A Perugia in mostra "Caducità" di Massimo Diosono

09/nov/2010 09.46.37 Eventi e Viaggi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Inaugurata giovedì 21 ottobre, presso il Ristorante Culturale L’Officina di Borgo XX Giugno, la mostra Caducità diMassimo Diosono. Caducità, in mostra fino al 15 dicembre 2010, inaugura la nuova stagione del progetto Osmosi dei Sensidedicata alle arti figurative.

La mostra è curata da Francesca Duranti nell’ambito del progetto Osmosi dei Sensi di Kosmas Tsoukas. Formatosi all’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci di Perugia, Diosono da tempo si è affermato nel panorama artistico della nostra regione rendendosi protagonista di numerose esposizioni anche a livello nazionale ed internazionale.

Con l’esposizione Caducità, a cura di Francesca Duranti, Diosono dà lettura della sua opera attraverso l’esposizione di una decina di Mandala di cenere e Mandala pittorici, una sintesi delle sue variazioni sul tema della caducità o dell’impermanenza, oggettivate dalla cenere applicata su tela o dalle simbologie cosmiche del quadrato e del triangolo, rigorosamente pittoriche, delineate da attente variazioni cromatiche costantemente rappresentate su fondo nero. “La caducità dei Mandala tibetani – spiega Francesca Duranti - costruiti per poi essere distrutti, esaltano la rinascita perché la forza distruttrice è anche una forza che dà la vita e questo trova le fondamenta del significato delle opere di Diosono, dove la pienezza del momento della loro realizzazione genera la consapevolezza profonda dell’oggi, rifiutando l’angoscia dell’eterna ricerca delle “certezze” e della stabilità, proponendoci un’interessante metafora di vita, attraverso un’efficace concettualizzazione pittorico/formale di questa antichissima pratica buddhista. Diosono pone la problematica del rapporto tra spirito e materia dandole un significato profondo attraverso una sintesi che non soltanto appaga l’occhio, ma diventa anche occasione di riflessione, raccogliendo sentimenti comuni e traducendoli in forma. Le orme di questa sensibilità scavano in una dimensione che dà luogo ad un puro prodotto di meditazione e puro oggetto di contemplazione”.

Il progetto Osmosi dei Sensi, realizzato dall’associazione L’Officina, è patrocinato da: Regione Umbria, Provincia di Perugia e Comune di Perugia - Assessorato alla Cultura e alle Politiche Giovanili e sostenuto da Ballarani Agenzia di Servizi e Biondi Recuperi.

La mostra è visitabile negli orari di apertura del ristorante dal 21 Ottobre al 15 Dicembre 2010

info: 075.57.21.699

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl