In_divenire "Personale di Marco Abbamondi"

I circa 15 quadri esposti _" tra cui l'opera e-mer-sea-on blue (omaggio a Yves Klein), che ha debuttato a Los Angeles lo scorso agosto _" riprendono il percorso di Ex-stasi ma lo portano all'estremo: lì il ritratto tridimensionale aveva lasciato il posto alla tridimensionalità del movimento qui è il movimento puro a prendere il sopravvento, continuo fluire del tempo, trasformazione.

16/feb/2011 09.48.06 Marco Abbamondi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 
IN_DIVENIRE
La realtà in perenne movimento e trasformazione, la realtà come continuo passaggio dall’essere al non essere. Divenire, In_Divenire, come paura del “ritorno al nulla” dell’esistenza ma anche come desiderio di un senso plurimo e molteplice dell’esistenza.
È questo il tema affrontato nella mostra che sarà ospitata dal 4 al 20 marzo ( vernisage venerdì 4 marzo ore 18.30) presso l’open space “Colonna Gallery”, in Passeggiata Colonna 16. Dopo aver esplorato la dimensione dell’estasi intesa nel senso etimologico di “ex-stasi”, “fuori dall’immobilità”, unico luogo dove la vita trova la sua ragione di essere, l’artista Marco Abbamondi ha deciso di sviscerare il tema della “trasformazione”, del “cammino” verso una meta che all’inizio del viaggio è ancora ignota. I circa 15 quadri esposti �“ tra cui l’opera e-mer-sea-on blue (omaggio a Yves Klein), che ha debuttato a Los Angeles lo scorso agosto �“ riprendono il percorso di Ex-stasi ma lo portano all’estremo: lì il ritratto tridimensionale aveva lasciato il posto alla tridimensionalità del movimento qui è il movimento puro a prendere il sopravvento, continuo fluire del tempo, trasformazione. E quindi fragilità dell’esistente.
E al concetto di fragilità, è dedicata anche l’opera fulcro della mostra: Eggalitè? . L’installazione, composta da 88 uova che una accanto all’altra su un pannello di 80x80cm. riproducono la forma dello stivale, è un omaggio all’unità d’Italia di cui il 17 marzo si celebreranno i 150 anni.
Sin dall’antichità simbolo dell’unità primordiale dell’essere, totalità perfetta che precede la nascita dell’universo visibile, l’uovo è al contempo fenomeno di fragilità. Proprio per questo è stato scelto da Abbamondi per rappresentare l’Italia di oggi.
Eggalitè? è un fragile ‘tappeto’ di uova su cui incedono incerte unità, democrazia, uguaglianza in Italia. Concetti, in alcune occasioni, ridotti a mera parvenza del loro significato più profondo, gusci vuoti, svuotati.
_____
Marco Abbamondi è nato a Napoli il 7 giugno 1974.
Ha cominciato la sua attività artistica nel 1999 con lavori su legno che interpretavano con tratti iperrealisti monumenti di Napoli �“ assecondando le sue scelte, ispirative e tematiche, puntate su quella città, sulla sua storia e le sue tradizioni culturali.

Successivamente �“ passando anche attraverso una visitazione postmoderna dell’arte presepiale �“ ha condotto esperienze sulla plastica ed il sughero da lì è partita una ricerca su tecniche e materie (ferro, piombo, stucco, cemento, terracotta, vetro) sempre nuove.
In tempi più recenti, ha allargato i propri orizzonti, e opera su progetti scenografici spaziando dalla tradizione all’arte contemporanea con soluzioni espressive a più codici.
Da qui la proposta di modulazioni stilistiche applicate su oggetti e creazioni di spazi con l’utilizzo di segni linguistici innervati su vari materiali, tracce sonore e effetti luministici.
PERSONALI
2009, New York - USA (Westchester Italian Cultural Center)
2009, Napoli, (Sabina Albano modartgallery) “Ex_stasi”
2008, Pozzuoli (Na), (Reginauto Spazio Lancia) “Ex_tend”
2008, Napoli, (Camera di Commercio di Napoli " Sala delle contrattazioni)
2007, Napoli, (Museo dell’Opera di san Lorenzo Maggiore �“ sala capitolare)
2007, Napoli, (Sale Officine Abso), “Incontro zero”
2006, Ischia (Na), (Sale Museo Visconti) II Rassegna d’Arte Contemporanea
COLLETTIVE
2010, Los Angeles - USA (LA Artcore) “Latitude 34-40” (ART1307 )
2010, Pozzuoli (Na) - (Villa di Livia) “Bianchi in equilibrio” edited by S.A. Modartgallery
2009, Napoli ( Ass. Cult. ART1307), Proposte per una collezione
2008, New York �“ (USA), (Agora Gallery) “Reflective Reality”
2008, Napoli, (Maschio Angioino “Bellissima, Visconti e il contemporaneo”)
2008, Napoli, (Museo Diocesano Donnaregina)
2007, Piacenza, (Galleria. Braceschi), Selez. VII Biennale Int. Di Roma �“ Premio Giuria
2007, Ischia (Na), III Rassegna d’Arte Contemporanea “I colori del Rosso e del Blu”)
2007, Cracovia, (Polonia), (Istituto Italiano di Cultura)
2006, Firenze, (Palagio di parte Guelfa) “Centenario Visconti”
2006, Firenze, (Galleria del Palazzo �“ Enrico Coveri), “Centenario Luchino Visconti”
2006, Alexandria (Egypt), invitato per “AAW International Youth Salon
2006, Amburgo (Germany), (sale Museum für Völkerkunde) aus Neapel und kampanien”
2005, Napoli, (sale del Museo Aperto Napoli M.A.N.) “Maggio dei Monumenti”
2005, XII Biennale dei Giovani Artisti d’Europa e del Mediterraneo, (sale Castel Sant’Elmo), Napoli
2005, Roma, (sale Espositive del Centro San Carlo via del Corso)
2004, Budapest - Ungheria, (sale Museo dell’agricoltura) “Spring festival”
2004, Alessandria, (sale espositive di Villa Vidua)
 
INFO: www.marcoabbamondi.it
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl