Quali gallerie londinesi visitare questa primavera?

12/mar/2012 11.27.31 flavio4 Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dopo avere visitato le attrazioni immancabili di Londra come la tower of london, perchè non intraprendere un tour artistico?

Appena arrivati a Londra, la prima tappa per la maggior parte degli appassionati d’arte è rappresentata da una visita alla National Gallery, la quale ospita sempre varie mostre importanti tra cui, a breve, una dedicata alle opere di Joseph Mallord William Turner e Tiziano.


La mostra “The Turner Inspired In the Light of Claude” si terrà dal 14 marzo al 5 giugno e affronterà il tema dell’importanza delle opere del pittore del diciassettesimo secolo in relazione all’operato dell’artista. La mostra sostiene che, mentre Turner stava sperimentando un nuovissimo stile artistico all’inizio del diciannovesimo secolo, un “dialogo continuo” con Claude fu fondamentale per le sue opere. Essa offre l’opportunità di confrontare da vicino le opere dei due pittori che presentano un legame, e di osservare in che misura la padronanza della luce e del paesaggio di Turner traeva ispirazione dall’altro artista. 

La mostra comprende pitture a olio, acquerelli e schizzi, mentre l’ultima stanza descrive nel dettaglio lo stretto rapporto tra Turner e la galleria stessa. Alla sua morte, infatti, egli lasciò due dipinti alla National Gallery: “Didone costruisce Cartagine” e “Sole che sorge attraverso vapore”. L’unica condizione per tale dono era che le opere venissero appese tra due quadri di Claude, “Porto con l’imbarco della regina di Saba” e “Veduta con le nozze di Isacco e Rebecca”, meglio noto come “Il mulino”.

A breve si terrà anche un’altra mostra, intitolata “Titian’s First Masterpiece”, la quale potrà essere visitata dal 4 aprile al 19 agosto. Tiziano ebbe una carriera ricca di successi, caratterizzata dal patrocinio di molti re e duchi, ed è ancora considerato uno dei principali artisti di tutti i tempi.

Il suo primo dipinto, “La fuga in Egitto”, gli permise di mettere in mostra le sue elevate capacità di paesaggista. Egli utilizza pennellate decise e colori mozzafiato, tratti che sono molto indicativi delle sue opere successive. Dopo anni di esperti restauri, il quadro è finalmente pronto per essere ammirato, e questa mostra sarà la prima in cui potrà essere visto al di fuori della Russia dal 1768, quando l’imperatrice Caterina la Grande lo acquistò a Venezia.

Accanto al capolavoro di Tiziano verranno poste le contemporanee opere veneziane, a dimostrazione di come l’artista avesse adattato le idee presenti nelle opere di altri pittori per creare la sua sofisticata composizione.

In alternativa, la mostra “Inside Art” esplora le risposte creative alla collezione realizzate da un gruppo di giovani detenuti che hanno partecipato a una sfida artistica pratica. Nel 2011, la National Gallery Education ha realizzato la terza serie annuale di quattro settimane pratiche dedicate a progetti artistici presso la HM Young Offenders Institution Feltham, ovvero un carcere minorile e un’istituzione per giovani detenuti di età compresa tra 15 e 21 anni. Questa affascinante mostra ospita le opere create da 37 giovani che hanno preso parte a questi progetti. I laboratori sono stati incentrati su tecniche pratiche tra cui il disegno, l’incisione, la pittura, la scultura ritrattistica e diversi temi affascinanti come la ritrattistica, la natura morta, l’astrazione e la rappresentazione del mondo.   

La visita di Londra da parte di un appassionato d’arte non potrebbe tuttavia ritenersi completa senza una visita al Tate Britain, il quale ospiterà fino al 15 luglio l’affascinante mostra “Picasso and Modern British Art”. Questa importante mostra è incentrata sulla ricca eredità lasciata dal grande artista ed esamina il modo in cui la sua opera ha contribuito all’accettazione dell’arte inglese moderna. Essa inoltre considera il modo in cui le sue opere hanno influenzato l'arte inglese, oltre ai rapporti che l’artista ha mantenuto per tutta la vita con questo paese, e il suo amore per esso.

Il Tate Britain rappresenta un’altra tappa nel tour di qualsiasi intellettuale tra le attrazioni artistiche londinesi e, se la visita viene effettuata prima del 27 maggio, si ha la fortuna di visitare anche la mostra su Alighiero Boetti. L’importante artista italiano è stato uno dei principali membri di Arte Povera, un gruppo di giovani artisti italiani della fine degli anni Sessanta che ha svolto un ruolo fondamentale nel mondo dell’arte creando delle opere con materiali semplici.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl