"LA NUOVA UMANITA'" DI ROBERTO GUERRA A ROMA

04/mar/2012 16.35.01 Maurizio Ganzaroli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Nuova Umanità" di Roberto . Guerra (Armando Editore, Roma, 2011).Postfuturismo:
"Futurismo per la Nuova Umanità" di Roberto . Guerra (Armando Editore, Roma,
2011).
Dettagli
Scritto da Roberto Guerra
Il neofuturista ferrarese Roberto (o Roby Guerra) ha appena edito per la
prestigiosa Armando di Roma (specializzata nelle scienze sociali e
universitaria) Futurismo per la Nuova Umanità. Dopo Marinetti: arte, società,
tecnologia. Opera programmatica che colma certa lacuna della letteratura
critica sul futurismo, considerato dalla maggior parte dei critici esperienza
dell'avanguardia italiana conclusa fin dalla scomparsa di Marinetti, fondatore
nel 1909 del Futurismo. Guerra al contrario intende dimostrarne certa sua
continuità, avallato appunto da un editore di indubbio peso, almeno in chiave
postfuturista. Guerra promotore dell'avanguardia italiana fin dagli anni 80 ha
attraversato e oggi in primo piano, tutti i gruppi che dal secondo novecento
hanno rilanciato l'eredità del futurismo storico, per un nuovo futurismo
aggiornato ai nostri tempi, oggi all'era di Internet. Da Futurismo Oggi (Roma)
di Enzo Benedetto, Antonio Fiore, Luigi Tallarico, Vitaldo Conte ed altri
(tutt'oggi protagonisti, tranne lo scomparso Benedetto) all'ala culturale
futuribile di Riccardo Campa, Stefano Vaj, Giulio Prisco, Ugo Spezza (Milano);
ai nativi digitali netfuturisti di Antonio Saccoccio o connettivisti science
fiction di Marco Milani, Sandro Battisti, Alessio Brugnoli; al celebre Graziano
Cecchini RossoTrevi (Roma), l'uomo della Fontana Rossa di Trevi e altri blitz
futuristici); allo stesso postcontemporaneo, performer e musicista postpunk
Valerio Zekkini (Bologna), protagonista a Ferrara nel centenario, con quasi
tutti gli altri neofuturisti presenti. Infine all'urfuturismo (Roma-Pesaro) del
poeta Sandro Giovannini - ex Gruppo Vertex- e del filosofo Giovanni Sessa
(docente a La Sapienza di Roma) curatori (2011) del libro manifesto Nuova
Oggettività.


Nello specifico del volume da segnalare anche capitoli oltre il futurismo
dedicati a Vittorio Sgarbi, Mimmo Centonze, Vasco Rossi e i Kraftwerk e il noto
gioranalista cibeculturle francese Remi Sussan (intervista) ; soprattutto per
Ferrara città d'arte e scrittori, certa avanguardia ferrarese particolarmente
evidenziata, tra capitoli (Riccardo Roversi, Giovanni Tuzet, oltre a Sgarbi),
interviste (Filippo Landini, Vitaliano Teti, Dj Afghan) e citazioni per un
elenco complessivo di oltre 50 nomi. Tra essi gli stessi Maurizio Ganzaroli,
Zairo Ferrante, Andrea Forlani, Alessandra Fabbri, Sylvia Forty, Giorgio
Felloni, Lamberto Donegà. Claudio Strano (collaboratori di Guerra in diverse
iniative nel corso degli anni), oltre a Guido Barbujani, Marcello Simoni,
Lorenzo Mazzoni, Adriana Mastellari, Emidio De Stefano, Nedda Bonini eccetera.


Il libro è stato presentato direttamente su yoitube da Guerra lo scorso 20 2
(103° anniversario del futurismo), un fllmato a cura di Giacomo Verdoia; di
Futurguerra/Riccardo Campa, infine -The Cheetah- Il Ghepardo- il book trailer,
quasi simbolo del nuovo futurismo, secondo Guerra, neoprogressista, di sinistra
(anche il rottamatore Matteo Renzi citato nel volume) e ecotecnologico.

inShare.1Copyright © 2012 Roma Capitale Magazine. Tutti i diritti riservati -
*- Iscr. Trib Roma n° 283/2011 del 20-09-2011Powered by M.C. Informatica 2000 S.
r.l.


--------------------------------------------------------------------------------
Original Text:Mostra traduzioni alternative

--------------------------------------------------------------------------------


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl