"Pubbli.città,?íialoghi þso-8859-1?Q?rivelati" mostra fotografica di Livia Di Stefano

23/ago/2005 02.40.43 ufficiostampa@liviadistefano.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
“Pubblicittà, dialoghi rivelati” propone una serie di 15 fotografie in
bianco e nero aventi per tema l’inserimento delle mega-affissioni
pubblicitarie nell’architettura del centro storico di Roma.
La mostra, la seconda della giovane fotografa Livia Di Stefano, è la prima
in assoluto che si proponga di indagare espressamente il tema, non in chiave
documentaristica o di denuncia, ma sviluppando una propria, autonoma ricerca
figurativa.
Il percorso si sviluppa per “scene”, costruite attraverso illusioni
prospettiche, basate su giochi di sovrapposizione tra monumenti e soggetti
pubblicitari.
La chiave interpretativa adottata è venata di ironia, quasi a voler
sdrammatizzare le polemiche sorte intorno al finanziamento dei cantieri di
restauro tramite la pubblicità.
Nelle fotografie il dialogo si sviluppa attraverso la coppia
attrazione-repulsione: le figure si corteggiano, si fanno i dispetti, si
ignorano, si boicottano, si confrontano maturando reciproci complessi di
inferiorità in un mondo in cui, tra convivenze forzate e qualche matrimonio
felice alla fine c’è posto per tutti.
Sullo sfondo la riflessione dell’Autrice si focalizza sul contrasto tra
vecchio e nuovo, innescato dall’arrivo travolgente dei fenomeni di
modernizzazione.
La “sprovincializzazione” della capitale ha un ritmo tale che il centro
storico, disabituato ma non necessariamente ostile al nuovo, d’improvviso si
trova a fare i conti con una pubblicità che si impone come primario veicolo
di percezione figurativa della modernità.
La figura femminile, protagonista per eccellenza delle mega-affissioni,
nell’immagine frivola proposta dalla pubblicità si ritrova a confronto con
la severità dei luoghi e dei diversi “personaggi” che li abitano. I soggetti
pubblicitari ritratti sono, infatti, per la totalità umani, scelti come
avanguardie diplomatiche incaricate di negoziare la propria temporanea
presenza nella scenografia urbana.

L’AUTRICE: Livia Di Stefano, nata a Roma il 21/01/1982, ha esordito
nell’ottobre 2003 con la personale “Visioni”, Galleria “Il Labirinto”, via
dei Fienaroli, Roma.

SEDE: Palazzo Medici Clarelli, Via Giulia n. 79

INAUGURAZIONE: mercoledì 14 settembre 2005, ore 18.30

PERIODO DI APERTURA: da mercoledì 14 a martedì 27 settembre 2005

ORARI: dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 20.00.
Sabato 17 settembre, in occasione della “Notte Bianca” dalle ore 21.00
all’alba.

CONTATTI: ufficiostampa@liviadistefano.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl