La Net Art per Vito Campanelli: l'”Estetica imperfetta del web”

La Net Art per Vito Campanelli: l'"Estetica imperfetta del web".

Persone Vito Campanelli, Mao Tse Tung
Luoghi Italia
Argomenti internet

30/giu/2011 15.16.54 lucia86 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
<!-- @page { margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } -->

L'estetica del web è diventata un'alternativa al mondo della comunicazione e della creatività istituzionali: Vito Campanelli affronta il tema dell'arte applicata a forme e rappresentazioni del web per comprendere l'impatto di questa a livello sociale.

 

Mao - Media & Arts Office” è l'Associazione culturale di cui Vito Campanelli è fondatore: è una Onlus riconosciuta a livello statale che si pone l'obiettivo di diffondere la cultura e l'arte digitale, anche in aree periferiche. A tale scopo organizza eventi, meeting e possiede una piccola casa editrice che lavora con il sistema “print on demand”.

 

Un campo di applicazione privilegiato per l'estetica del web è quello commerciale: negli ultimi vent'anni, infatti, gli uomini di marketing si sono dimostrati molto più veloci e capaci di percepire i mutamenti sociali, grazie anche alle dinamiche aggregative dei Social Network. In Italia si registra però un forte ritardo accademico rispetto alle nuove forme di comunicazione ed alle possibilità che queste offrono.

 

L'attuale rapporto con i media digitali crea una nuova forma di modalità percettiva, diversa da quelle tradizionali: nel web si passa continuamente da un tipo di percezione all'altra, ci si immerge in un flusso di dati che cambia continuamente. Campanelli parla di “esperienza estetica imperfetta”, conseguenza del continuo confrontarsi con materiali “compressi” (ad esempio film e musica scaricati da Internet).

 

Questi “materiali imperfetti”, vengono considerati più autentici rispetto ai prodotti della TV e del cinema, visti con maggiore distacco perchè realizzati a tavolino.

 

Con le piattaforme 2.0 si affermano infine nuove tendenze estetiche: il concetto di “bello” viene superato perchè richiede una profondità di giudizio che oggi è rapidissimo ed un'adesione immediata.

Ed è così che si passa dal “bello” al “cool”!

L'intervista sarà disponibile il prossimo lunedi su http://www.marketingwebtv.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl