ORA ERA - Personale di Enzo Guaricci

Nel 1997 a Torre San Patrizio (AP) "Osservatorio Tre" alla terza Biennale d'Arte; a Marsigli (F) "Marseille Art Shop '97" alla Galleria Le cargo e a Cosenza "Aria, Fuoco, Terra, Acqua" alla Casa delle Culture Museo Civico Praia a mare.

14/apr/2011 10.50.49 Galleria Eleonora D'Andrea Contemporanea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Inaugurazione
alla presenza dell'Artista

MERCOLEDI 20 APRILE 2011
dalle ore 17.30 alle ore 21.00
MILANO
VIA SETTEMBRINI, 26 - PRIMO PIANO

POLVERE DI MARMO E RESINA



Ammazzare il tempo - Polvere di Marmo e resina 2011

 



La Galleria Eleonora D'Andrea Contemporanea di Via Settembrini 26 a Milano presenta da Mercoledì 20 Aprile 2011 la personale di Enzo Guaricci "Ora Era".

 

L'Artista propone una collezione complessa nella quale le opere non possono essere slegate dalla sottile ironia dei titoli che si fondono in un tutt'uno con le creazioni. Guaricci gioca con le parole come gioca con la polvere di marmo miscelata alle resine per modellare oggetti del quotidiano, trasportati in una dimensione "altra" per suggerire una differente angolazione da cui osservare soggetti a noi noti. Stravaolge significati, ne crea di nuovi, associazioni mentali al limite della casualità accostano soggetti e simboli culturali, apparentemente incongruenti, per sconvolgere il pensiero comune e spiazzare gli occhi del pubblico.

 

La sua grande abilità nel plasmare la materia arriva a sconfiggere e a trasformare le leggi della fisica, riuscendo a rendere incredibilmente leggero anche un materiale che solitamente viene accostato all'idea del peso. La pietra diventa duttile nelle sue mani, prende vita in oggetti delicati, incredibilmente leggeri, oppure si concretizza in soggetti pesanti, non solo in senso fisico, ma anche e soprattutto in una dimensione ideale.

 

Guaricci pietrifica l'attimo nel tempo, rendendolo eterno, trasportando il presente nel passato in un gioco temporale ed emozionale senza fine. La velata ironia che accompagna titoli e opere alleggerisce il peso del marmo rendendo immediato il messaggio dell'Artista.

 

Un atteggiamento critico, quello di Enzo Guaricci, che si serve dell'intelletto e della pietra per portare fuori dal tempo i suoi soggetti, restituendo loro l'identità persa nei luoghi comuni e nella fugacità degli sguardi odierni. Opere che non trovano pieno compimento nella semplice, seppur eccellente, abilità scultorea dell'Artista, ma raggiungono il loro vero fine con ciò che di personale il pubblico concede loro per completarle.



 

Nato e cresciuto ad Acquaviva delle Fonti (BA), luogo dove tutt'ora vive e lavora, Enzo Guaricci si è formato presso le Accademie di Belle Arti di Firenze e Roma, dove partecipa attivamente al gruppo della Nuova Figurazione Romana. Gli anni Settanta consacrano importanti traguardi come la partecipazione alla Quadriennale di Roma e la Biennale di Saragoza; l'allestimento di Personali alla Modern Art Gallery di Chicago e a Francoforte "Nuova Figurazione Romana" presso la Galleria Forum.

L'UNESCO, negli stessi anni, per commemorare le vittime del terremoto in Sicilia gli commissiona un monumento nella città di Gibellina. Negli anni Ottanta si apre all'architettura, al design e al teatro realizzando scenografie per il Teatro Petruzzelli di Bari.

Abbandonato definitivamente l'insegnamento, negli anni Novanta, Guaricci si dedica interamente alla scultura dando origine al progetto che oggi ci propone.


Sotto alcune fra le più importanti esposizioni:
 

1995 a Torino "Artissima'95" alla Galleria Rino Costa; a Ortona (Ch) "Gelo e Disgelo" a palazzo Farnese e a Bari "La Luna, la Croce, la Stella" alla Galleria Zelig

Nel 1996 a Ginevra (CH) "Collettiva" alla Galleria Fallet; a Bologna "Arte fiera" alla Galleria Rino Costa; a Torino "Artissima ‘96" alla Galleria Rino Costa; a Marsiglia (F) "Marseille Art Shop ‘97" alla Galleria Le Cargo e a Praia a mare (Cs) "Cartoline d'artista" alla casa delle Culture, Museo Civico, Ginevra (CH) con "Nomade des tempa"all'istituto Varady; Los Angeles con "Yong e Guaricci" alla Galleria C.S. Fine Art la Crescenta.

Nel 1997 a Torre San Patrizio (AP) "Osservatorio Tre" alla terza Biennale d'Arte; a Marsigli (F) "Marseille Art Shop ‘97" alla Galleria Le cargo e a Cosenza "Aria, Fuoco, Terra, Acqua" alla Casa delle Culture Museo Civico Praia a mare.

Nel 1998 a Bologna "Arte fiera ‘98" alla Galleria Rino Costa e a Milano "Chiodo Fisso" al Milan Art Center, ad "Abitare il Sogno" al Museo del Territorio di Alberobello (Ba);

Nel 1999 a Bari "Reliquiario" al Museo Nuova Era, a Bologna "Arte fiera" Galleria il traghetto Venezia; a Jesi (An) "2000, Tra memoria e presentimenti" al Palazzo Esposizioni; a Barletta (Ba) "In Otto" a Castello Svevo; a Saragoza (E) "Espacio Libertad) a Feria de Muestra; in Russia a Novosibirsk "Caos italiano" alla Novosibirsk Pioture Gallery; a Bari "La chiave del Duemila" al Museo Nuova Era; a Roma "Tra memoria e presentimento" al Chiostro della basilica di San Clemente e a Ostuni (Ba) "Pop Art e dintorni" al Palazzo della Corte, al Museo Civico di Praia a Mare (Cs)  con "Come eravamo domani".

Nel 2000 a Senago (Mi) "E Domani" a Villa Borromeo e a Milano " MiArt" Galleria Milan Art Center.

Nel 2001 a Caerano San Marco (Tv) "Innaturalmente" alla Fondazione Villa Benci; a Marbella (E) "Espacio Libertad" Mac21 al Palacio y Congressos e a baghdad (Iraq) "III International Festival of Plastic Art" al Museo Saddam.

Nel 2002 ad Adria (Ba) "Dalla pianta al banchetto" a Castel del Monte; a Olevano Romano (Roma) al Museo Aperto all'Aperto; a Copertino (Le) "Dalla pianta al banchetto" al Castello di Copertino e ad Acri (Cs) "Il naso e la bugia" alla Fondazione Padula.

Nel 2003 a Castel d'Arquato (Pc) "Isole Frattali" all'Antico Palazzo della Pretura; a Bari "Vergine d'Oliva" alla Pinacoteca Provinciale; a Santa Maria di Leuca (Le) "Aquisizioni" al Museo Vito Mele; ad Alberobello (Ba) "Documenta" al Museo del Territorio e a Bologna "Il giardino degli inganni" ai Giardini del Barracano, a Bari al Museo Nuova Era "Caro amico ti scrivo";

Nel 2004  Bologna "Arte fiera" alla Galleria Paolo Nanni; in Corea a Seul "1001 Reasons to love the heart" al Seul Art Center; a Londra "Mail Art allo Specchio" London Art Biennal 2004 e a Pavullo (Mo) "Dinamiche del Volto" alle Gallerie Civiche del Palazzo Ducale, a Bologna "Come eravamo domani" alla Galleria Paolo Nanni a cura di D. Del Moro; a Bondeno (Fe) "Come eravamo domani" alla Rocca Stellata a cura di D. Del Moro

Nel 2005 a Madrid (E) "L'inferno di Dante" all'Istituto Italiano di Cultura; a Castell'Arquato (Pc) "Chakra" all'Antico Palazzo della Pretura; a Utrecht (NL) "Art for Nature" presso 2000 Fondation; al Castello di San Pietro in Cerro (Pc) "Acquisizione" al MIM Museo in Motion; a Venezia "13x17 progetto per Padiglione Italia" a Chiesetta San Gallo; ad Ankara (TR) "I Biennale Internazionale d'Arte di Grameen" al Museo di Pittura e Scultura di Stato e a Monzon Huesca (E) "Libero" al Recinto Ferial de Monzon, a Genova "Arte Genova 2005" "Omaggio all' artista" a cura di Giorgio Segato.

Nel 2006 a Putignano (Ba) " Giardino d'inverno" alla Galleria Kunst Halle; a Prato "Salutarvi così" presso Eleonora D'Andrea Contemporanea; a Bietto "Il Corpo e la Santità" al Museo della Devozione e del Lavoro e a Giovinazzo "Sea life" presso Ex Vedetta della Mrina.

Nel 2007 a Milano "MiArt" presso la Galleria Eidos di Asti; a Asti "Insostenibili leggerezze" alla Galleria Eidos; a Saragozza (E) "Porelarte 2" a Feria de Saragozza; a Verona "Art Verona" alla Galleria Eidos; a Valenza Po "Serie: Artisti e Galleristi" alla Galleria Rino Costa e a Padova "Arte Padova: Premio all'artista" alla Galleria Eidos ad Asti "Il peso della cultura" a cura di Raffaella Caruso alla Galleria Eidos.

Nel 2008 a Bergamo "Bergamo Arte Fiera" alla Galleria Eidos di Asti; a Bergamo "Bergamo Arte Fiera" presso la Galleria Eleonora D'Andrea di Prato e a Bologna "Arte Fiera" alla Galleria Rino Costa, a Prato "CitAzioni" alla Galleria Eleonora D'Andrea a cura di Linda Giusti; ad Asti "Piazza Affari" presso la Cassa di Risparmio di Asti a cura di R. Caruso e a Finalmarina (Sv) "Fortezza Castelfranco: La leggerezza dell'essere" a cura di M. Valente.

Nel 2009 a Bergamo "Bergamo Arte Fiera: Spazio dedicato all'artista Enzo Guaricci" alla Galleria Eidos di Asti; a Milano "Miart" alla Galleria  Eidos di Asti; a Mirano (Ve) "Il suono dell'anima" a PaRDe, Laboratorio di Ricerca d'Arte Contemporanea; a Tagliolo (Al) "Tavolo in bandito" al Museo Ergomiroglio e a Verona "ArtVerona e Abitare il Tempo" alla Galleria Eidos, a Livorno "Sconcertazione" alla Galleria Giraldi a cura di Fabrizio Giraldi e a Praga "Segni del Novecento" all'Istituto Italiano di Cultura.

Nel 2010 a Bergamo "Arte Bergamo" presso la Galleria Eidos di Asti; a Milano "MiArt" alla Galleria Eidos di Asti e a Maccagno "Acquisizioni 2010" al Museo Maccagno, a Conversano (Ba) "La pensée du dehors" presso la Galleria Entropie a cura di Roberto  Lacarbonara.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl