Palazzo delle Papesse - INAUGURA 04/02/2006 ore 18:00 : Leonardo Drew "Existing everywhere" - Nari Ward "The Refinery X: a simple twist of fate"

Palazzo delle Papesse - INAUGURA 04/02/2006 ore 18:00: Leonardo Drew "Existing everywhere" - Nari Ward "The Refinery X: a simple twist of fate"

Allegati

20/gen/2006 03.53.52 Carlo Simula - Press Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

CON PREGHIERA DI DIFFUSIONE AGLI INTERESSATI




presenta


Leonardo Drew - Existing everywhere
Nari Ward - The Refinery X: a simple twist of fate



4 Febbraio - 7 Maggio 2006



SAVE THE DATES
Anteprima stampa e presentazione attività 2006 - 4 Febbraio ore 12, 3° piano.
Inaugurazione: 4 Febbraio, ore 18



Cari amici,
Palazzo delle Papesse apre il primo ciclo espositivo dell'anno 2006 presentando due nuovi appuntamenti, cui viene dedicato un piano ciascuno.

Le due mostre personali dedicate a
Leonardo Drew e Nari Ward rappresentano un'occasione unica per avvicinare l'opera dei due artisti. Il lavoro di Drew, infatti, non è mai stato finora presentato in Europa, mentre Nari Ward ritorna in Italia dopo un'assenza di quattro anni.

L'
object trouvé costituisce il dato di base da cui partire per entrambi gli artisti, ma il modo in cui tale dato viene processato è assai diverso.

Nel caso di
Leonardo Drew gli oggetti raccolti sono sottoposti a una sorta di accelerazione temporale: le opere sono concepite nello studio newyorchese di Brooklyn e vengono completate in Texas, dove i materiali di risulta di cui sono composte si accartocciano riarsi sotto il sole accecante. La ruggine corrode e lavora i materiali originando 'nuove forme di vita' o, per usare le parole dell'artista, "non possiamo sostituire la natura.....l'idea è quella di creare accanto alla natura", conferendo nuova vita a ciò che sembrava ormai inutile e dimenticato. La raccolta dell'object trouvé si oppone ai tentativi di rimozione psicologica e all'oblio a cui pareva destinato.
Un lavoro sulla memoria che si incentra sui processi evolutivi della materia; una pratica che prende forza da un habitat che alla durezza metropolitana unisce quello di una natura fiera e desertica: quasi una specie di
land art controllata. L'accatastamento, scomposizione e ricomposizione dell'oggetto industriale, diviene così metafora dei processi entropici ed evolutivi. Ma nel suo ripresentarsi accumulato e ri-ordinato attraverso cadenze compositive di matrice minimalista, non solo viene estetizzato ma intellettualizzato.

Una poetica della rovina, dello scarto e del consumato, a cui si avvicina anche il lavoro del giamaicano
Nari Ward (anch'egli da lungo tempo residente a New York). Una concezione quasi 'animistica' del detrito emerge nella sua opera. A mani nude, Ward rovista nella discarica dell'indifferenza. Mosso da un profondo senso religioso rievoca nella raccolta degli oggetti presenze e storie legate a paure o sentimenti atavici (la vita, la morte, il trapasso, il dolore, la gioia, andando all'origine delle ragioni stesse dell'esistenza). Intesse inedite trame narrative, riabilita la materia infondendovi nuova spiritualità. La rilettura delle scorie lasciate dalla società dei consumi e lo scorrere del tempo - secondo i ritmi asincroni della civiltà industrializzata e di quella edenica e primigenia - permettono agli assemblage di Leonardo Drew e di Nari Ward di fare uno scarto: sono il frutto di uno scavo archeologico e psicologico insieme che trascende il mondo della pura rappresentazione.

Le mostre di
Drew e Ward, rispettivamente intitolate Existing Everywhere e The Refinery X: a Simple Twist of Fate, occupano rispettivamente il primo e il secondo piano dello storico Palazzo. Lavori recenti si avvicenderanno a installazioni e sculture espressamente pensate per il Centro senese. All'ingresso un'inedita opera di collaborazione fra i due artisti (la prima nella loro carriera) aprirà il percorso espositivo che mette in mostra la ricerca di due fra i più significativi esponenti della scena artistica black newyorchese degli ultimi anni.

Cataloghi: Gli Ori, edizione bilingue italiano/inglese, con saggi critici di Lorenzo Fusi, Ralph Lemon, Marco Pierini, Barry Schwabsky.

In allegato il comunicato stampa. Per maggiori informazioni o richieste di materiale stampa non esitate a contattarmi ai numeri sottostanti.

Anteprima stampa: 4 Febbraio ore 12, 3° piano. Durante l'anteprima stampa verrà presentato il calendario delle mostre del 2006.

Per tutte le iniziative, le mostre, la storia del Palazzo, la nostra webradio d'arte Radio Papesse e molto altro cliccate sul nostro sito: OpenProtect ha rilevato un possibile tentativo di frode proveniente da "www.papesse.org." http://www.papesse.org.

Cordialmente


Carlo Simula
Stampa e comunicazione
Palazzo delle Papesse - Centro Arte Contemporanea
T +39 0577 220721 - F +39 0577 42039
E stampa.papesse@comune.siena.it
W http://www.papesse.org


-----------------------------
NO SPAM! Questa mail circolare - inviata in Blind Carbon Copy per rispetto della vostra privacy - alle redazioni o a persone a scopo informativo riguardo eventi culturali, non contiene pubblicità ne' promozione di tipo commerciale e viene inviata in conformità alla Legge 675/96 D.Lgs 196/2003. Cerchiamo di evitare doppi invii per quanto possibile. Se ciò accadesse segnalatecelo e provvederemo. Qualora non intendesse ricevere ulteriori comunicazioni la prego di inviare una risposta con oggetto: CANCELLA
specificando l'indirizzo email da rimuovere.
----------------------------

This email has been sent with an unregistered version of MaxBulk Mailer. MaxBulk Mailer is a new easy-to-use mail merge software for Macintosh.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl