RIDATECI LA TERRA a Trastevere

19/set/2011 11.51.33 The Best in Art Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa/invito  (con preghiera di pubblicazione)

 

 

RIDATECI LA TERRA

50 spaventapasseri scendono in piazza

 

 

 

Località:                       Roma

Spazio:                        Atelier degli Artisti

Indirizzo:                      Via dell’Arco di San Calisto 40

Periodo:                       30 settembre - 2 ottobre

Orario:                         h24

Titolo:                          Ridateci la terra, 50 spaventapasseri scendono in piazza

Artisti:                          Michela Baldi, Patrizia Befera, Tiziana Befera, Claudio Bozzaotra, Mara Brera, Enrica Capone, Kelli Costa (Spiritoliberok), Giovanna Crescenzi, Publia Cruciani, Anna Del Vecchio, Luigi Ferretti, Gianfranco Filacchione, Roberta Filippi, Roberta Fratini, Laura Gaddi, Anna Gorrieri, Velia Iannotta, Calogero Carbone (Kalòs), Monica Lasconi, Le Barbò (Cecilia Bossi e Patrizia Bartocci), Lughia, Maria Grazia Lunghi, Fabrizio Maffei, Alessia Marchegiani, Anna Massinissa, Cinzia Mastropaolo, Pierpaolo Mattioni, Gabriele Mazzara, Massimo Melchiorri, Susanna Micozzi, Enrico Miglio, Pancho Monty Ray Garrison, Fabrizio Moscè, Nabil, Massimo Palumbo, Emiliano Yuri Paolini, Rosella Passeri, Eliana Prosperi, Paolo Rinaldi, Giulia Ripandelli, Eugenio Sgaravatti, Franco Squadrelli, Angela Tonni Perucci, Maria Pia Zepponi

Curatori:                      Giuseppe Salerno

Organizzazione:            Atelier degli Artisti in collaborazione con InArte Fabriano e Italia Nostra

Patrocini:                     Comune di Roma Assessorato alle Politiche Culturali

Inaugurazione:              venerdì 30 settembre ore 18.30

 

 

Reduci dall’esposizione a Fabriano, una folta schiera di spaventapasseri, assurti a simbolo di un nuovo auspicato equilibrio tra città e ambiente naturale, scendono in piazza nel cuore di Roma  per reclamare la propria terra.

 

Quando l’uomo mai distoglieva i piedi da terra e gli occhi dal cielo, quando lo sguardo andava oltre l’orizzonte dove tutto si ricongiunge, quando lo scorrere lento delle ore, dei giorni, delle stagioni segnava il tempo, quando i mondi dell’anima erano in sintonia con i ritmi dell’universo, quando la coscienza dell’appartenenza e della dipendenza governava il quotidiano, loro erano lì, piccola cosa, a difendere il lavoro d’ogni giorno per la sopravvivenza.

Non certo per scongiurare i nubifragi, i terremoti e le catastrofi, ma per tenere lontani gli uccelli.

Quegli stessi uccelli che nell’ambiente naturale, non condizionato dalla presenza umana, propagano il seme dando vita a vegetazioni “spontanee” i cui frutti, a disposizione di tutti, sono la ricchezza della terra.

Ma l’uomo poi, sempre più chino a curare il “proprio” orticello, ha smesso, scacciati gli uccelli, di osservare le stelle, ha innalzato steccati ed ha preso, dimentico dall’antica coscienza e carico della presunzione di chi vuol sentirsi vicino al creatore, a edificare il suo mondo artificiale.

I crocevia dello scambio e dell’incontro sono divenuti rapidamente, nei secoli,  tessuti urbani, megalopoli che, sottraendo la terra ai nostri piedi hanno lasciato che gli orizzonti scomparissero dietro le costruzioni.

Lontane dagli ambienti naturali, le città hanno generato luoghi asettici e scandito ritmi incalzanti che, ignorando l’alternarsi del giorno e della notte, del caldo e del freddo, hanno compromesso il rapporto indissolubile tra l’uomo e il suo habitat determinando nel profondo di ogni anima un malessere esistenziale.

La cultura fondata sulla massima specializzazione, insieme alla tendenza esasperata a  frammentare, costringono  tutto in recinti sempre più piccoli e tra loro privi di comunicazione.

La città e la campagna, l’asfalto e la terra.

Da tempo gli uomini, prigionieri delle proprie case, non coltivano più la terra mentre l’industria, delegata dalla collettività a governare le grandi serre, non si preoccupa più degli  uccelli che, non più intimoriti dagli spaventapasseri, sono braccati  dai cacciatori.

E gli uccelli con i loro semi si inurbano.

E mentre tra l’asfalto nascono ciuffi verdi di speranza, gli spaventapasseri tornano a reclamare la propria terra.

 

                                                                                                                     Giuseppe Salerno

 

 

Contatti:

 

Atelier degli Artisti

tel: 39 06.96.844.351

fax: 39 06.96.844.351

info@atelierdegliartisti.it

www.atelierdegliartisti.it

 

Giuseppe Salerno

salernogiu@tiscali.it

3393496218

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl