DIGITO ERGO SUM - Personale di Karim Ghidinelli

07/set/2011 17.58.23 La Contemporanea Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

DIGITO ERGO SUM

Personale di Karim Ghidinelli

 

 

 

 Inaugurazione: 22  settembre 2011 alle h.18,30

Location: LA CONTEMPORANEA – Studio|ArtGallery – ArteArchitetturaInteriorDesign

Via della Rocca,  36/b – 10123 Torino

www.lacontemporaneatorino.com

Periodo: dal 22 settembre fino al 3 dicembre  2011

Orari: feriali 15.30 19.30; domenica e festivi su appuntamento

Ingresso: gratuito

Organizzazione: La CONTEMPORANEA - Studio l Art Gallery Torino in collaborazione con la Galleria San Carlo di Milano

Info: +39.011.0746769 – +39.335.6233779

info@lacontemporaneatorino.com

 

 

 

 

 

 OGGETTO:

 

La Contemporanea Studio | Art Gallery, in collaborazione con la Galleria San Carlo di Milano, è lieta di presentare  l’artista  Karim Ghidinelli  con la personale dal titolo DIGITO ERGO SUM.

Una mostra di grande impatto ad aprire la stagione espositiva che ospita Artissima , l’importante fiera d’arte nella quale confluiscono gli  artisti più quotati della scena  contemporanea.

Karim Ghidinelli, il cui percorso personale e professionale è così complesso da guadagnare a pieno titolo l’attributo di artista internazionale, torna nel suo Paese natio inaugurando a Torino una preziosa selezione di opere  che segue la prima tappa espositiva curata da Martina Corgnati dal titolo “La babele delle identità”.

 

 

 

 

 

DIGITO ERGO SUM 

 

Personale di KARIM GHIDINELLI

 

 

 

La personale di Karim Ghidinelli raccoglie un insieme di 20 opere attraverso le quali l’artista affronta il tema dell’identità risolto attraverso l’utilizzo di uno speciale, in quanto unico, codice di riconoscimento personale: l’impronta digitale.

Da un punto di vista tecnico si tratta di opere di medio/grande formato , la cui base risulta essere una tavola di metallo su cui Ghidinelli realizza  dapprima  esuberanti interventi di colore  eseguiti con stili differenti (dalle grandi pennellate al caotico intreccio di colature, gocce e schizzi che riprendono i dettami  dell’arte l’informale, dagli attenti percorsi che segue la punta del pennello alla casualità con cui i colori rubano spazio al supporto creando zone di minore/maggiore concentrazione)

Smalti e resine animano lo splendore gelido dell’alluminio in un gioco espressivo che rivela e nasconde, sullo sfondo riflettente  campeggiano spumeggianti ed impetuose le varietà cromatiche più accese in un libero e ribelle sfoggio di creatività. Infine, su questa appariscente scenografia pittorica compare il registro della sua presenza, una grande impronta , incisa minuziosamente  attraverso un testo che riproduce le creste ed i solchi dell’epidermide.

 

L’Identità. Per un’artista come Karim Ghidinelli la cui vita ha obbligato talora per dovere altre volte per scelta ad adeguare sé stesso a contesti educativi, sociali e culturali differenti, con il pericolo che le modifiche attuate per necessità di adattamento disperdessero il nucleo originario di sé stesso, diventa un concetto così labile da richiedere una prova “fisica”, un gesto concreto di ammissione. Ed ecco comparire sulle lastre di metallo questo labirinto dominante, le cui spirali costruiscono un discorso che travalica i confini della genetica per entrare negli ambiti più astratti della cultura, della personalità, del carattere. E’ una deposizione di esistenza la sua :

Digito Ergo Sum, “Io Sono” e lo attesto  attraverso un marchio indelebilmente inciso.

Soggettivo ed oggettivo quindi si abbracciano in  quel particolare segno distintivo che diventa un riassunto complesso di umanità, tra le cui spirali che si rincorrono in modo persistente ed ipnotizzante, si  nasconde il segreto della nostra essenza. Decifrare questo “discorso” è quello che Karim Ghidinelli non ufficialmente ci chiede: trovare tra i colori sgargianti, tra le colate di pittura, tra le pennellate di ampio gesto, l’inizio e la conclusione di quel racconto con cui  egli definisce i confini di sé stesso.

 

 

 

 

 

 

A CURA DI: Cristiana PECILE (architetto, gallerista) - Marzia Altaira GRAZZINI (architetto, gallerista)

 

 

UFFICIO STAMPA: Nicoletta PECILE - tel. +39.011.0746769 +39.339.7496818 - n.pecile@lacontemporaneatorino.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl