Decò

20/giu/2011 19.10.44 giada lomi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Decò


24 giugno - 24 luglio


a cura di 
Caterina Morelli

Inaugurazione 
venerdì 24 giugno ore 18.30


Un progetto di 
INA ASSITALIA PER I GIOVANI
realizzato in collaborazione con i professori 
Antonio Borzì e Roberto Costa 
della sezione di Pittura e Decorazione pittorica 
dell'Istituto D’Arte di Bologna 


Si ringraziano tutti gli studenti e 
 gli ex studenti che dagli anni ottanta sino ad oggi hanno frequentato 
 
l’Istituto d’Arte di Bologna e che sono stati coinvolti in questa mostra.





INA Assitalia – Agenzia Generale Bologna Centro 

Via de' Pignattari, 3 – Bologna
Telefono: 051 6405217
E-mail: relazionipubblico@inabologna.it
Orari: lunedì-giovedì, 9.00-13.00 14.30-17.30, venerdì, 9.00-13.00
------------------------------

Comunicato 
Quand’ero studente, ne ho fatti di esercizi! Sul cartoncino, il pennello scorreva deciso. Una piccola sagoma diveniva manufatto da far esplodere di colore, intarsiato dal poliedrico gioco di linee e forme acriliche. Et voilà: un ritaglio senza dimensione assumeva le fattezze di una t-shirt, perfettamente delineata nella sua geometricità, assorbendo come spugna le cromature della tavolozza.  Le forbici inseguivano forme di mezzaluna, pensiline dell’autobus da adornare e stoffe delle immancabili cravatte, regine della decorazione, che annodandosi ripetevano chiassosi mantra di colore. Persino un tubo da dentifricio diveniva tela sulla quale sversare colore.  Decó-rare! E oggi riprendere quelle sagome di ieri, rapite da archivi obliati, e farle tornare a vivere pronunciando tutt’assieme il discorso composto dalle piccole decorazioni, singole parole d’ornamento, una volta demandate al ruolo di dettaglio e oggi esse stesse forma compiuta. Ombrelli si spalancano in un angolo, carte di caramella tappezzano zuccherosamente le pareti, cofanetti CD propagano l’onda della gradazione pittorica: una cartella si schiude e gli oggetti roteando vorticosamente s’impossessano dello spazio. Esercizi di stile, segni della ripetizione, di poetica del tutto uguale e del tutto differente, riemersi da didattica memoria, esplodono adesso in un canto corale: la decorazione del reale.
Sara Dragani

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl