Il commento del Dr. Gerosa del 1° "Premio Ischia Prospettiva Arte".

la curiosità di conoscere gli artisti che si sono posti sulla scia di simili

13/feb/2006 09.02.10 prota ciro Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 

 

L’assegnazione del Premio “Ischia Prospettiva Arte” 2005 vissuta in prima persona dal Dr. Alberto Gerosa, Direttore della rivista mensile d’arte “GOYA”, e descritta in un Suo articolo pubblicato nel numero di febbraio in edicola.

 

 

 

PREMIO “ISCHIA PROSPETTIVA ARTE” 2005

 

 

 

La prima edizione del Premio “Ischia Prospettiva Arte”, dedicata alla tematica “Cinque artisti nei pressi della pietra rossa: sulle tracce di Auden, Walton e Visconti”, si è conclusa nello scorso dicembre. In questa circostanza, sono stato invitato sulla splendida isola dell’arcipelago campano dal Promotore e Presidente dell’Associazione Ischia Prospettiva Arte, Dott. Ciro Prota, per assistere alle stimolanti discussioni che hanno portato all’assegnazione dei prestigiosi premi. Ad animare tali conversazioni erano Nino Ruju, maestro della “New Art” e Presidente della Commissione, il già menzionato Dott. Prota, il Prof. Ugo Vuoso, Direttore Artistico della Fondazione Villa La Colombaia, l’Avv. Enzo Collarile e Domenico Di Meglio, Direttore del giornale “Il Golfo”.

Sin dai suoi esordi, io e GOYA abbiamo prestato particolare attenzione all’iniziativa ischitana. Questo innanzitutto in considerazione del grande potere evocativo dei geni citati nel nome stesso della manifestazione... mi vengono in mente le parole del grande Dumas, ne Il Conte di Montecristo, quando racconta, alludendo all’isola d’Elba, di un posto dove “il gigante” ha lasciato le sue tracce. Il gigante, in quel caso, ovviamente era Napoleone Bonaparte; ma anche su un’altra isola, ovvero Ischia, tanti giganti hanno lasciato tracce importanti. Tra questi, il grande regista Luchino Visconti, il poeta e saggista Wystan Hugh Auden e il compositore William Walton. A rendere intrigante l’iniziativa promossa dal Dott. Prota contribuiva inoltre la curiosità di conoscere gli artisti che si sono posti sulla scia di simili giganti e che nelle loro opere hanno dato una personalissima interpretazione di questi geni e di questa isola, ognuno alla luce della sua particolare sensibilità artistica. Tra i partecipanti alla rassegna, Moreno Bondi, la cui estetica riflette sulla dialettica tra Mito, quindi dimensione sostanzialmente atemporale e Storia, ovvero concezione del tempo lineare contrapposta a una concezione ciclica. Ma c’era anche Ciro Palumbo, artefice di una produzione che riassume in sé tutti gli archetipi e i luoghi tipici della cultura mediterranea; per non parlare di Rodolfo Tonin oppure di Alfredo Pini e della produzione di quest’ultimo, che si pone come riflessione sulle compenetrazioni tra generi artistici diversi quali la pittura, ovvero l’arte figurativa e la musica.

Le opere di questi e altri artisti sono state esposte nel corso dell’estate del 2005 presso il frequentatissimo spazio di Ischia Ponte, la piccola galleria detta “della carrozza” (una piccola sala recuperata alla Villa Visconti) e lo spazio ufficiale del primo piano della villa del regista scomparso nel 1976. In effetti, l’iniziativa deve buona parte del suo esito positivo al contributo fattivo della Fondazione Villa La Colombaia, che non è solo un museo ma anche una scuola dal programma di formazione molto valido. Direttore Artistico della Fondazione è il Prof. Vuoso, intervenuto alla premiazione per illustrare il legame tra il grande regista e la pittura. Visconti infatti non si è solo occupato di cinema: ha frequentato la letteratura e la musica - egli stesso suonava il violoncello -; ha firmato importanti regie teatrali, liriche e ha utilizzato lo sguardo pittorico nel suo straordinario formalismo cinematografico. In considerazione di ciò, è stata inaugurata questa attività espositiva, che ha trovato nell’Associazione Ischia Prospettiva Arte il partner ideale.

Domenico Di Meglio, Direttore de Il Golfo, ha preso la parola per sottolineare l’importanza di dar voce e valorizzare i giovani artisti ischitani - uno di questi è Marco Cortese, le cui opere sono state esposte nel corso della rassegna -. Alla premiazione è intervenuto anche il Senatore Salvatore Lauro, fondatore di Arcipelago Campano, un consorzio di 600 imprenditori che vede in Ischia, Capri e Procida un distretto turistico di assoluta eccellenza in Italia e che è ben consapevole dell’importanza di un ricco programma culturale, anche ai fini dell’ulteriore sviluppo del turismo in quest’area.

Il primo premio, una pregevole scultura del Maestro Giuseppe Pirozzi, è andato a Moreno Bondi, “per aver interpretato” - riporto le motivazioni della Giuria - “con profondità tecnica e intensità emotiva temi archetipici che appartengono alle più immanenti esigenze comunicative e perché la sua arte è uno splendido esempio di innovazione delle più intense forme tradizionali”. La filosofia che informa la produzione bondiana s’ispira al principio - come ha spiegato lo stesso artista - di “riunire l’intelligenza al fare”, ovvero all’ideale di un’arte che sia frutto di un’intelligenza di lavoro, di una ricerca, oltre che di bellezza, emozione e valori estetici.

La menzione speciale 2005 è andata a Ciro Palumbo “per la rappresentazione metafisica di un suo personale mondo pittorico, in cui l’isola è un luogo privilegiato”. L’altra menzione speciale 2005 è spettata ad Alfredo Pini, “artista in grado di tradurre con efficace sintesi il rapporto fra musica, poesia e pittura”. Segnalazione speciale, inoltre, per Lello Lopez, “la cui ricerca di nuovi linguaggi artistici incontra forme comunicative contemporanee, suggestive e non convenzionali”.

In merito alla prossima edizione della manifestazione, il Dott. Prota ha dichiarato che quest’anno ci dovrebbe essere una ricerca di artisti emergenti, che non si sono mai proposti sulla scena. Tre di loro, designati dalla Commissione presieduta da Nino Ruju, esporranno nelle sale per l’intera rassegna. Sarà inoltre garantito il respiro internazionale dell’evento, in quanto verrà invitato tramite ambasciata un importante artista dell’area mediterranea. Altri due famosi artisti, invece, giungeranno a Ischia su invito diretto degli organizzatori.

 

                                                                                                                                        ALBERTO GEROSA

 


                                   

 

 

Tel. : 081/4971300 - Fax 081/5513494

Info: ischiaprospettivaarte@jumpy.it                                  

www.ischiaprospettivaarte.org

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl