STATE OF BLEMISH - MOSTRA alla PORTA degli ANGELI - Ferrara

15/dic/2010 09.00.59 STUDIO Archeo900 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La prima mostra dopo l’inaugurazione della....
Porta degli Angeli a Ferrara

LA PORTA RIPARTE 

STATE OF BLEMISH

Marianna di Palma

Matteo Farolfi

Eugenio Squarcia

 

A cura dell'Associazione Culturale STILEITALICO 

www.stileitalico.it  - www.portadegliangeli.org      

 

19 Dicembre 2010 - 09 Gennaio 2011

 

Inaugurazione con vernissage, Sabato 18 Dicembre 2010 ore 17,30

 

 

Porta degli Angeli,Rampari di Belfiore 1, Ferrara

 

Orari di apertura: dal venerdì alla domenica

ore 10.00/13.00 e dalle 16.00/19.00

Biglietto: Ingresso gratuito

Comune di Ferrara Circoscrizione 1

Progetto - Porta degli Angeli

Sponsor: Assicurazioni Generali.Tipografia Marfisa. Bonfiglioli Pubblicità


State Of Blemish

è un laboratorio sensoriale, dove le immagini e i suoni avvolgono lo spazio e il tempo che assume non solo una dimensione storica, ma tende a fermarsi nel mezzo tra la realtà e il sogno. Questo progetto è nato per interpretare un altro concetto di perfezione attraverso la manipolazione digitale e la costruzione di ambienti, oggetti e personaggi imperfetti che vivono all’interno del loro microclima sotterraneo. Attraverso la fotografia Matteo Farolfi interpreta l’inarrestabile segno del tempo che si imprime su una pellicola lasciata in immersione in un liquido per tutta la durata della mostra. Bicchieri e recipienti di plexiglass saranno la fabbrica dell’imperfetto “Blemish” che vi racconterà un mondo incontaminato dalla bellezza ricercata, schiava del consumismo contemporaneo. I personaggi che l’artista vuole raccontare non sono altro che la vera essenza della materia di cui siamo fatti portata in superficie;  rappresentano tutto ciò che si cela all’interno del nostro inconscio. L’alterazione delle immagini viene integrata da una composizione di suoni realizzata attraverso le manipolazioni analogiche e digitali di Eugenio Squarcia che fluttueranno per tutti gli ambienti espositivi. La percezione di "Blesmish" si esprime non solo con la fotografia e il suono ma comunica il suo messaggio anche con la scultura. Marianna Di Palma attraverso le sue creazioni con la carta e gli oggetti "decostruiti", genera un'anima primordiale che identifica i suoi personaggi all'interno di una quotidianità vissuta: teste di animali, busti di carta senza volto, gabbie e lampade di metallo, per l'artista rappresentano la sintesi di tutto ciò che non è abituale ai nostri occhi ma che può trovare spazio e adattarsi a qualsiasi tipo di ambiente reale senza distruggere nessun ecosistema naturale, anzi, ne produce di alternativi tramite la costruzione artigianale di oggetti unici e surreali; strategia volta a recuperare gli scarti che il tempo della società attuale tende a catalogare come "inutili". State Of Blemish è l'icona di quel mondo alternativo che comunica attraverso l'immagine, la materia e il suono.
Un mondo separato e distinto dal nostro, ma coesistente con esso dove tutto è possibile.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl