Roberto Guerra

25/ott/2010 01.15.06 Maurizio Ganzaroli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
INTERVISTA A ROBERTO GUERRA

D. perché un libro su Moana? (edizioni Diversa Sintonia, 2010)

R- Moana era molto futurist! Nella vita e nelle performance hard ha
rilanciato il femminile rivoluzionario e non ideologico a suo tempo promosso da
Valentine de Saint Point (amica di Marinetti). Dopo la fine della politica e
del progressismo comunista, Moana era ed è... come ben memorizzato in questi
anni dall'associazione Moana Pozzi di Mauro Biuzzi ed altri, simbolo di libertà
e scandalo necessari oltre il linguaggio politichese e socioloico estinto.



D. che senso ha per te il futurismo nel nostro tempo?


Ieri come oggi il futurismo è esettica scientifica, scienza del nuvo
imaginario, moderno e postumano. Ai critici d'arte non dobbbiam spiegare più
nulla, in quanto ci occupiamo di campi diversi. Noi siamo scienziati, non
banali artisti, come ad esempio Saccoccio e i netfuturisti del web e fuori dal
web dimostrano.


D. ormai tra libri cartacei e e-book, hai collezionato diversi lavori, ne vuoi
ricordare qualcuno?
Il primissimo, Fiori della Scienza; per il manifesto micrchip (anni 80!), per
la videopoesia tratta dal volume e proiettata a U-tape, ai tempi del celebre
Centro Video Arte del grande Farina. In fondo avevo già scritto tutto lì: dopo
è un super remix al cubo non stop per comunicare i miei più felici eseprimenti
letterari ed elettronici, quando ...appena era nato il Commodore 64!


D. parteciperai a Transvision 2010, in che veste?
come scrittore ..informato sui fatti.... parlerò del futurismo. Un onore
accanto ai più grandi filosofi informatici del nostro tempo. Grazie alla
recente sinergia futurismo e transumanesimo dei vari Campa, Prisco, Vaj, Pillia
ed altri (quelli italiani..in quanto il movimento è appunto internazionale; ci
saranno anche Aubrey de Grey e Natasha Vita More, gente abituata alla CNN... e
Graziano Cecchini...Antonio Saccoccio.


D. si tratta di tre giorni che riguardano il futuro in ogni sua visione, da
quella artistica a quella scientifica, tu che cosa presenterai?
parlerò del futurismo della sua continuità fino ad oggi. Tra Futurismo Oggi
(Benedetto....Grisi....Pinottiini----Antonio Fiore...Luigi Tallarico), Azione
Futurista (Rossotrevi), netfuturismo, anche di Sgarbi e Salemi come esempio di
futurismo sociale.
sarò supportato dai clip di Forlani e Landini (Bunker. live ste paradossale
poetico del sottoscritto) e da maurizio ganzaroli (cioè Te), il promo official
proprio su Moana.



D. quali sono le tue prossime attività che hai in mente?
A febbraio il mio libro programmatico sul futurismo post1944 e del duemila.
Già edito in gran parte in articoli della blogosfera.


D. quali sono le tue collaborazioni eccellenti?
Un puro scanner: Rossotrevi, Riccardo Campa, Giulio Prisco, Enzo Benedetto,
Antonio Saccoccio, Paolo Ruffilli..... tra i concittadini Te... Roversi, i miei
amici videomakers, Marialivia Brunelli, D.J. Afghan, Giorgio Felloni, Vitaliano
Teti che-dopo anni di oblio è riuscito a rilanciare Ferrara come capitale
video, in condizioni atttuali ferraresi molto difficili...

Maurizio Ganzaroli


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl