THE INTRODUCTION. Reading e Vernissage

Edito da Aereostella, "Destinazione isola di Wight" (2010) è la terza pubblicazione di Antonio Oleari, autore emergente già presente con "Un viaggio lungo un sogno senza orario senza bandiera" (2008) e "Demetrio Stratos - gioia e rivoluzione di una voce" (2009) Al reading seguirà un breve dibattito alla presenza di Gabriella Belloni, scrittrice e fotografa e di critici di settore.

25/ott/2010 15.28.29 ArteOltre per Caffè Letterario Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Sai cos’è l’isola di Wight?” cantavano i Dik Dik negli anni 70, questa volta a spiegarcelo è Antonio Oleari. Perché per capire quei formidabili anni e sentire il profumo di quei luoghi c’è bisogno di viverli. Lo scrittore Oleari però ha voluto illustrare questo quadro puntando la lente sulla cornice, una cornice che in quegli anni è stata la vera protagonista: la musica. Lo scrittore, infatti, in occasione dell’apertura della nuova stagione espositiva del “Caffè Letterario Roma” insieme all’associazione Arteoltre darà vita al reading del suo nuovo romanzo: Destinazione isola di Wight”, edito da Aereostella. L’incontro è fissato per il 5 novembre 2010 a partire dalle 17.00

L’opera di Oleari è un racconto che ricostruisce quelli che erano gli stili di vita del periodo “Peace & Love”. Oleari cattura tutto: beat, progressive, psichedelia, cantautorato, tanto rock.

Nel 1970 il giovane Alex ha diciotto anni. Figlio di una groupie scappata di casa, intraprende un viaggio alla scoperta della musica che porta il nome dei più grandi esponenti del rock: Jimi Hendrix, The Who, The Doors, Jethro Tull, Miles Davis, Chicago, Joni Mitchell, Ten Years After, Leonard Cohen, Joan Baez. È il Festival di Wight che cambierà per sempre la sua vita.

Edito da Aereostella, “Destinazione isola di Wight” (2010) è la terza pubblicazione di Antonio Oleari, autore emergente già presente con “Un viaggio lungo un sogno senza orario senza bandiera” (2008) e “Demetrio Stratos – gioia e rivoluzione di una voce” (2009)

Al reading seguirà un breve dibattito alla presenza di Gabriella Belloni, scrittrice e fotografa e di critici di settore.

 

A seguito del dibattito sarà inaugurata la mostra fotografica The introduction di Lorenzo Palombini, a cura di Alessandra Fina e Claudia Pettinari.

La fotografia si trasforma e si plasma secondo l'estro artistico; una manipolazione dell'immagine che dà allo scatto fotografico un valore aggiunto, significati trasversali, che diventano specchio di una personalità complessa. Il tempo, la natura, lo spazio, il corpo, vissuti e visti da uno spirito estroso, fuori dagli schemi, e attraverso l'occhio ironico dell'obiettivo. Un artista che si prende gioco di se stesso, della propria figura e della propria personalità, arrivando a soluzioni enigmatiche e surrealiste, in cui è fondamentale il legame e il gioco che si crea tra l'immagine e le parole ad essa collegate.

 

Il vernissage d’apertura sarà accompagnato da un elegante aperitivo d’autore per deliziare gli ospiti in questo percorso inedito che introduce la stagione espositiva del Caffè Letterario.

 

 

PROGRAMMA

 

17.00

APERTURA DELLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DESTINAZIONE ISOLA DI WIGHT DI ANTONIO OLEARI – EDIZIONI AEREOSTELLA

17.30

DIBATTITO CON L’AUTORE DEL TESTO, GABRIELLA BELLONI SCRITTRICE E FOTOGRAFA E CRITICI DI SETTORE

18.00

INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA FOTOGRAFICA DI LORENZO PALOMBINI THE INTRODUCTION A CURA DI ALESSANDRA FINA E CLAUDIA PETTINARI

19.00

APERTIVO D’AUTORE

 

Informazioni

Arteoltre arte ed Eventi Ass. artistico culturale

www.arteoltre.it

info@arteoltre.it

ufficiostampa@arteoltre.it

 

Caffè Letterario Roma

www.caffeletterarioroma.it

 

Mostra Fotografica

The Introduction

Ingresso libero

 

Orari

Martedì 14 – 24

Mercoledì – giovedì – venerdì 10 – 24

Sabato – domenica 18 - 24

 

 

 

 

 

READING – DESTINAZIONE ISOLA DI WIGHT

 

 

Nel 1970 avevo diciotto anni, una madre groupie scappata di casa, la passione per i Beatles e un amico più grande di me. Non avevo questa grande simpatia per Jimi Hendrix, gli scaffali pieni di dischi, una ragazza e nemmeno una macchina fotografica (non più). Suonavo il flauto nella banda di quartiere e facevo di tutto per sentirmi un perfetto ragazzo normale, fresco di diploma. Almeno fino a quando Orfeo non si presentò a casa mia con una Citroen due cavalli arancione e una cartina stradale dell’Europa. Destinazione: una piccola isola a forma di diamante incastonata nella costa sud dell’Inghilterra. Ci saremmo arrivati giusto in tempo, dopo aver rincorso bagliori di libertà da sud a nord, in posti peace e tra gente love.

26-30 agosto 1970, Festival dell’isola di Wight: c’ero anch’io, insieme a oltre 600 mila ragazzi, catapultato in un mondo che non conoscevo e che mai avrei pensato di amare alla follia. Cinque giorni di musica con i più grandi nomi del rock: Who, Doors, Jethro Tull, Miles Davis, Chicago, Joni Mitchell, Ten Years After, Leonard Cohen, Joan Baez e moltissimi altri. Suonò anche Jimi Hendrix, quello me lo ricordo fin troppo bene. Così come ricordo bene il mio viso riflesso in occhi speciali, quelli di chi scopre che per cambiare gli altri bisogna lasciar andare noi stessi.

 

www.aereostella.it

 

L’autore

Antonio Oleari ha 25 anni, è laureato in lettere moderne e frequenta tuttora un corso di laurea specialistica in filologia moderna.

Speaker radiofonico da diversi anni, scrive per il mensile Jam e fa parte della redazione di ContrAppunti, il quaderno trimestrale del Centro Studi per il Progressive Italiano con sede a Genova. Per la casa editrice Aereostella ha pubblicato Un viaggio lungo 40 anni - senza orario senza bandiera (2008), Demetrio Stratos, gioia e rivoluzione di una voce (2009) e il romanzo Destinazione Isola di Wight (2010).

 

http://scriveresenzaorario.blogspot.com

 

 

 

 

THE INTRODUCTION – LORENZO PALOMBINI

 

 

 

L’autore

 

Lorenzo Palombini nasce a Roma nel 1983. Da autodidatta scopre la sua passione per la fotografia attraverso canali di pubblicazione di fotografia on-line. Nelle foto di Palombini tematiche come l’identità sessuale, la vita, la morte, la fede, sono trattati con una determinante nota di ironia e in una chiave del tutto surrealista. A partire da Dicembre 2007 diventa il fotografo del Roma Rainbow Choir fino al Dicembre 2008. Pubblica sul mensile Aut di maggio 2008 una foto. Nello stesso periodo collabora con il sito internet Club Tagadà per il quale realizzerà alcuni servizi fotografici. Nel Dicembre 2008 espone alla Halles Siant Gery di Bruxelles, al Fuoricentro di Livorno e alla sala “Grotta dei fiori” di Genzano di Roma. Nel Febbraio 2009 espone all'Auditorium ex macello di Aversa. Nel Marzo 2009 pubblica una foto sul mensile Pride. Pubblica foto anche per la guida turistica Schmap e per il London College Of Fashion. Collabora con il blog SettePerUno per il quale realizzerà 4 foto inedite. Nel Luglio 2009 espone al Forte Prenestino e al parco Pasolini di Roma. Nell’Agosto 2009 espone presso l’associazione A.R.E.A. 3536 di Sant’Angelo le Fratte per il concorso internazionale “XYZ”. Nel Settembre 2009 si classifica 2° al 2° concorso internazionale “Il Labirinto” indetto dall’associazione Onlus Mecenate.

Nell’Ottobre 2009 espone al Circolo degli Artisti di Roma per la “Wi – Fi Art”.

Nel Novembre 2009 espone ai Magazzini Popolari Casalbertone e vince il concorso Rom’Art Independent Festival.

 

 

MEDIA PARTNER: EcoRadio

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl