L'Istituto Geografico Militare di Firenze compie 133 anni.

Giovanni Inghirami e la Gran Carta d'Italia del 1878, che ricopriva

25/ott/2005 15.40.16 de luca carmelo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Nell'ambito delle manifestazioni per il 133° anniversario dell'I.G.M., tra
le manifestazioni in programma, verrà emesso un annullo filatelico e si avrà
modo di visitare la bellissima biblioteca. Ubicata in un monumentale salone
del 1694 dell'antico convento della SS. Annunziata sin dal 1865, la prima
documentazione della Biblioteca era costituita da materiale cartografico e
librario proveniente da altri istituti dell'Italia preunitaria. Di questo
patrimonio fa parte la prima carta geometrica del Granducato di Toscana di
Giovanni Inghirami e la Gran Carta d'Italia del 1878, che ricopriva
cartograficamente per la prima volta, tutto il territorio della penisola.
In seguito nuove acquisizioni, lasciti e doni, l'insieme dei documenti
posseduti richiese una nuova sistemazione ed un radicale inventario, per i
quali si attese sino al 1938 per la riapertura al pubblico.
La collezione della Biblioteca è costituita da ben 120000 volumi a carattere
geografico e di interesse militare, una collezione di atlanti dal 1570 ai
giorni nostri, tra cui è degno di nota "L'Atlante d'Italia di Giovanni
Antonio Magini del 1620, una cartoteca, un'emoroteca e una collezione di
foto del XIX° e XX secolo.
Una nota menzione meritano le opere antiche, tra le quali citiamo una
edizione veneziana del 1488 delle "Rime e Trionfi " di Petrarca e la
celeberrima prima e quinta edizione del "Theatrum Orbis Terrarum" di Abramo
Ortelio.
La biblioteca è accessibile su prenotazione dal lunedì al venerdì dalle ore
8,30 alle 13.

Carmelo De
Luca


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl