Firenze e il Perugino: un rapporto che dura da secoli.

10/ott/2005 14.39.16 Nicoletta Curradi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Fino all'8 gennaio 2006 il Cenacolo di Fulgno, in via Faenza 40 a Firenze, ospita la mostra "Perugino a Firenze. Qualità e forma di uno stile" promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali con la cura scientifica di Rosanna Caterina Proto Pisani, oranizzata da Eventi Polistampa. Cinquantadue opere sono raccolte intorno al grande affresco del Cenacolo e provengono dalle maggiori collezioni pubbliche e private italiane ed estere. L'ampia sala dell'Ultima Cena, refettorio dell'ex-convento delle terziarie francescane di S.Onofrio, detto di Fuligno, è dominata dall'affresco dipinto da Pietro Vannucci, detto il Perugino. L'opera fu scoperta nel 1843 ed attribuita a Raffaello: perciò il Granduca Leopoldo II ricomperò gli ambienti che aveva già ceduto a privati. La mostra consente di studiare l'Ultima Cena all'interno del percorso stilistico dell'autore in relazione con altre sue opere e con quelle dei suoi collaboratori, come lo Spagna, Gerino da Pistoia ecc. Il Perugino fu impegnato in fiorenti botteghe a Firenze e Perugia e svolse un ruolo importante rispetto alla tradizione toscana della pittura ad affresco, rivelandosi erede fedele dei segreti degli artisti fiorentini. La mostra, che è divisa in 6 sezioni, è aperta tutti i giorni, eccetto il lunedì, con orario 10-18 ed ingresso libero.
Perugino a Firenze
Cenacolo di Fuligno. Via Faenza 40 Firenze
Fino all'8 gennaio 2006.
 
Nicoletta Curradi


Nicoletta Curradi
Yahoo! Messenger: chiamate gratuite in tutto il mondo
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl