La 2° edizione di "Cento itinerari più uno", un progetto dell'Ente Cassa di Risparmio per il Chianti.

10/mar/2006 02.44.34 Nicoletta Curradi Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Con il progetto "Cento itinerari più uno" l'Ente Cassa di Risparmio persegue la finalità di promozione e diffusione, soprattutto tra i giovani, della conoscenza delle tradizioni, della storia e della cultura del territorio toscano. L'interazione tra le due dimensioni, risorse locali da una parte e giovani dall'altra, persegue l'intento di creare nuove opportunità di sviluppo economico e forme di valorizzazione del patrimonio locale, fondate su una migliore consapevolezza e conoscenza, alla riscoperta del territorio. Il progetto è iniziato nel 2002 nel territorio del Cicondario dell'Empolese Valdelsa e si è concluso nel 2005 con risultati molto positivi: esso ha consentito di definire un " modello progettuale" di riferimento da riprodurre in altri territori, per esempio nel 2006 nel territorio tra FIrenze e Siena. Il filo conduttore del progetto saràla "Tabula Peuntigeriana" antichissima testimonianza cartografica del mondo: i giovani saranno guidati in un "viaggio" lung! o strade ed itinerari alla scoperta di ricchezze racchiuse da quel territorio, nei comuni di Bagno a Ripoli, Impruneta, S:Casciano e Tavarnelle Val di Pesa, Barberino Val d'Elsa e Greve in CHianti, Radda, Castellina, Gaiole e Castelnuovo Berardenga. Nella sua seconda edizione il progetto promuoverà e realizzerà attività rivolte a ragazzi in età compresa tra 13 e 19 anni, ma pure ai giovani già diplomati, in età tra i 20 e i 32 anni. Sarà presto reso pubblico un bando, consultabile sul sito www.centoitineraripiuuno.it per la partecipazione ad un corso di formazione e specializzazione realizzato dall'Ente con il contributo della Provincia di Firenze, Università degli Studi di Firenze, ITC Volta e Scuola di Scienza Aziendali di Bagno a Ripoli. I diplomati potranno divenire esperti nella valorizzazione delle risorse culturali e ambientali dell'area. Nel contempo, attraverso pubblicazioni e video per le scuole e una mostra multimediale, il progetto stimolerà i giovani a partecipare al concorso per progettare un nuovo itinerario. Le istituzioni rappresentano un elemento indispensabile per la buona riuscita del progetto. Nella prima edizione sono stati coinvolti 11 comuni dell'Empolese Valdelsa, 260 ragazzi delle superiori, con 5.000 visitatori delle mostre.
 
Nicoletta Curradi


Nicoletta Curradi
Yahoo! Mail: gratis 1GB per i messaggi, antispam, antivirus, POP3
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl