Da Firenze a Bologna: La Tav in mostra.

Oltre 100 foto, filmati inediti, plastici e strumenti utilizzati per scavare i 73 chilometri di gallerie della linea Alta Velocità tra Firenze e Bologna: ecco cosa si potrà vedere al Museo Mediceo di Palazzo Medici Riccardi fino al 20 dicembre prossimo con orario 9-19 (chiuso mercoledì) ed ingresso gratuito.

25/nov/2005 06.41.45 Nicoletta Curradi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Oltre 100 foto, filmati inediti, plastici e strumenti utilizzati per scavare i 73 chilometri di gallerie della linea Alta Velocità tra Firenze e Bologna: ecco cosa si potrà vedere al Museo Mediceo di Palazzo Medici Riccardi fino al 20 dicembre prossimo con orario 9-19 (chiuso mercoledì) ed ingresso gratuito. L'iniziativa della TAV - Società di RFI (Rete Ferroviaria Italiana) per le linee veloci in collaborazione con la Provincia di Firenze ha come obiettivo offrire immagini di una grande opera pubblica e di chi ha contribuito a realizzarla, testimonianze ed informazioni sulle opere di ingegneria, qualità del lavoro, sicurezza e salute dei lavoratori, sostenibilità. I lavori della Tav sono iniziati a Vaglia nel 1996 e sono finiti nell'ottobre 2005. La linea sarà attiva dalla fine del 2008. Sono stati realizzati anche 120 km di nuova viabilità, 70 km tra reti acquedottistiche e fognarie, scuole e presidi sanitari per l'accresciuta domanda di servizi connessa all'arrivo dei lavoratori, che sono stati 3.200 nel momento di massimo impegno. Non si tratta solo di immagini dal fronte di scavo, volti di operai e macchine al lavoro sotto l'Appennino, ma anche sopra di esso, con le opere frutto della concertazione tra istituzioni e popolazioni interessate. E' riprodotta una fresa con cui è stata scavata la galleria di servizio di 9 km.
 
Nicoletta Curradi


Nicoletta Curradi
Yahoo! Mail: gratis 1GB per i messaggi, antispam, antivirus, POP3
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl