comunicato stampa - mostra

contrasto che fa male, che strappa qualcosa e lascia una fitta, come il gusto

Allegati

30/dic/2005 13.05.38 Simone Lammardo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
SIMONE LAMMARDO
ETICANTROPIA
 
 
 
EVENTI LEGRENZI
 
Osteria Legrenzi, Corte Legrenzi, 32  Mestre -Venezia
dal 09 gennaio al 09 febbraio 2006
orario. 18 / 02
Chiuso lunedì
 
 
 
 
L’opera di Simone Lammardo somiglia a un ologramma: come un laser attraversa gli oggetti, impressiona una superficie e ricrea dimensioni nell’aria, così la sua pittura cattura un sentimento, ne ripulisce l’essenza dalle polveri terrestri e lo traspone altrove, nell’assenza di un non-luogo e un non-tempo.
L’assenza è privazione, artefatta prigione del nulla virtuale, gabbia magnetica di assi cartesiani che illudono lo spazio e intrappolano gli uomini come insetti al loro elettrico traguardo. La luce è d’alluminio, di ferro la spietata logica del sopravvivere.
L’essenza è umana passione, carne viva e vibrante, plastico titanismo di anima e corpo. La natura resiste ed esulta, riempie e trabocca, trionfa sugli argini del razionale con tutta la forza dell’incoerenza; a volte vince ed esplode oltre il guscio, altre sopporta stoicamente e si nutre di sé, altre ancora soffre e singhiozza: ma sempre combatte e feconda, celebrando se stessa e il suo canto di vita.
È un contrasto che fa male, che strappa qualcosa e lascia una fitta, come il gusto delicato e struggente di un manga giapponese: bellezza e impotenza, speranza e tristezza, dolcezza e violenza coesistono complementari in esaltazione reciproca e accendono coinvolgenti tensioni narrative.
Si vive per combattere la percezione stessa di un nemico impossibile, si combatte per vivere fino alle lacrime un amore segretamente sublime, si fuggono con terrore le oniriche anomalie di sistema, con dolore si nasce e si muore.
Questo impatto del contingente sullo schermo metafisico di una matrice disumana, questa impronta del fragile moto emotivo sull’irriducibile flusso del progresso è lettura disincantata delle contraddizioni del vivere contemporaneo.
Al di là dei giochi, tuttavia, il pensiero si riscalda intorno alla fede in un principio divino che purifica e addolcisce ogni antitetica collisione. È l’occhio pulito di un bimbo a far da sentinella, è il suo piccolo polpastrello incontaminante a cullare le sorti spirituali di un mondo che è geometrica entropia del movimento, codice binario di pieni e vuoti.
Il vuoto del nulla e il pieno dell’esistenza.
(Giulia Airoldi)
 
 
 
Simone Lammardo: nato a Genova, vive e opera in Liguria - www.lammardo.it - info@lammardo.it
 
 
 
info: EVENTI LEGRENZI: Coordinatrice Annamaria Toso - e-mail: anna.toso@tin.it  - www.artecampanelli.net
 
 
 
SIMONE LAMMARDO
ETICANTROPIA
 
EVENTI LEGRENZI
Osteria Legrenzi, Corte Legrenzi, 32  Mestre -Venezia
dal 09 gennaio al 09 febbraio 2006
orario. 18 / 02
Chiuso lunedì
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl