Io sottraggo a Step09

IO SOTTRAGGO (La Triangolazione Cibo-Corpo-Peso) Performance Confessional di Giovanna Lacedra a "Step09 New Art Fair" 4 Luglio 2005 "Lasciarsi morire di fame.

Persone Giuseppe Fiori, Massimiliano Bisazza, Grace Zanotto, Giovanna Lacedra Per, Leonardo da Vinci
Luoghi Milano
Argomenti medicina, psicologia

23/nov/2011 10.59.41 Galleria Famiglia Margini Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


IO SOTTRAGGO (La Triangolazione Cibo-Corpo-Peso)
Performance Confessional  di Giovanna Lacedra a “Step09 New Art Fair”
  
 
  io sottraggo.jpg

  

 
4 Luglio 2005
“Lasciarsi morire di fame. Sottrarsi al mondo.
 Farlo con coscienza. Sceglierlo, ogni giorno, con vocazione.
Oggi: 475 Kilocalorie.”

 
Trasformare in arte la patologia.
Fare in modo che il corpo,  da anni ostaggio di rituali ossessivi, da anni contenitore di vuoti affettivi, di assenze e di mancanze, da anni vittima e carnefice di se stesso,
diventi racconto espressivo e creativo di una tra le più paradossali
malattie: il disturbo anoressico-bulimico.
Mangiare niente come mangiare tutto. Svuotarsi come ingombrarsi.
Mettere dentro il mondo intero, o il mondo intero rifiutare.
Sbranare pulsionalmente l’amore che non si ha.

O scegliere stoicamente la rinuncia.
Controllare il corpo per illudersi di controllare la vita intera.
Operare calcoli minuziosi, e istituire una vera e propria aritmetica del
desiderio.
Sottrarsi chili per sottrarsi ai desideri. Scarnificarsi e rischiare la vita, pur di rendersi visibili.
Fingersi inarrivabili, perché il contatto è già una ferita.
Non ho bisogno di niente. Non ho bisogno di cibo. Non ho bisogno di te


IO SOTTRAGGO. LA TRIANGOLAZIONE CIBO-CORPO-PESO,
proposta della Galleria Famiglia Margini di Milano, è un progetto ideato, scritto e agito da Giovanna Lacedra, curato da Grace Zanotto e Massimiliano Bisazza, con video-sonorizzazione a cura di Giuseppe Fiori.
Si tratta di una performance-confessional totalmente autobiografica, che nello spazio creativo-distruttivo-creativo-rigenerativo di 20 minuti, mette e rimette in scena l’ingranaggio perpetuante dei rituali ossessivi anoressico-bulimici.
IO SOTTRAGGO è atto performativo caustico, autentico, disperato, catartico, sensibilizzatore.
Un atto in cui è il corpo stesso a dire la verità.
Una verità figlia del gesto, una  verità figlia della parola, una  verità figlia del dolore, figlia di una creatività capace di sgorgare persino dall’ossessività di una patologia paradossale come quella anoressico-bulimica, dove non è l’appetito ad essere malato, ma una piaga dell’amore.
Una incrinatura nell’amore.
Una fenditura tellurica nell’amore, che ha spalancato una ferita di vuoto buio e ingoiante. La ferita di quell’amore mancato, abusato, violato. E sottratto.
La ferita del disamore. La corrosione del contatto. L’incapacità della relazione.
Perché nei disturbi del comportamento alimentare non è l’appetito ad essere disturbato, ma l’anima, l’emotività, il vuoto affettivo, la relazione. Un disturbo del comportamento alimentare è un disturbo del “comportamento” , non della “alimentazione”, è una compulsione a sottrarre, sia che si digiuni sia che si divori il mondo. Ma alla fine è sempre il vuoto a dover prevalere. Quel vuoto ingombrante che nessun pane sarà mai in grado di colmare. IO SOTTRAGGO è tutto questo, in una performance di soli 20 minuti, corredata dai diari che l’artista stessa scrisse nei mesi più annichilenti: quelli di un’anoressia ha scalpellato il suo corpo, quasi fino alla morte. 
 

IO SOTTRAGGO .La Triangolazione Cibo-Corpo-Peso
Performance by Giovanna Lacedra

Per Step09 New Art Fair

26 Novembre 2011 ore 12.00.

 
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo Da Vinci”
Sala delle Colonne - Piazza San Vittore, 21  - Milano.
Ingresso gratuito, previa registrazione sul sito www.step09.com
 
Info:
www. famigliamargini.com
famiglia margini@gmail.com





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl