Concorso Amarte:classifica finale

01/mar/2011 10.42.12 INTERMEDIA-GROUP Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il Premio Amarte è stata l’occasione per  scoprire talenti interessanti e di vedere quanta effervescenza c’è nel mondo dell’Arte Italiana.

Abbiamo apprezzato il coinvolgimento e la partecipazione di tantissimi artisti,di cui una parte ha poi deciso di partecipare l’altra,

pur seguendo con interesse,ha voluto fare da spettatore,in ogni caso aspettiamo tutti,ma proprio tutti,per il prossimo evento importantissimo.

Non ci rimane che ringraziare  di cuore il Dr. Pierluigi Moressa,che con tanta passione ha svolto il ruolo di giudice  e fare un plauso a

tutti gli Artisti Italiani,che ci confermano essere i MIGLIORI 

Le opere classficate sono visibili al link http://www.tv-arte.tv/index.php/eventi/intermedia/eventi-intermedia-2011/613-classifica-concorso-amarte          Monia Vici      

 

1° classificata: LIA BATTAGLIA - ‘1° Amore

Un’opera capace di immettere direttamente nelle suggestioni dell’incontro con l’altro e con l’emozione che si fa strada sotto la pelle.

Realizzazione intensamente materica e viva nella sua espressività, quella di Lia Battaglia introduce alla rara trasmutazione fra materia

e spirito e allo stesso tempo apre le emozioni di un amore che, dopo l’istante della folgorazione, riesce a comporre un’esperienza disposta

a illuminare l’intera vita.

 

2° classificato: NINO LACAGNINA - ‘Scultura’

L’artista pare attingere ispirazione dalla forma del Tiki polinesiano, manufatto scultoreo della divinità, provvista del Mana:

forza interiore che piega gli avversi elementi umani e la natura. Intensa figurazione dalla superficie armoniosa, l’opera di Lacagnina è preludio

e tramite dell’incontro con l’altro, dell’unione di anima e corpo.

                                                                  

3° classificato: SABATINO CERSOSIMO - ‘Letto’

Vicino alla lezione figurale e cromatica sospesa fra le sequenze dell’ultimo Ottocento e del primo Novecento, l’artista apre con eleganza formale

la scena su un’immagine sospesa e meditativa, ma capace di evocare atmosfere amorose intense e dense di fascino.

                                                                        

4° classificato: RICCARDO SANNA - ‘Il fruscio dell’amore’

Colpisce, nella figurazione di Sanna, la sottolineatura dell’armonia e del movimento: preziosi tratti che inducono l’artista a presentarci l’amore

come unità nella distinzione. Segno sicuro e capacità intuitive fanno di quest’opera un’emblematica e semplice presentazione del sentimento come

passaggio puro dell’esistenza, equilibrio insperato e insieme realizzabile.  

 

Menzione speciale della critica: GABRIELE CATOZZI - ‘Non più tra le mie braccia...’                                                                   

L’artista impagina una sequenza classica (vicina all’arte di Paolo Veronese), in cui profonde i toni crepuscolari della sua ispirazione e

la ricerca di uno stile informale che sa arricchirsi attraverso esperienze diverse. L’amore, in questa rappresentazione, diviene nostalgia e

ricordo prezioso, luce di un’esistenza che conserva le memorie e sa aprirsi alla speranza. 

 

Menzione speciale della critica: TEOREMA FORNASARI  Nascita Aliena                                             

Care all’artista sono le rappresentazioni di una vita sospesa fra i primordi del concepimento e l’adesione alla realtà concreta.

In quest’opera, Teorema apre il suo sguardo verso la questione dell’esistere, verso l’alienità della condizione umana. Atto d’amore è

concepire la vita (qui raffigurata nella sospensione estetica tra forme seminali e ultraterrene), è sostenere il suo successivo sviluppo,

la cui accoglienza è un atto d’amore destinato a propagarsi nel tempo.                                                                   Pierluigi Moressa

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl