moving arte . Guido Palmero Solo Show

Nel quale non solo ci spostiamo ma parliamo, telefoniamo, mangiamo, pensiamo, facciamo persino l'amore.

Persone Piemontese GUIDO PALMERO
Luoghi Treviso
Organizzazioni MERCOLEDì
Argomenti music

30/mag/2011 10.36.09 Raffaello SunCommunications Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il 60% degli italiani passa tra i 240 e i 360 minuti a settimana in auto. Il restante 40% molto di più.

“L'AUTOMOBILE, l'aggeggio infernale che ci accompagna e ci ospita. Nel quale non solo ci spostiamo ma parliamo, telefoniamo, mangiamo, pensiamo, facciamo persino l'amore. Macinando chilometri, fermi al semaforo, smoccolando in un ingorgo, sussultando nella coda. Rischiando la vita, anche”.

La celeberrima VESPA, il veicolo più celebrato nel tempo, protagonista di film e di canzoni, emblema di uno stile di vita, di libertà e di giovinezza. Chi sale su una Vespa si fa portatore di un mondo di valori ben definito e riconoscibile.

Questi, per  Guido Palmero, non sono solo e semplicemente due mezzi di trasporto. No.

Il cruscotto e il parabrezza diventano tela, supporto pittorico per la rappresentazione di frame quotidiani in cui i protagonisti sono persone comuni o famosi artisti,  o ancora illustri figure della storia o dell’attualità.

MERCOLEDì 1 GIUGNO

DALLE ORE 19:00

l’artista Piemontese GUIDO PALMERO

presenterà ai trevigiani la sua

Moving Art

Volti di donne e uomini ritratti nel chiuso dell'abitacolo di automobili, giovani felici e sorridenti con casco integrale e sciarpe al vento in sella a moto, attori famosi di celebri film, artisti, galleristi, amici, famigliari visti attraverso il vetro trasparente e leggermente curvo del parabrezza.

“Sono essenzialmente ri-tratti, immagini fisiche e mentali che nascono dal desiderio di fermare ciò che è mutevole, transitorio, contingente. Chi osserva per volontà dell'autore, si trova nella particolare condizione di poter guardare (con occhi prestati) come attraverso il mirino di una macchina fotografica.” Così descrive le opere la Dott.sa Anna Pironti, Responsabile Capo del Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea,

La macchina fotografica è l’occhio di Palmero, la stampa è la pennellata esperta dell’artista che si metterà a disposizione per nuovi volti, nuovi protagonisti di altrettante nuove storie ognuna speciale, quelle dei trevigiani che in posa dietro ad cruscotto o un parabrezza diventeranno parte dell’opera d’arte stessa.

NON DIMENTICATE IL CASCO!

 

SPAZIO BEVACQUA PANIGAI

Vicolo S. Pancrazio 3

31100 TREVISO

www.spaziobevacquapanigai.com             

DAL MERCOLEDI’ AL VENERDI’ DALLE 16:00 ALLE 19:00 E IL SABATO  DALLE 10:00 ALLE13:00 E DALLE 15:00 ALLE 19:00

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl