Comunicato stampa

14/nov/2011 09.57.40 Galleria Roma Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
galleriaRoma
artecontemporanea 
via Maestranza 110 Siracusa

Organizzazione e Direzione Artistica: Corrado Brancato
Addetto Stampa: Amedeo Nicotra
Ingresso Libero Info: 0931/66960 (orario apertura Galleria)
cell.338/3646560
corradobrancato@hotmail.com
www.galleriaroma.it
  Siracusa Luoghi subReali dell’Anima
  L’artista è la mano che, toccando questo o quel tasto, fa vibrare l’anima. ( W. Kandinsky ) Perché dobbiamo, o possiamo, considerare Mario Oddo un artista del nostro tempo che dipinge in modo subreale l’anima dei nostri luoghi, naturali e trasfigurati. Colui che dipinge, colui che compie atto di creatività, colui che si identifica nella sua personale iconografia, piena di coerenza e corrispondenza del suo mondo interiore, del proprio sentire, è il solo padrone di quell’estetica dello spirito. Volontà di raggiungere la soglia più alta oltre la fisicità. Entrare nella dimensione spirituale, metafisica, del sub-limen, del sublimis, del surreale contemporaneo. Luoghi, paesaggi, figure rivelate da pennellate rarefatte, rappresentazione che echeggia di alone di mistero; ineffabile immagine di cromie evocative, di memorie e di sogni indelebili. Località natie, nutrici di bellezza iblea, poesia della Sicilia selvaggia e vera, spontanea e sentita. Colori accesi, solari, figure non meglio distinte che compaiono come per incanto, eternizzate nella materia secolare; spiriti del luogo, titani del passato che, ancora, ci guardano e scrutano le nostre azioni. Tutto questo, con grande tecnè pittorica, Mario Oddo riesce a comunicare nei suoi lavori. Colori che manifestano una tavolozza territoriale valorizzata dalle determinata stesura del colore che, ora si mescola, ora si sovrappone, struttura di una materia pittorica che ci regala la forza dei frutti della terra e l’energia sempre diversa delle onde marine; quell’azzurro che ci trascina nella cerulea visione dell’immenso, che vuole superare quella linea che si chiama orizzonte, per condurci nell’oltre che non sempre trova risposta e significato razionale. Le note dei colori, i colori delle note, la musicalità della composizione cromatica.
Salvatore RAPISARDA
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl