“DIALETTICA DELL’IMPRONTA”, installazione di ANNA N. MARIANI

"DIALETTICA DELL'IMPRONTA", installazione di ANNA N. MARIANI "Dialettica dell'impronta" è l'opera che verrà presentata da Anna N. Mariani dal 29 marzo al 4 aprile 2012 nello spazio espositivo Opera Unica, a cura della takeawaygallery di Roma: teli, stoffe, frammenti di lenzuola pendono verticali dal soffitto della galleria creando stratificazioni e passaggi; su di essi impronte, tracce di una collaborazione reiterata, sono ricomposte con inserti di velina, ricami e fili di lana.

Persone Georges de Canino, Thomas Radigk, Gaia Gallerie, Giulia Mafai Inaugurazione, Paolo Stefanelli, Anna N. Mariani, Cassandra, San Giacomo
Luoghi Roma, Italia, Milano, Svizzera, Piacenza, Trieste, Cuba, La Spezia, Cefalonia, Nettuno, L'Avana, Maldonado
Organizzazioni Fondazione ANRP, Roma
Argomenti diritto, arte, scuola, istruzione

20/mar/2012 14.15.23 Galleria Opera Unica Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

“DIALETTICA DELL’IMPRONTA”, installazione  di ANNA N. MARIANI

 

Dialettica dell’impronta” è l’opera che verrà presentata da Anna N. Mariani dal 29 marzo al 4 aprile 2012 nello spazio espositivo Opera Unica, a cura della takeawaygallery di Roma: teli, stoffe, frammenti di lenzuola pendono verticali dal soffitto della galleria creando stratificazioni e passaggi; su di essi impronte, tracce di una collaborazione reiterata, sono ricomposte con inserti di velina, ricami e fili di lana. Un insieme di ciotole in terracotta, decorate con impressioni di creta bianca, completano l’installazione.

“Dialettica dell’impronta - opera circolare itinerante” è un progetto in continuo divenire, nato dal testo poetico “Lascia che”, scritto nel 2004 dall’artista: realizzato per la prima volta nello stesso 2004 con gli abitanti del quartiere dove ha il proprio studio, Mariani negli anni ha sensibilizzato e coinvolto un gran numero di soggetti sul tema della violazione dei diritti della persona, chiedendo loro di partecipare al farsi dell’opera: nel 2005 ha collaborato con un gruppo di studenti del Corso di pittura della Scuola Civica Arti Ornamentali San Giacomo di Roma, partecipi anche nelle successive performance; nel 2009 è stata sostenuta ed affiancata dai cittadini di Nettuno, dedicando l’azione a Natej Sing Sidhu e a tutte le vittime di atti xenofobi, portando il risultato dell’iniziativa a “Rifrazioni, Festival Internazionale di Performance e Arti Visive”; durante questo 2012 ha cooperato, attraverso un mese di laboratorio, con la dirigenza, gli insegnanti e gli studenti della Scuola Media Statale Paolo Stefanelli di Roma, che in concomitanza con la mostra alla Galleria Opera Unica daranno vita ad un’esposizione, presso il loro istituto, del lavoro svolto, mentre una testimonianza della produzione degli stessi ragazzi sarà presentata in via della Reginella attraverso i testi da loro scritti e le impressioni lasciate sulle ciotole realizzate dall’artista.

Nel corso degli anni ciascuno è intervenuto con un’azione creativa individuale, nelle varie fasi esecutive: il recupero di stoffe e materiali, la raccolta di impronte, la lavorazione dei teli e delle ciotole, la stesura di testi, la ricognizione fotografica. Un lavoro collettivo e corale, dove alcuni video, che verranno proiettati anche durante questa personale, documentano i diversi stadi della realizzazione, dalla performance alla messa in opera.

L’impronta, mani, capo e petto, è la traccia fondamentale del progetto. La denuncia: “faccia al muro”, gesto di violenza, è impressa sulla carta; la speranza: “dare e avere” è impressa sull’argilla.

Scrive Giulia Mafai nel testo critico che accompagna la mostra: “Un lungo filo bianco si srotola dal fuso per legare con leggerezza i lavori della Mariani che compie un lento e accurato lavoro di ricostruzione. Con delicatezza prende in mano i lembi sfilacciati delle nostre povere esistenze maciullate e distrutte dai tragici avvenimenti del secolo scorso e cerca con infinita pazienza, profondo rispetto e con una antica pietà di ricomporle, di ricucirle, ritrovare delle parole e, nascosto fra le pieghe, un messaggio a cui dare un senso. Come una novella Cassandra, cammina lentamente sul campo di battaglia, guardandosi intorno, cercando faticosamente di rimette insieme stracci, foto, ricordi e ricostruire - con pietas - un percorso antico”.

Anna N. Mariani ha sviluppato un personale percorso, affrontando nel tempo soggetti ricorrenti ma interpretati attraverso diversi linguaggi espressivi: dalla pittura alla scrittura, dalla performance al video. Le tematiche: Territorio ed appartenenza, Confronti, Memoria e consapevolezza. Dal 1983 partecipa ad eventi mirati in Italia e all’estero. Tra questi sono da ricordare: “Cinqueterre”, 1983 -’84, Monterosso (La Spezia) e Gaia Gallerie d’art, Verbier (Svizzera);  “…fermata d’autobus”, personale itinerante tra Milano e Piacenza, ’89-’90; “anatomia di un’idea”, Bocca della Verità, Roma,  2003; “Testimonials 2003”, Cefalonia; “il nero chiama di nero”, Civico Museo Revoltella, Trieste, 2004; “InteraXioni”, videogenerativo di Maldonado e Mariani, Sala 1, Roma, 2004; “Música Electroacustica” Habana (Cuba) e Biennale di Quenta (Equador); “121 motivi per non dimenticare”, Fondazione ANRP, Palazzo Valentini, Roma, 2004; “Una lunga scia” performance, Protomoteca in Campidoglio, Roma, 2007; “Installazione di sabbia per 24 e 1”, film-documentario di Thomas Radigk, 2011.

 

Info:

Installazione “Dialettica dell’impronta” di Anna N. Mariani

A cura di takeawaygallery

Con il Patrocinio della Fondazione ANRP - Archivio Nazionale Ricordo e Progresso

Testi critici di Georges de Canino e Giulia Mafai

 

Inaugurazione: giovedì 29 marzo ore 18.00

Dal 29 marzo al 4 aprile 2012

Orario: l’opera è visibile 24 ore su 24

 

Galleria Opera Unica

Via della Reginella 26, Roma

06-68809645   operaunicaroma@gmail.com

 

Altri contatti: takeawaygallery@gmail.com

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl